sabato 27 giugno 2020

Sbriciolata alle ciliegie

Uno dei frutti più ricorrenti sulla mia tavola, in estate, è sicuramente la ciliegia.
Tra zii, nonna e suoceri, ne ricevo moltissime e mi piace ideare ricette sempre nuove, per renderle protagoniste dei miei dolci.
Stavolta ho preparato una semplice sbriciolata alle ciliegie, che ha lasciato tutti con l'acquolina in bocca, tanto che mi hanno fatto promettere di rifarla al più presto.

Ingredienti (stampo da 26 cm):
- 300 grammi di farina 00,
- 1 uovo,
- 90 grammi di zucchero,
- 100 ml di olio di semi di girasole,
- 1 cucchiaino di lievito per dolci.

Per il ripieno:
- 200 grammi di ciliegie,
- 2 cucchiai di zucchero,
- succo di mezzo limone.

Per cominciare, lavate le ciliegie e tagliatele a metà, privandole nel nocciolo.
Quindi, cuocetele per 5 o 6 minuti in un padellino, con lo zucchero e il succo del limone, mescolando continuamente.
Una volta spento il fuoco, lasciate intiepidire.

A parte, sbattete l'uovo con una forchetta e allungatelo con l'olio.
Quindi, aggiungete lo zucchero e continuate a mescolare, finché non otterrete una crema piuttosto densa.
Versate ora la farina, poca alla volta, e il lievito, continuando a lavorare con la forchetta.
L'impasto diventerà grumoso e asciutto.

Prendete una teglia e rivestitela di carta forno inumidita.
Versate metà impasto sul fondo della teglia, compattandolo con le mani, in modo da renderlo sottile e uniforme.
Ora, adagiate sullo strato di frolla venutosi a formare le ciliegie, livellandole con un cucchiaio.
Infine, sbriciolate il resto dell'impasto fino a ricoprire completamente il ripieno.

Cuocete in forno statico preriscaldato a 180° per circa 30 minuti.

Consigli:
- Attendete che la sbriciolata sia freddissima prima di sformarla.
- Servite spolverizzando con dello zucchero a velo.
- La quantità di ciliegie è del tutto discrezionale. Io preferisco non farcire troppo i miei dolci, per renderli più semplici da mordere, ma sentitevi liberi di aumentare la dose, a seconda dei gusti.

21 commenti:

  1. Proprio oggi che ricorre il quarantennale di un DC9 "sbriciolato" dai caccia militari... un tempismo perfetto.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' grave se non so di cosa parli?

      Elimina
    2. Molto... ma come accenno nel mio post odierno.. fin troppi i giovani che magari si scandalizzano per i Regeni di turno.. ma non hanno idea delle vergogne pazzesche del passato.. :(

      Elimina
    3. Ah, parli della strage di Ustica.
      Perdonami se non ho colto il riferimento in un post che parla di una torta.... :P
      E comunque 40 anni fa non ero neppure nata, e a scuola purtroppo la storia contemporanea non si studia.
      Quindi ne so lo stretto indispensabile.
      Magari il tuo post (che leggerò più tardi) mi schiarirà le idee.

      Elimina
    4. @battaglia anche il "Regeni di turno" ha una famiglia sai.. ma si vede che per te è una vittima di serie b. L.

      Elimina
  2. Anche se non sono molto amante dei dolci con la frutta, devo dire che ti è venuta proprio bene questa sbriciolata :) ha un aspetto delizioso.
    Un bacione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, invece, li adoro.
      A condizione, però, che non contengano gelatine e... "porcherie". 😉

      Elimina
  3. Buone le ciliegie, anche quest'anno fortunatamente le ho assaggiate, ma in questo modo no, meglio marmellata ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io evito sempre le marmellate. La frutta a pezzetti ha tutto un altro sapore.

      Elimina
  4. Praticamente è la cherry pie di Twin Peaks^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo crederti sulla parola, visto che non sono una fan della saga. :P

      Elimina
  5. È morbida?
    Sembra buona.
    Le ciliegie mi piacciono assai

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo è. Si lascia mangiare abbastanza agevolmente, ma è comunque una "crostata frantumata".
      Quindi non può essere fragrante come un pan di spagna.

      Elimina
  6. Purtroppo sono ancora a Milano ma fossi in Liguria potrei adoperare i frutti del mio ciliegio multietnico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dev'essere una bella soddisfazione averlo curato da zero e reso così fruttifero.
      Purtroppo non ho il pollice verde, ma in famiglia ho diversi orti, quindi posso gustare le migliori prelibatezze biologiche e, perché no, farne anche dei dolci. ;)

      Elimina
  7. Buonissima da fare subito, stamattina ho comprato le ciliegie e appena posso farò questa ricetta. Grazie e buon fine settimana, Angelo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi credi che nella mia vita non ho mai acquistato delle ciligie?
      Sì, sono molto fortunata... 😅😘

      Elimina
  8. L'aspetto è bellissimo.Io anni fa mangiai lo strudel di ciliegie sapessi che bontà.OLga

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmm che desiderio.
      Non l'ho mai fatto nè mangiato.
      Voglio provarlo!

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.