mercoledì 15 agosto 2018

Basta polemiche: facciamo silenzio


Secondo gli ultimi dati diffusi dalle testate giornalistiche nazionali, sarebbero 39 i morti accertati a causa del crollo del ponte Morandi, avvenuto a Genova ieri 14 agosto, tra cui 3 bambini.
Inutile aggiungere altro, sebbene molti stiano tentando di strumentalizzare l'accaduto, per ragioni politiche.
Un abbraccio alle famiglie coinvolte nella tragedia, e un applauso a tutti i soccorritori che, come sempre, fanno del loro meglio per estrarre corpi vivi da sotto le macerie.

26 commenti:

  1. Già, è inutile in queste ore cercare le colpe..ci sarà tempo per quello.. ora resta solo il dolore e il ricordo delle vittime

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto. Non credo che, al momento, ai Genovesi interessi chi mandare al patibolo.
      Magari, avrebbero bisogno solo di amore e comprensione.

      Elimina
  2. Ricambio di Cuore il tuo pensiero cara Claudia, ed una preghiera.

    Rosy

    RispondiElimina
  3. Come sai, odio le strumentalizzazioni politiche...concordo in pieno con il tuo post

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non riesco a leggere i quotidiani, in questi giorni.
      Ecco. dovrei proprio evitare di farlo...
      Ma tanto ci sono i tuttologi dei social...

      Elimina
  4. Cara Claudia, credo che ora si deve pensare solo alle povere vittime, e ai famigliari.
    Tutto il resto piano piano verrà a galla le vere responsabilità.
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto Tomaso.
      Tempo al tempo.
      Per ora pensiamo a loro. 😓
      Buona serata.
      Ti abbraccio.

      Elimina
  5. Hai ragione Claudia, quanto dolore per le povere vittime e le loro famiglie...

    RispondiElimina
  6. Quello che è accaduto è davvero terribile. Non ci si può pensare.
    E sul serio le strumentalizzazioni hanno solo rotto le scatole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualsiasi cosa accada si assiste al solito gioco del massacro.
      Che schifo.

      Elimina
  7. Nei prossimi giorni ci sarà più chiarezza, oggi stringiamoci ai cittadini di Genova con rispetto e silenzio.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto.
      Proprio come dicevamo ieri sul tuo blog.
      Rispetto e solidarietà.

      Elimina
  8. Un pensiero a tutti coloro che soffrono per questa tragedia. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eri nei miei pensieri. Son passata da te un'oretta fa, ma il link mi risulta rimosso.
      A presto.

      Elimina
  9. Mi unisco al tuo pensiero.
    sinforosa

    RispondiElimina
  10. Rispetto ci vuole in questi casi. Tanto rispetto per chi è morto e per il dolore di chi ha perso qualcuno di caro.
    Poche chiacchiere e molti fatti.
    E purtroppo non è scontato che sia così...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, cara Maris.
      Non solo non è scontato, ma quasi sempre non si verifica affatto.. 😓

      Elimina
  11. La tragedia di Genova mi tocca da vicino . Abito in Prov. di Genova ,
    su quel ponte sono passata tante volte x andare a trovare mio fratello
    che abitava a Ponente (io a Levante) ,poteva succedere anche a me
    in un altro momento .Ora la Liguria è spaccata in due.
    Chi pagherà x questo disastro ? Alla fine nessuno . E' sempre colpa
    degli altri . Chi ci rimette sono sempre coloro che hanno necessità
    di viaggiare su quel ponte x lavoro e , ora non c'è più .
    Vi abbraccio . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mannaggia alla mia memoria. Non ricordavo vivessi a Genova.
      È triste pensare che un ponte possa creare tanti disagi alla popolazione, manco fosse il muro di Berlino.
      Eppure, tecnicamente, la sua presenza è fondamentale.
      Non so come faranno tutti questi lavoratori a cui mi hai fatto pensare.
      Effettivamente, la tragedia è più grande di quanto si possa immaginare.
      Un abbraccio a te. ❤

      Elimina
  12. Già, basta inveire contro i politici, dopotutto sono umani anche loro, e sbagliano anche più di tutti gli altri..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è proprio l'assenza di umanità.
      Su tutti i fronti...

      Elimina
  13. Mi ricordo che da piccolina ogni volta che passavamo di lì i miei genitori mi dicevano "preparati Naty che siamo a New York, stiamo per attraversare il Ponte di Brooklyn"... 10 giorni fa, di ritorno dalle ferie ho detto la stessa frase ad Ambra... uno strazio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma mia. Mi hai fatto venire la pelle d'oca.
      Inutile aggiungere altro.
      Ti abbraccio.

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.