giovedì 9 agosto 2018

La vita è una bolla di sapone


Quello che vedete in foto è Lorenzo.
Gli ho comprato le bolle di sapone e non riesce a smettere di entusiasmarsi, giocandoci.
Sa bene che toccandole esplodono, e gli rimane soltanto il profumo sulle mani e la freschezza dell'acqua, ma continua ad inseguirle ed a scoppiarle.
In fondo, tutta la nostra vita è una bolla di sapone.

Che noia sarebbe, però, se non inseguissimo i nostri desideri, o quello che semplicemente ci rende felici, per paura dei rischi.
Per il timore di veder scoppiare la bolla in un istante.
E invece no.
Godiamocela appieno. Sempre.
Buona serata! ❤️

49 commenti:

  1. Pianificare, studiare, organizzare, ipotizzare. Così si può ridurre l'impatto dei rischi :D.

    La vita è una bolla di sapone perché purtroppo la nostra vita è fragile :/.

    Per fortuna c'è Lorenzuccio, comunque al mare gli undici venditori abusivi tollerati dal sottoscritto erano quelli che sparavano le bolle di sapone. Mi sono sempre piaciute <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Regalo di Natale per Riccardo: le bolle di sapone.
      Attenzione, non la pistola sparabolle triste ed automatica, ma quelle classiche come in foto.. 😜

      Elimina
  2. LA VITA SULLA TERRA E’ SOLO UNA BOLLA DI SAPONE (Gandhi)


    Una bolla di sapone è quanto di più fragile, magico, incantevole esista sulla terra.

    Una sottilissmia pellicola di acqua che galleggia soavemente nell’aria prendendo le iridescenze della luce.



    Claudia, istintivamente ti sei trovata d'accordo con l'immenso Gandhi.
    Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non conoscevo questa citazione, ma sono spesso d'accordo con Gandhi.
      Resta uno dei pensatori migliori di tutti i tempi.

      Elimina
  3. quanto adoravo le bolle di sapone.
    quella str.di mia madre non me le comprava perchè diceva sporcavano..
    mi ha castrato il gioco..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma nooooo!!!
      Io gliele ho prese pochi giorni fa e da allora vuole stare sempre sul balcone a scoppiarle.
      Comunque, ti svelo un segreto..
      Tante cose che non sono riuscita a fare da bambina per motivi ics, le sto facendo adesso.
      L'alibi di madre funziona alla grande. 😉

      Elimina
  4. Juliette, ho già parlato dell'educazione. Quello di tua madre è un esempio classico di errore grave. Interrompere il gioco ai bambini ha un effetto tragico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gus, riesci sempre ad estremizzare tutto. Non credo che Juliette fosse arrabbiata con sua madre.
      La sua mi sembrava una battuta.
      E non credo neanche che la mancanza delle bolle di sapone possa averle compromesso il futuro.
      Neanch'io avevo il Tamagotchi perché mamma pensava che mi sarei fissata.
      Me ne dispiaceva, ma finì lì.
      Adesso se tornano davvero alla ribalta me lo compro e amen.

      Elimina
  5. "quanto adoravo le bolle di sapone.
    quella str.di mia madre non me le comprava perchè diceva sporcavano..
    mi ha castrato il gioco.."
    Il mio commento non estremizza. E' un errore classico dei genitori. Non ho detto che può rovinare la vita di una bambina. Sarebbe assurdo.


    Claudia Juliette ha tolto il follower, Non ho estremizzato, str, sembra vero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi meraviglio che lo abbia tolto. E ha fatto bene.
      Perdonami, ma non condivido il tuo modo di imporre la tua visione del mondo sugli altri.
      Infatti anch'io smisi di seguirti, ma mi pare che nulla sia cambiato..
      Poi finisce che la maleducata sono io...

      Elimina
    2. Claudia, io dico come vivo e chi sono. Se estremizzo è un buon motivo per non ascoltarmi.

