venerdì 19 giugno 2020

'Soltanto Io e Te' di Irene Zavaglia

Nell'ambito della rubrica "I miei ospiti", oggi ho l'onore di pubblicare una poesia della mia amica Irene del blog "Dadirri".
La particolarità delle sue liriche è che sono molto profonde, ma non hanno un titolo, poiché rispecchiano la personalità dell'autrice, una ragazza sanguigna e passionale, ma lontana da qualsiasi convenzione... Proprio come me.
Allora, godetevi questi suoi versi, che ho scelto di titolare con il verso che chiude la poesia.

Soltanto Io e Te

Il Bello viene quando le cose urgenti non lo sono più,
quando all'improvviso gli altri te le vomitano addosso,
le cose urgenti,
ma dentro cresce il desiderio incosciente di lasciarle,
quel desiderio che esplode come un Attentato alla responsabilità altrui.

Allora toccherebbe mollare tutto ed uscire,
e sentirsi più leggeri,
quasi felici.

Perché il vero gusto non è non avere nulla di improrogabile da fare,
ma avercelo e non farlo.
È quel briciolo di follia,
quel frammento d'imponderabile,
quella scintilla emozionale che ti riaccende l’Anima.

Pensami, dunque.
Pensa che lascerei ogni cosa e verrei lì,
Pensa che con un gesto getterei a terra 
ogni cosa "urgente" dalla tua giornata,
pensa che mi aiuteresti,
pensa al disordine,
ai fogli che cadono a terra,
pensa al calore della Mia pelle sulla Tua,
ai brandelli di vestiti che ti solleticano un po',
pensa che non te ne frega niente,
pensa che non t'importa nulla del resto,

Pensa che esistiamo Io e Te.
Soltanto, Io e Te.
Irene Zavaglia

44 commenti:

  1. Risposte
    1. L'unica cosa che conta davvero...
      Benvenuto Giorgio e grazie!

      Elimina
  2. Irene da me ha scritto, riferendosi alla poesia di D'Aleo, che leggendola si percepisce l'anima dell'autore. E' così anche per la poesia di Irene.
    Lggo quell'amore così forte che lei riesce a dare, un amore dolce, istintivo e passionale, un vento travolgente e impetuoso, come è lei caratterialmente. Anche il briciolo di follia c'è :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È inevitabile che i nostri scritti ci rappresentino. A maggior ragione le poesie.
      Diffido sempre da coloro che sostengono di non essersi ispirati a nessuno, scrivendo...

      Elimina
    2. Riccardo, così però mi emozioni ^_^ Io non riesco a vedermi. Ma grazie per la visione di me.
      Ragazzi, se anche un testo può mantenersi neutro, una poesia è sempre più diretta e di pancia. Nasce come un respiro dai polmoni di chi la soffia.

      Elimina
  3. Desiderio di fare sesso sfrenato urgentemente.
    Molto bella mi piace.
    Diretta e passionale mi piace proprio

    RispondiElimina
  4. Pensa che con un gesto getterei a terra
    ogni cosa "urgente" dalla tua giornata,
    pensa che mi aiuteresti

    Bella, complimenti! 👏
    Ha una "metrica" che secondo me potrebbe diventare il testo di una canzone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che l'ho pensato anch'io?
      Magari qualche cantante la legge qui da me e Irene diventa super famosa. 😅

      Elimina
    2. :DDD... mi avete fatto sorridere.
      Ringrazio per il bel complimento, ma sono più che certa che se qualche poeta o paroliere leggesse le mie parole, tutto potrebbe accettare tranne che la metrica inesistente :P
      Però, vi dirò: avrei tanto ma tanto voluto scrivere una canzone, fosse anche per un cantante pinco pallino qualsiasi. E' forse uno dei miei sogni nel cassetto. Peccato che di musica non ne capisca un'acca. Chissà se conta :)

      Elimina
  5. Irene è carinissima e la sua poesia :FA.VO.LO.SA (lei sà cosa intendo).
    Sì , sono d'accordo con Gas , ne uscirebbe una bella canzone davvero .
    Chissà , noi potremo dire che siamo stati i primi a leggerla...
    Buona serata . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah
      Anch'io so cosa intendi. E mi dispiace che Blogger blocchi i link nei commenti. 😉

