domenica 19 agosto 2018

Come mio padre si manifesta ancora


Per festeggiare il mio compleanno, ieri, mio marito mi ha portata a pranzo fuori. Ha chiesto a me di scegliere dove volessi andare, perciò ho prenotato nel ristorantino preferito di mio padre, in cui non andavo da una vita.
Qui, è accaduta una magia.
Ne ho scritto un post su Facebook, che vi riporto testualmente sotto consiglio di un caro amico...

Prenotare un pranzo per 3, al ristorante in cui andavo spesso con papà. 
Nonostante io non ci metta piede da almeno dieci anni, la titolare mi riconosce e mi chiede di rinfrescarle la memoria.
Le mostro una foto di papà. Si ricorda perfettamente di lui e dei nostri amici.
Ecco, non sarà un caso che al tavolo ci sono 3 sedie ed un seggiolino.
Lui c'è. Sempre.
E subito rivedo le scene delle nostre serate divertenti. Dei balli, dei canti.
Bei tempi. Indelebili.
Grazie per gli auguri, papà. Ti amo.


Qualcuno diceva che "nessuno è mai morto finché vive nel cuore di chi resta", quindi lui vivrà, ancora e per sempre.
In quel ristorante, nelle canzoni di Lucio Battisti, dei Pink Floyd e di mille altri, nel modo di camminare di mio figlio, nel suo cappotto appeso all'ingresso, lì dove lui l'ha riposto sette anni fa.
E in tutti gli scherzi che continua a farmi, per dimostrarmi che non mi lascerà mai. ❤️🧡💗💛💚💙💜

42 commenti:

  1. Ero passata x ringraziarti di aver partecipato al mio compliblog...ed ora ho quasi le lacrime nel leggere qst post ..
    Mi hai commosso perché ieri sarebbe stato proprio il compleanno di mio papà...anch io quando vado in posti dove ero stata con lui il ricordo è forte ed immancabile un nodo di nostalgia ...un abbraccio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi tuo padre era nato il mio stesso giorno. 😍
      Mi dispiace di averti intristita, davvero.
      Sai, la verità è che papà mi manca terribilmente, ma riesco sempre a pensarlo con gioia, forte degli infiniti momenti belli che abbiamo convidiso.
      Quindi, ovunque io posi lo sguardo e veda lui, sorrido.
      Spero che anche tu potrai fare lo stesso col tuo.
      Ti abbraccio forte.

      Elimina
    2. Cara ...è un misto tra nostalgia tristezza magari un sorriso al ricordo dei bei momenti ma non ho più neppure la mamma ...io non so se tu sì...io soffro ancora x la loro mancanza non riesco a guardare le foto soffro...

      Elimina
    3. Mamma ce l'ho, per fortuna, ed è giovanissima.
      Papà è mancato sette anni fa, quando io ne avevo solo 24.
      Non mi ha vista moglie e mamma, anzi, non ha proprio conosciuto mio marito, quindi il dolore è forte.
      Però io reagisco diversamente. Guardo sempre le sue foto ed i suoi video, perché non voglio dimenticare nulla di lui.
      Se clicchi sulla copertina del libro che vedi alla tua destra, potrai leggere la sua storia. È brevissima.
      Ma solo per donne forti. ❤

      Elimina
  2. Come siete fortunate ad avere così dei bei ricordi di Papà !!!
    Io ne ho uno di Mamma in particolare . Tutte le domeniche andavo
    a trovarla dove riposa . Una Domenica , un uccellino si è posato
    sul marmo della sua tomba , mi ha guardata a lungo , poi è volato
    via . So che quella era la mia Mamma venuta x un ultimo saluto .
    Lei è sempre con me e tante piccole cose me la ricordano , come il
    tuo dolce , Claudia , bianco e cioccolato .
    Il mio Papà è mancato tanti tanti anni fa ma , ricordo il suo modo
    di camminare , muoversi , i gesti , la mimica facciale e l'andare
    al bar a prendere il caffè con la gallinella nana sulla spalla .
    Scusatemi se mi sono dilungata ma , è una giornata caldissima e
    sono sola nello studio al buio con il ventilatore acceso .
    Buona e allegra serata . Abbraccioni (si dice)? a tutte e due. L.A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbraccioni tra noi si può dire eccome. Anzi, facciamo oni oni oni.
      Quanto al dilungarti, sai bene che qui hai carta bianca.
      Per la ciambella, invece, son felice che ti abbia parlato un po' di tua madre.
      Mi hai ricordato che papà amava tanto cucinare, ed io ho sposato un cuoco.
      Quindi, magari, c'è il suo zampino anche qui... 😉
      Buona serata a te. A presto. ❤

