mercoledì 5 dicembre 2018

100mila dollari raccolti per la studentessa lesbica cacciata dai genitori

Lei è Emily Scheck, studentessa e atleta 19enne di Webster, nello Stato di New York.
Di recente si è vista costretta a confessare ai suoi genitori di essere omosessuale, poiché questi avevano intercettato una fotografia con la sua fidanzata, pubblicata sui social.
I due, però, fortemente conservatori, non l'hanno presa bene ed hanno provato a convincerla ad entrare in una clinica per "farsi curare".

Fermo il rifiuto della ragazza che, però, si è vista sbattuta in strada, senza un soldo, rinnegata dall'intera famiglia.
Stando alla testimonianza di Emily, all'inizio è stata dura affrontare la vita completamente da sola. Provvidenziale è stato il supporto dell'allenatore della sua squadra di atletica, che le ha garantito i pasti per le prime settimane.
Dopodiché, la ragazza ha accettato l'aiuto della sua fidanzata.

Per fortuna, però, i suoi amici, non sono rimasti con le mani in mano, ed hanno lanciato per lei una pagina GoFundMe con l'obiettivo di raccogliere cinquemila dollari. 
In pochi giorni, però, moltissimi donatori hanno deciso di perorare la causa della giovane Emily, donando cifre anche importanti, ed attirando l'attenzione dei media.
Infatti, la ragazza ha raggiunto una somma di ben 100mila dollari, e ha scelto di sospendere l'iniziativa.

Contestualmente, i suoi genitori hanno fatto dietrofront e annunciato alla stampa che sono pentiti e pronti a riaccogliere in casa la loro figlia, accettandone la natura. 
Questa, però, si è detta convinta di continuare per la sua strada, lontana da chi l'ha fatta sentire diversa e non apprezzata.

29 commenti:

  1. Cara Claudia, ecco una notizia che ci fa capire che la solidarietà esiste sempre!!!
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È che il bene vince sempre sul male e sul pregiudizio.
      Felice serata a te. 😘

      Elimina
  2. Sono contento che la ragazza abbia trovato la sua strada e spero che il futuro le sia roseo. Per quanto riguarda la sua famiglia, sarò anche negativo, ma vedo il loro dietrofront tardivo e sospetto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti l'abbiamo pensato tutto e persino lei.
      Se la storia non avesse suscitato tanto clamore mediatico, probabilmente, non le avrebbero mai chiesto scusa..

      Elimina
  3. Genitori fenomenali,
    doppia figura di merda.
    Quando la figlia ha raccolto un sacco di soldi, erano pronti a raccoglierla.
    Comunque queste storie mostrano il brutto, ma anche il bello (quante persone generose!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fanno credere, però, che l'amore non sia disinteressato neppure tra genitori e figli, e che i soldi, almeno in alcuni casi, possano cambiare anche le posizioni più decise..

      Elimina
  4. Avendo due figlie , mi sono chiesta spesso cosa avrei provato se una
    delle due mi avesse detto che era lesbica . Confesso che ne avrei
    sofferto ma mai , e ripeto mai , l'avrei mandata via di casa .
    Riccardo , se non erro ,per Legge , se tua figlia non ha di che
    sostenersi , i genitori continuano ad essere responsabili fino a...
    Anch'io penso che i genitori di Emily , quando hanno sentito il
    profumo di tanti soldini , l'hanno perdonata .Ma pensa un po', che
    genitori.....disinteressati.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio delle anime pie.......
      Che il karma faccia il suo corso..

      Elimina
    2. Kiral potrà essere più preciso,
      ma i genitori devono mantenere i figli anche dopo i 18 anni, purché i figli non abbiano raggiunto l'autosufficienza economica e purché questa condizione non sia imputabile alla colpa dei figli.
      vuole dire tutto e niente, lo so.
      Però se il figlio è un bighellone vagabondo e viene cacciato di casa, allora i genitori non sono tenuti a sfamarlo :D

      Elimina
    3. @laura andrighetto "Confesso che ne avrei
      sofferto" ma perché soffrire? Anche se devo dire che perfino nel mondo lgbt i bisessuali sono troppo spesso discriminati..come dire..sberle in casa..

      Elimina
    4. Caro Mad.
      Non mi piacciono le polemiche, ma ricordo che, qualche anno fa, Albano fu messo alla gogna perché dichiarò che sperava di non avere un figlio omosessuale, ma che avrebbe affrontato l'eventualità con amore.
      Ecco. Il buonismo mi dà fastidio.
      Nessuno sogna di avere un figlio omosessuale, per il semplice fatto che sarà vittima di discriminazioni nel mondo del lavoro, delle amicizie, dell'amore.
      L'Italia è questa. Inutile mettersi le banane agli occhi.
      Ed io, per mio figlio, spero in una vita più in discesa possibile.

      Elimina
  5. Che merde questi genitori, adesso che hanno capito che la figlia è la "gallina" dalle uova d'oro la rivogliono.
    Auguro a Kiral di vivere la sua vita ben lontano da loro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si chiama Emily. Ahahha
      Kiral è il nostro amico blogger che studia per diventare avvocato.
      Troppo vento ti ha confuso le idee. 😜

      Elimina
    2. No, sono state le cartellate😆😆😆

      Elimina
  6. I genitori dovrebbero pensare sempre al bene dei figli. Non sempre, purtroppo, i nostri figli sono come li vorremmo, ma dobbiamo accettarli e amarli così come sono. L'idea di mettere sulla strada un figlio, peggio ancora se una ragazza, mi fa rabbrividire. Non so con quale coraggio questi genitori possano averlo fatto. Che poi abbiano cambiato idea dopo il clamore mediatico, è ancora più triste. Ha fatto bene la ragazza ad allontanarsi e a vivere la vita così come la desidera. La società è in continua evoluzione e, prima o poi, nessuno si stupirà più nel vedere coppie omosessuali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vorrei essere troppo drastica, ma questo mi sembra un palese caso di genitori biologici e non col cuore.
      Di quelli che fanno figli per inerzia, ma che non li amano incondizionatamente.
      I veri genitori sono tutt'altro.

      Elimina
  7. genitori pentiti causa interessamento dei media, questi coglioni marci......

    RispondiElimina
  8. Madonna, è diventata ricca di soldi ma povera d'affetto...
    Sono contento, però, così i genitori imparano XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quale affetto, Moz?
      Mi pare che, im questa storia, l'unico affetto provenga dalla fidanzata di Emily, dal suo allenatore e da tutti gli amici ed i donatori..

      Elimina
  9. Beh diciamo che è meglio che continui per la sua strada, chissà che il suo futuro non sia davvero nel sociale, per aiutare chi ha avuto lo stesso problema... non commento i genitori, opportunisti del BIP

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari adesso si proclameranno indigenti, e le faranno causa per ottenere parte dei soldi.....

      Elimina
    2. E magari vincono anche...

      Elimina
  10. Beh certo, ora che ha i soldi la rivogliono in casa.
    Ma vadano a farsi friggere.

    RispondiElimina
  11. Embè 100mila dollari, mica scemi i genitori :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potremmo inviarle una mail raccomandata, dicendole di essere suoi cugini?

      Elimina
  12. "Abbiamo una figlia lesbica, cosa penseranno i vicini?"
    "Abbiamo cacciato di casa una figlia ricca, cosa penseranno i vicini?"

    Proprio dei bei genitori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha
      "I vicini vogliono nostra figlia. Sbrighiamoci a riaccoglierla..."...

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.