      Elimina
    2. I link nei commenti si possono mettere: Google... 😎

      Elimina
    3. Lo so.
      Ma io e Laura non siamo così tecnologiche... 😅

      Elimina
    4. Oh, Laura, sei Tu ad essere una donna STRAORDINARIA (e pure questa suona bene). Io mi incanto al tuo vissuto e alla tua dolcezza. Un onore per me averti conosciuta <3

      Elimina
  6. Giuro che l'ho immaginata come una canzone di Vasco :D
    Se è un complimento o no, lo dico a Irene :D

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre meglio di Vasco che del tuo amico zozzone. 😂😂😂

      Elimina
    2. Sì vabbè... Vasco grande autore, ma in fatto di doti canore lo "zozzone" è meglio! 😉

      Elimina
    3. Per me sono pessimi entrambi.
      Così siamo tutti felici. 😂😂😂

      Elimina
    4. Moz, io son contenta *_*. Ma Vasco ti verrebbe dietro con la mazza XDDD Povero Vasco!
      Non so chi sia lo zozzone, ora m'avete incuriosita... :)

      Elimina
    5. Il suo mito che non si lava mai i capelli (e non solo)...
      Piero Pelù. 🤢

      Elimina
    6. Aaaaaaahhh! ma è lui! il grande!... Se la giocano con Vasco: a me, in termini musicali, piacciono tutte e due *_*
      Cla, ma il capello unto fa rock, fa vissuto, fa animal. E' la natura struggevole di certi geni :D

      Elimina
    7. "Fa vissuto, fa animal".
      FA SCHIFO. Altro che!

      Elimina
  7. Cara Claudia, non è poi tanto male fa un po ridere. ed è necessario.
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso 

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi sembra una poesia ironica.
      Ma ognuno la interpreta come crede.
      Buona serata.

      Elimina
    2. Grande Tomaso! Bello tu che riesci sempre a scorgere il lato comico :)) Ti voglio bene! :*

      Elimina
  8. Claudia, Grazie per aver ospitato i miei versi <3. Grazie per l'emozione. Questa "poesia" è un bel ricordo. Tanto bello.
    Grazie soprattutto per le parole che mi hai dedicato e per la nostra amicizia.
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avrei potuto scrivere molto di più, ma non ho voluto rischiare di spostare l'attenzione dalla poesia.
      Grazie a te.
      Ti voglio bene. ❤

      Elimina
    2. Tanto, anche io. E lo sai <3

      Elimina
  9. Hai ragione Claudia. I versi di Irene sono profondi e sentiti e mettono in evidenza tutta la sensibilità e l'anima e dell'autrice. Hai fatto bene a pubblicare il post, Avevo già letto sulla pagina di Irene la lirica suddetta ma mi ha fatto piacere rileggerla. Grazie per il post. Un saluto e un sorriso. Buona fine settimana. ❤❤❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero?
      Io credevo di non averla mai letta, invece.
      Magari ti stai confondendo con un'altra poesia. Ma non insisto.

      Elimina
    2. Ciao Vivì, grazie infinite, sei sempre tanto cara :))
      Forse in questo caso si tratta effettivamente di un'altra poesia: non ricordo d'averla mai pubblicata su Dadirri.
      Ad ogni modo. Grazie <3

      Elimina
  10. Risposte
    1. Eh no, Marina non ama la poesia :)) Ma a me vuole bene :D <3

      Elimina
  11. Quanta passione! Bella.
    buona giornata Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valeria, appassioniamoci finché possiamo. Buona domenica

      Elimina
  12. Irene mi dà sempre i brividi, anche quando scrive tutt'altro che poesie.
    Ma è poetica lei stessa, il modo in cui allaccia le parole l'una all'altra, le sensazioni che riesce ad evocare. Nitide nitide, trasparenti.
    Bella poesia. E sai che io di poesie ne leggo ogni giorno.
    Un bacio ad entrambe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando le consigliai di visitare il tuo blog, ero certa che vi sareste piaciute.
      Avete molte cose in comune.
      Ricambio il bacio.

      Elimina
    2. Sara, io potrei aver scritto di te quello che tu hai scritto di me ^_^ E non è la prima volta.
      Claudia ci aveva visto giusto <3

      Elimina
  13. La sottile linea del desiderio
    Grande IRENE
    Molto brava
    Il mio abbraccio
    Maurizio

    RispondiElimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.