      Elimina
    3. Non hai capito.
      Questo blog è casa mia. Sul mio blog io esprimo tutti i pensieri che voglio e chi vuol commentare lo fa.
      Sui blog degli altri, invece, sono sempre educata e misurata, perché sarebbe come andare in bagno senza chiedere il permesso in casa di estranei.
      Tu, invece, usi tutti i blog come se fossero tuoi e ti imponi, dando giudizi spacciati per nozionismo.
      Personalmente questo atteggiamento non mi piace, e forse non piace anche ad altri.
      Spero di essere stata più chiara.

      Elimina
  6. Io non considero il mio blog come "casa mia", ma un luogo ognuno esprime il proprio punto di vista.
    Il commento se appare spiacevole può essere anche eliminato. Io non posso scrivere quello che non sento, ho opinioni e le esprimo. Non puoi essere tu a dire che voglio imporre qualcosa, ma solo chi riceve il commento che non è gradito. La discussione riguarda sempre considerazioni in generale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo caso mi pare evidente che Juliette non abbia gradito, ed io ho il dovere morale di moderare il dibattito. Perché sì, è casa mia.
      C'è la mia firma ovunque, le mie foto, quelle di mio figlio, i miei pensieri. C'è più di mio in questo blog di quanto non ce ne sia nell'androne del mio palazzo.
      In ogni caso, spesso IO non ho gradito i tuoi commenti e te l'ho fatto presente, ma è servito solo a sentirmi dire che sono un'attaccabrighe. Proprio che detesto sprecare fiato e parole con la gente.
      Quindi, come vedi, è una partita persa.
      P.S. I commenti non li elimino perché non ho 13 anni.
      Ho lasciato la scuola media molto tempo fa. Anzi, persino allora affrontavo i "problemi" anziché aggirarli..

      Elimina
    2. Juliette non ha risposto al mio commento.
      Cosa stai moderando?
      Il fatto che ha tolto il follower è scritto da me e lo sai per me.

      Elimina
    3. Il fatto che lei non abbia risposto al tuo commento mi lascia intendere, per quel poco che la conosco, che non abbia gradito.
      E non avrei gradito neppure io al suo posto.

      Elimina
  7. "Tu, invece, usi tutti i blog come se fossero tuoi e ti imponi, dando giudizi spacciati per nozionismo.
    Personalmente questo atteggiamento non mi piace, e forse non piace anche ad altri.
    Spero di essere stata più chiara".


    Sì, sei stata chiara. Nel tuo blog che consideri casa tua puoi tranquillamente esprimere giudizi negativi nei miei confronti, ma sse scrivi nel mio blog sei "educatissima".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi pare di aver espresso giudizi negativi su di te senza che tu fossi presente.
      Proprio perché io, a differenza d'altri, le cose le dico in faccia. E sicuramente non ti stupirai di nulla, visto che ben conosci le ragioni del mio pensiero, che ho provato a rispiegarti stasera. Ma a vuoto, vedo.

      Elimina
    2. Quello che si scrive nel blog rimane. Cosa significa essere presenti?

      Elimina
    3. Intendevo che qualsiasi giudizio su di te l'ho espresso parlando con te. Perché è mia abitudine farlo.
      Quando, poi, hai smesso di seguirmi (almeno sulla carta) ho evitato volentieri di nominarti.

      Elimina
    4. Io scrivo anche nei blog che non seguo e non partecipare alle tue discussioni mi sembrava scortese.

      Elimina
    5. Tranquillo..
      Ti dispenso dall'obbligo morale di partecipare.
      Nessuna scortesia. Anzi.

      Elimina
  8. Cara Claudia, cosa non si farebbe per accontentare un bambino.
    La bolla di sapone fa tanti effetti si esprime desideri ma attenti non esagerare.
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna Lorenzo è un bambino che si diverte con poco.
      Un abbraccio.

      Elimina
  9. Bisognerebbe vedere la vita sempre come con gli occhi di un bambino ... esattamente come fa lorenzo, bellissima immagine :) un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che io ho ripreso a farlo grazie a lui? 😍😍😍😍

      Elimina
  10. Cara Claudia il tuo sguardo tenero è meraviglioso.
    Mi hai fatto tornare in mente il mio momento con i miei nipoti e le bolle di sapone, rigorosamente come le tue, da soffiare, inseguire e far scoppiare...e ad esser sincera lo farei anche da sola... 😉😉😉
    Buona serata, ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora sei più coraggiosa di me.
      Io ho aspettato l'alibi della maternità per poterle rifare.
      Così come i giri sulle giostrine tipo il bruco e i cavallucci.. 😍😍
      Da sola mi vergognavo, dai.
      Buona serata a te.
      Bacio.