      Elimina
  3. Sono questi i post che arricchiscono la blogosfera, parole che riescono ad emozionare. Molti nel ristorante si saranno chiesti il perché di quella terza sedia. Un valore simbolico davvero infinito :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo che non se lo sia chiesto proprio nessuno, perché era un semplice tavolo da quattro, ma u seggiolino sostituiva una sedia.
      Però a me piace credere che sia stata occupata da papà.
      P.S. Chissà chi è l'amico che mi ha consigliato di pubblicarlo qui... Tu lo conosci. ❤

      Elimina
    2. Sì, a volte lo sopravvaluti, ma a volte lo sottovaluti :D

      Elimina
    3. Non credo di averlo mai sopravvalutato..
      E comunque gli voglio bene. E lui lo sa.
      Conta solo questo, no? 😉

      Elimina
  4. "Le coincidenze sono il modo di Dio per rendersi anonimo". Albert Einstein 
    Bellissimo il tuo post, dona positività e voglia di credere che, in verità, non siamo poi così lontani da coloro che ci hanno amato. La luce nel cuore arriva sempre se si ha la capacità di farla entrare sopra ogni cosa.
    Buona e gioiosa serata 😙

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona e gioiosa serata?!?!
      Ci manca solo che ti firmi "Carmen".. 😱😱
      Mi commenti come un'estranea per non rubare la scena a papà?
      Ahah
      Tanto ormai qui sanno tutti chi sei. O quasi.
      Per i pochi nuovi o distratti, vi presento la mamma giovane e bella di cui sopra.
      Tiè, ti ho smascherata. 😜😜😜❤

      Elimina
    2. Ops, è scoppiato il rifugio del ladro 😂😂😂😂 shhhhhh non ti far sentire 😆

      Elimina
    3. Ma se alla festa del mamma ti dedicai pure un super post con la doppia foto.
      E per il 2 settembre studierò qualcosa di balordo.. 😈😈😈

      Elimina
  5. Ah ah ! io mi sono incantata davanti al dialogo con la mamma ... scusa il fuori tema ma mi ha divertita! Concordo col dire che sono pochi i post degni di nota e stima e, uno di questi, di certo è di una bella ragazza pugliese ancora innamorata del vivo ricordo del suo papà! è scritto bene ? :D ah ah ah (scherzo) un forte abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha
      Ma che fuori tema?
      Ci siamo solo punzecchiate pubblicamente, anziché su Whatsapp.
      E come al solito c'è molto da ridere. Quindi divertiti pure..
      P.S. Grazie per il bella.. 😜

      Elimina
    2. Punzecchiate? 🤔 ci dovevano vedere dap vivo, li si che si scompiscierebbero dalle risa😂😂
      Che tipe strambe noi 😂
      Smak my love😙

      Elimina
    3. Non provocarmi, altrimenti creo una rubrica appositamente per pubblicare gli screen delle nostre conversazioni bislacche.. 😈😈😂😂

      Elimina
    4. Perdindirindina 😲😨😱
      No, no, mi dileguo 😂😂😂
      Adios🤗

      Elimina
    5. Ma l'adios l'ha rubato la figlia alla madre o viceversa? :D

      che pazienza signora mamma :D

      Elimina
    6. 😂😂😂 in questo caso il diritto d'autore è di Claudia 😂😂
      E si caro Riccardo, ci vuole moooolta pazienza, sapevi che sono candidata per la santità? Analizzeranno le angherie di Claudia e decideranno😂😂
      Sorridiamo va ☺ fa bene al cuore😉

      Elimina
    7. Che pazienza?!?! Cosa stai insinuando?! Non tirarmi parolacce in un post così bello, e con commenti di questo spessore.
      Mannaggia tua.
      Quando all'adios, come in tutte le cose, è difficile risalire a chi l'ha rubato a chi.
      Essendo cresciute insieme, siamo del tutto telepatiche e complementari. Quindi diciamo sempre le stesse cose.
      Insomma, se a star dietro solo a me non ce la fai, per la coppia impazziresti. 😜

      Elimina
  6. Non ti lascia no. Ci mancherebbe altro!
    E io lo so, per doppia esperienza personale.
    Loro non ci lasciano.
    Un bacione, buonanotte Claudia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E no.
      Non ci lasciano mai. ❤
      Buonanotte a te. Un abbraccio.

