mercoledì 19 settembre 2018

Obbligata a lavorare fino al parto: denunciato titolare per estorsione

Fino a quando una donna incinta ha il diritto e il dovere di continuare a lavorare?
Secondo un barista Vicentino, almeno fino al giorno del parto.
Una 31enne di Camisano Vicentino ha, infatti, denunciato il suo datore di lavoro per averla costretta a prestare servizio nel bar fino al termine della gravidanza, minacciandola, altrimenti, di licenziarla in tronco.

Secondo la Procura, la condotta dell'uomo di 65 anni è catalogabile come estorsione. Difatti, è stato condannato ad una pena (sospesa) di 5 mesi e 23 giorni di reclusione, nonché al pagamento di 5mila euro di danni, alla sua ex dipendente, a titolo risarcitorio.

Il dibattito è, ora come sempre, aperto.
Quanto è tutelata la figura della mamma lavoratrice nella società italiana?

26 commenti:

  1. Posso dire una giusta condanna con giusta applicazione del reato di estorsione ☺

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà se sconterà mai uno solo di quei giorni di carcere.
      Sono pronta a scommettere di no..

      Elimina
    2. Vinci facile... i cinque mesi rientrano nella cosiddetta condizionale. A meno che non ci ricaschi entro un determinato termine, non sconterà un solo giorno. E speriamo che almeno la pena pecuniaria vada a buon fine.
      A margine, mi chiedo se questo verme (chiedo scusa... ai vermi) non abbia una moglie, una compagna, insomma una donna che con lui gestisca quel cesso; se così fosse, coinvolgerei nell'esecrazione anche lei, con l'aggravante della comunione di genere, offeso nella sua femminilità più intima.

      Elimina
    3. Ma ti pare?
      Se avrà una moglie, probabilmente la terrà chiusa in casa a crescere i suoi figli e a lavare le sue mutande, da bravo cavernicolo!

      Elimina
    4. Intanto paga i 5000 e si ritrova un bel reato nel suo casellario. Poi dovesse finire nei guai anche per una quisquilia..rischia di pagare caro ☺

      Elimina
  2. Queste sono le cose che mi fanno imbestialire. Purtroppo non è l'unico caso, molte aziende fanno firmare anticipatamente le dimissioni, in caso di gravidanza.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi dici nulla di nuovo.
      E a me donna e madre fa molta rabbia.
      E paura.

      Elimina
  3. Ma come ? Un Vicentino come me si comporta in modo tanto infame ?
    Vado,l'ammazzo e torno . Giustizia sarà fatta . L.A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah
      Fortuna che non ho scritto il suo nome, allora.
      Più che altro perché avrei qualche difficoltà tecnica a portarti le arance.... 😂😂

      Elimina
    2. Ma nooo!!! Affitti un furgoncino e vieni di persona a portarmi
      quelle di casa tua !!! A volte penso che , tra tutte le cose
      che ho fatto , visto, provato ecc...NON sono MAI stata in
      galera . Questa esperienza , proprio mi manca . Dici che
      dovrei provare prima di morire ???

      Elimina
    3. Sai che me lo dico spesso anch'io?
      Quindi ho deciso che a novant'anni rapinerò una banca. Col bottino partirò per le Maldive e, al ritorno, mi consegnerò alla polizia.
      Come si dice, bisogna provarle tutte nella vita..... ;)

      Elimina
    4. Voglio proprio vederti(di lassù) che, a 90 anni, parti x le Maldive...Magari rapinare una banca sì ,le vecchiette
      sono terribili , ma fare un viaggio così lungo...meglio la
      Costa Azzurra in incognito . Certo , è quello che dico sempre
      anch'io , cose nuove x movimentare la vita. :)

      Elimina
  4. Nel pubblico impiego è tutelata , come dovrebbe essere nel privato.

    Speriamo almeno sia giustamente risarcita ...visto l’ingiustizia che ha subito.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo nel pubblico impiego, caro Max.
      Solo in quello. 😓

      Elimina
  5. Troppo poco salata, la pena.

    Moz-

    RispondiElimina
  6. Ben gli sta la multa, che è anche poco! ...però mi chiedo una cosa: da qualche anno c'è una nuova normativa sulle dimissioni/licenziamento fatta apposta per contrastare le dimissioni in bianco: questa non ne sapeva niente? ...forse avrà avuto un contratto determinato.
    E comunque no la maternità sul lavoro è scarsamente tutelata: abbiamo 5 mesi obbligatori e altrettanti 6 facoltativi...che quando chiedi di farli tutti già il datore storce il naso...e dopo più nulla. Come se fare un figlio si limita solo a questi mesi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E certo.
      Praticamente dobbiamo fare figli da far crescere ai nonni, sempre più stressati e sobbarcati di responsabilità.
      Oppure lasciarli ai nidi A PAGAMENTO, dato che lo Stato è assente anche in questo.
      Una vera vergogna.

      Elimina
  7. Abbiamo avuto una dipendente incinta anni fa. Andò via al quinto mese di gravidanza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per poi non ritornare?
      Sono certa che sia stata una decisione sua e non vostra.

      Elimina
  8. Minchia che panza, ma quanta birra ha bevuto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah
      E dai che per fare il minchione potevi scegliere un post più leggero... 😜

      Elimina
    2. Rieccomi per il commento serio.

      "Quanto è tutelata la figura della mamma lavoratrice nella società italiana?"

      Pure troppo, al minimo dolore vanno in maternità anticipata per gravidanza a rischio anche se non c'è nessun rischio.
      Ciò non toglie che questa donna abbia subito un abuso e sia stata GIUSTAMENTE risarcita 😉

      Elimina
    3. Ma non c'era mica bisogno di porre rimedio ai tuoi commenti punitivi..
      Ahah
      Comunque è pur vero che alcune donne abusano dei loro diritti, ma è altrettanto vero che, esclusi gli enti pubblici, la regolamentazione italiana sulla maternità è penosa.

      Elimina
  9. Cioè davvero? boh, ormai non ci sono più limiti..

    RispondiElimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.