sabato 29 settembre 2018

Il segreto del successo? Le donne in amministrazione...


Di tanto in tanto mi diverto a scrivere due righe in merito all'eterna lotta fra uomini e donne, per prendere un po' in giro un paio di miei amici super maschilisti.
Stavolta, però, la notizia è seria e non solo non mi stupisce, ma mi riempie di orgoglio.
Lo sapevate che la presenza delle donne nei Cda aumenta notevolmente il rendimento delle aziende?
Lo stabilisce uno studio Consob effettuato su tutte le società italiane quotate in Borsa dal 2008 al 2016.
Perché la cosa funzioni, però, le "quote rosa" dovrebbero rappresentare almeno il 17-20% dello staff amministrativo.

Immediato il riferimento alla legge 120 del 2011, (Golfo-Mosca), che prevede l’obbligatorietà, per le società quotate e controllate in Borsa, di riservare al genere meno rappresentato un quinto dei posti del board.
Finalmente, a giugno del 2017, la percentuale di donne nei Cda delle suddette aziende ha di gran lunga superato gli obblighi di legge, arrivando a toccare la soglia del 33%, e piazzandosi tra i primi posti in Europa.

Insomma, donna e affari binomio vincente.
Lo dicono i numeri!

15 commenti:

  1. Cara Claudia, tutto dobbiamo rendersi conto che la donna sa sbrigarsi molto meglio degli uomini, ci danno la prova in ogni luogo che ci sono nelle amministrazioni!!!
    Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo il maschilismo è ancora molto radicato nella nostra società, quindi tanti fanno fatica ad ammettere quello che tu hai riconosciuto.
      Ma tu sei un grand'uomo.
      E lo sappiamo. ❤

      Elimina
  2. Io mi accodo al commento di Ema! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo nessun commento di Emanuele.
      Ti potevi sforzare.
      Vigliacco! 😜

      Elimina
    2. sto pensando a quando insegnavo a leggere le notizie alle apprendiste...(che poi io non è che avessi cotanta esperienza)

      Elimina
    3. Senti caro, hai avuto apprendiste di merda.
      Io ho imparato a leggere alle elementari.. E quando ho lavorato in radio, o in tv, non ho mai avuto bisogno di allenarmi o altro..
      Pensa che fino alle medie leggevo anche in chiesa, sull'altare, ogni domenica.
      Errori di gioventù, che vuoi farci.. 😂😂😂😈

      Elimina
    4. Ha provato a prevedere il futuro ma gli ha detto male 😝
      Io le donne le manderei tutti a lavorare, qualsiasi lavoro, anche muratore, mentre noi uomini restiamo a casa per i prossimi 3000 anni! Così si ristabilisce l'equilibrio! 😆
      Gli amici maschilisti saremmo io e Moz o avevi in mente altri quando hai scritto l'articolo?

      Elimina
    5. In realtà pensavo solo a te, ma non mi sembrava il caso di sputtarti.
      Quindi ho finto un discorso generico.. 😂😂😂

      Elimina
  3. Meglio così, almeno se "magna" meno :D

    RispondiElimina
  4. Che bbbbello, appena ho letto questo post ho voluto commentare anche dal telefono (cosa che generalmente evito, se possibile) ^^ ed il motivo per cui sono tanto entusiasta è la possibilità di tirarmela xD e fare la saccente perché la mia tesi di laurea magistrale si è incentrata proprio su un argomento attinente a quello del tuo post :) XD

    Il lavoro femminile migliora efficienza ed efficacia delle aziende, private e pubbliche. Ci sono moltissimi studi empirici che dimostrano che le società con una equa presenza femminile ottengono una performance migliore di quelle in cui non viene raggiunta/promossa la parità dei sessi. Nonostante questi studi ovviamente soffrano di distorsioni (dovute al fatto che non è facile effettuare una regressione tra il parametro "parità dei sessi" ed "efficienza aziendale"), la presenza delle donne migliora anche l'ambiente di lavoro, il senso di fiducia dei consumatori nei confronti dell'azienda in questione, oltre poi a migliorare la qualità generale della società (intesa come appartenenza ad una comunità) a cui si rivolge l'ente.

    Nonostante queste belle parole, state tranquilli che il W.E.F ha previsto ci vorranno ancora decenni e decenni prima che la figura femminile ottenga il posto che si merita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sembri antipatica nemmeno quando fai la saccente. Ahahah
      Scherzi a parte, è tutto molto bello, ma ti dirò una cosa molto triste.
      Nella mia città (e presumo nel resto d'Italia), a parità di mansioni, anni di servizio, e tutto, la donna percepisce circa i tre quarti dello stipendio dell'uomo.
      Lo scoprii nel 2007, quando mi affacciavo nel mondo del lavoro, e lo verifico ancora oggi.
      Chissà se hai accennato anche a questo nella tesi.
      Buonanotte.
      A presto.

      Elimina
    2. Assolutamente si, inevitabile sottolinearlo per questo siamo ancora così lontani dal raggiungimento della parità... anche se ormai questa è uno dei punti che la Comunità Europea cerca di promuovere da anni.
      Il fenomeno si chiama "Soffitto di cristallo", cioè le donne non hanno la stessa possibilità degli uomini di raggiungere alti livelli gerarchici (quindi ovviamente non riescono a raggiungere gli stessi stipendi), ma anche quando il soffitto viene rotto gli stipendi difficilmente sono paragonabili a quelli percepiti dai colleghi uomini. Questa situazione, come dici tu, è molto marcata soprattutto al Sud ma non solo purtroppo.

      Elimina
  5. WOW!! Anche I numeri ci danno ragione! 😉😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo "anche" la dice lunga.
      Molto, molto eloquente. 😉
      Notte 😘

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.