      Elimina
  7. un post che trasmette emozioni... certi legami non si spezzeranno mai!!! un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie.
      Ricambio l'abbraccio.
      Buon inizio di settimana.

      Elimina
  8. Hai fatto proprio bene ad ascoltare il consiglio del tuo amico e condividere questo momento anche con noi che non feisbucchiamo!
    Ma non ho capito, tuo marito ha prenotato per 3, voi due e prole, però al ristorante hanno capito 3 adulti e alla fine hanno aggiunto il seggiolino? Una sorpresa da parte di tuo marito? Un semplice tavolo da 4 ma la situazione ti ha fatto pensare a tuo padre?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessuna sorpresa, e nessuna magia.
      Ho prenotato un tavolo per due, più un seggiolino.
      Quindi ci hanno riservato un classico tavolo da 4, ma hanno tolto una sedia per far accomodare Lorenzo.
      Facile, dai.
      Sei proprio un uomo... 😜

      Elimina
  9. Io ti capisco bene (se ti ricordi ne ho pure parlato nel blog). I nostri cari non solo nom ci lasciano, ma si rendono presenri, se solo siamo attentina riconoscerli. Ancora auguri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi scuso x gli errori...scrivo dal cellulare...senza occhiali

      Elimina
    2. Io a riconoscerlo sono diventata bravissima. E mi fa stare bene. ❤
      Buon inizio di settimana a te.
      Un bacione

      Elimina
  10. Tuo padre era davvero lì con te a festeggiare il tuo compleanno.
    Ed è bello che la proprietaria si sia ricordata di voi dopo tanto tempo :) il commercio è anche questo, io ne so qualcosa. Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero. Da cliente posso darti che gratifica tantissimo.
      E infatti vedrò di tornarci.

      Elimina
  11. A volte infatti non sono solo coincidenze ;)

    RispondiElimina
  12. Chi non c’è più resta sempre dentro il tuo cuore.
    A volte ci si dimentica ( lo ammetto) però succede sempre qualcosa che te lo fa ricordare.
    Io preferisco pensarla così...non essere troppo schiavo dei ricordi.
    Ma lasciarsi travolgere quando questi si ripresentano .
    È una maniera per continuare a vivere.
    È anche vero che tranne mia nonna ( che aveva 80 anni) non ho avuto grandi lutti nella mia famiglia , per fortuna.
    Ognuno vive il ricordo a modo suo.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa molto piacere che tu non ne abbia avuti e ti auguro di non averne per i prossimi vent'anni. 😘

      Elimina
  13. Ti capisco molto bene e mi sono commossa leggendo questo tuo scritto, testimonianza di un amore immenso che si perpetua in tuo figlio. E' vero, chi è stato tanto amato non morirà mai. Io ero molto più grande quando ho perso mio padre e posso dire di aver goduto a lungo del suo amore, visto che è mancato a quasi novant'anni, ma per me era ancora lo stesso papà dei quarant'anni, perchè la sua mente non era cambiata di una virgola. Io avevo scritto una storia su una vicenda della sua vita e tante storie ho raccontato, proprio ricordando le vicende di vita di cui mi aveva parlato. Se vuoi leggere la prima puoi trovarla qui http://www.youblisher.com/p/267583-La-storia-di-Gino-e-Pino/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le leggerò sicuramente.
      Spero, però, che anche tu, come me, riesca a ripensare a lui con immensa gioia e con amore, invece che con dolore.
      Un forte abbraccio

      Elimina
  14. Commossa. Non ti lascerà mai perché vivrà nei ricordi che hai di lui e dei momenti insieme.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello che tu ti sia fermata proprio su questo post.
      Grazie di essere qui.
      Effettivamente, lui sarà eterno.
      Ti abbraccio

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.