      Elimina
  11. Le bolle di sapone hanno un qualchè di magico, piacciono a grandi e bambini. Evviva le bolle di sapone, brava Claudia, sono questi i giochi 👍🏼.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Son proprio le cose che lo fanno impazzire.
      Mi piace educarlo alla semplicità, e devo dire che per ora mi riesce abbastanza facile.

      Elimina
  12. Ma no dai Claudia...le giostrine no 😁, è diverso.
    Neanche da bimba credo mi piacessero, amavo di più le cose spericolate. 😉😉😉
    Però per i piccoli mi sacrificherei, forse.
    Buona serata anche a te! 😗🌟

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma stai scherzando?
      La giostrina con i cavalli che girano è sempre stata il mio sogno.
      La adoravo da bambina e la adoro ancora adesso.
      Nella piazza della mia città ne mettono una quasi tutto l'anno, ed io ci vado spesso.
      Cioè... Accompagno Lorenzo.. 😂😂😉

      Elimina
    2. Ok, mi hai convinta, ahahahah...se ci dovessimo incontrare con i bimbi faremo giri infiniti sulle giostrine con i cavalli...
      Poi però tra noi tutti a cavalcare cavalli veri...ahahahah...
      Comunque sono belli anche i carrillion a giostrine, hai presente?

      Elimina
    3. Non ho ben capito cosa intendi per carillon.
      Che poi, la mia, non è fatta solo di cavalli.
      C'è anche la carrozza di Cenerentola, il camion dei pompieri, la macchina di Topolino.
      Insomma, ce n'è per tutti i gusti.

      Elimina
    4. Va bene dai, se lo trovo te lo posto su g+. Così do la buonanotte a tutti. Notte, notte Claudia. Ciao.

      Elimina
  13. L'incanto delle bolle di sapone è senza tempo.
    Vedessi i miei monelli come le amano!
    E ritornare un pò bambini sia per gioco sia per inseguire nella vita i nostri sogni farebbe bene ad ognuno di noi.
    Buonanotte cara Claudia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino loro e te che ti diverti persino di più a guardarli felici, o ad insegnargli a fare le bolle multiple.
      Buonanotte a te cara Maris. 😚

      Elimina
    2. Immagini bene ;) :) :D

      Elimina
  14. Mi trovi assolutamente d'accordo.
    Tutta la vita, in fondo, potrebbe rivelarsi fragile e fugace come una bolla di sapone. Ma perché non rincorrerla, perché precludersi la possibilità di fare questo viaggio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per paura, forse.
      Ma cosa sarà mai questa paura? 😉

      Elimina
  15. E spesso è anche una rottura di bolle!

    RispondiElimina
  16. Adoro le bolle di sapone, quando avevo i figli piccoli tentavamo con vari intrugli ma...non venivano mai bene come quelle comperate, adesso sono fuori esercizio, attenderò i nipotini per poter riprendere...un bacino al tuo Lorenzo, ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo dire che col detersivo dei piatti non vengono male, ma scoppiano subito.
      Proverò col bagnoschiuma.
      Ahahah

      Elimina
  17. L'innocenza di un bambino/a dopotutto sta tutta qui ;)

    RispondiElimina
  18. Ecco trovato il tuo post sulle bolle di sapone , il tuo piccolo Lorenzo si sarà' divertito tantissimo e tu con lui , si ritorna un pochino bambini e l'intorno grigio , triste , basta un bluff et voila' non c'e' piu' :))) Magari fosse cosi' , pero' non costa nulla almeno "sognarlo" !

    Un abbraccione grande grande

    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che carina che sei stata ad andarlo a cercare.
      Grazie!! 😍😍
      P.S. Hai cambiato avatar o non mi ero mai accorta che si muove?
      Bacione

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.