lunedì 17 dicembre 2018

Svezia senza fumo entro il 2025

Questa volta, ad esprimere un fermo no è la Svezia.
Dal primo luglio del 2019, infatti, il divieto di fumo sarà esteso ai parchi gioco, alle banchine di attesa dei treni nelle stazioni ferroviarie, ai ristoranti all'aperto e all'ingresso dei luoghi consentiti ai fumatori. 

L'obiettivo della nuova legge, approvata in Parlamento con 142 voti a favore e 120 contrari, è di rendere il Paese completamente libero dal fumo entro il 2025.
Un progetto molto ambizioso, ed una direttiva molto rigida.

Chissà cos'accadrebbe se anche in Italia venissero approvate normative tanto dure.
Di certo, l'opinione pubblica si dividerebbe.

Intanto, a distanza di qualche mese, torno a chiedervi cosa ne pensate di questi divieti.

17 commenti:

  1. Mah sicuramente gli effetti saranno interessanti, dal mio punto di vista è un salto nel buio.
    Dove fumeranno le persone? solo in casa loro? perché questi non spariranno nel nulla, ci saranno e continueranno a fumare, non illudiamoci che un divieto faccia miracoli.
    Ci saranno aree ad hoc? edifici adibiti alla "pausa sigaretta"?
    Non mi sono informato molto, ma francamente mi sembra utopistico eliminare il fumo entro il 2025.
    O meglio, forse l'unico modo per farlo e alzare il prezzo delle sigarette e del tabacco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me sembra piuttosto impossibile, però potrebbe funzionare.
      Non possiamo saperlo.
      Staremo a vedere.

      Elimina
  2. Mi trasferisco in Svezia! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per le bionde o bionde bionde?

      Elimina
    2. Mancano le bionde che odio ed è pieno delle bionde che amo :D

      Elimina
    3. Troppe biondeeee!
      Evviva le more.
      E i mirtilli!

      Elimina
  3. In Italia è impossibile a parer mio, ma in Svezia questo trampolino può aiutare e chissà in futuro, perché sì, il fumo sarebbe meglio vietarlo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che bello poter respirare aria inquinata "solo" dallo smog.. 😉

      Elimina
  4. Che palle. Uno non può neanche intossicarsi in pace.
    Capisco i divieti nelle zone chiuse ma non in quelle aperte.
    Oltretutto sono tabaccaia, per cui :D comprendi da te...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cavolo.
      Non ti avevo mai chiesto che negozio avessi e, non so perché, immaginavo fosse di abbigliamento.
      Speriamo allora che queste leggi non arrivino qui, altrimenti dovrai cambiare mestiere.. 😉

      Elimina
    2. Da oggi i fumatori mi stanno più simpatici.
      😎

      Elimina
    3. @Claudia non è mio ma del mio compagno e di suo fratello :) io lavoro con loro insieme ad un altro ragazzo. E' un bar tabacchi ma io mi occupo di questi ultimi e della ricevitoria, dei servizi e così via.

      @Riccardo ah si? :D

      Elimina
    4. Capisco.
      Ma comunque ti immaginavo commessa in un altro settore.
      P.S. Stasera sono "offesa".
      A me non hai mai offerto la tua mail. Eppure ti ho promesso dolci e parole.
      Ahahahhahaha 😜

      Elimina
  5. Per la salute, soprattutto dei giovani, dovrebbero proibire le sigarette. Il trucco sta nel non cominciare, ma vaglielo a far capire…
    Per quanto mi riguarda, da quando non si può fumare, non sono mai più andata in un cinema e ricordo, anni fa a Berlino, un cinema con tavolini ove si poteva bere qualcosa e fumare, il mio ideale. Vado molto meno anche al ristorante, tranne d'estate nei ristoranti con zona all'aperto, finchè dura…
    Sì, è una schiavitù, lo so. ma il fumo mi piace da morire, nel vero senso della parola.
    Cri











    all'aperto, finchè dura...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, per fortuna, non ho mai fumato, e spero che Lorenzo segua il mio esempio, sebbene mio marito fumi.

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.