domenica 23 dicembre 2018

Siamo sicuri che Babbo Natale non esista?

Ho chiesto a mia madre quando ho smesso di credere a Babbo Natale.
Dice che ero piccolissima, e che frequentavo ancora l'asilo, ma non ricorda come scoprii la verità.
Eppure, oggi che sono una donna e mamma, non sarei mica così certa che Lui non esista.
Leggevo di un bambino che ha inviato una lettera a suo padre in cielo, per fargli gli auguri di compleanno.
E' accaduto in Scozia.
Ricevuta la missiva, le Poste hanno scelto di rispondere al piccolo mittente, scrivendogli che il suo messaggio è stato recapitato al destinatario, e che le consegne in Paradiso sono molto difficoltose, ma non impossibili.
Ecco. Questo è credere a Babbo Natale.
Ma non solo.

Io credo a Babbo Natale ogni volta che mi impegno per realizzare un piccolo sogno.
Quando regalo una gioia a qualcuno.
Mentre racconto le storie a Lorenzo.

Credo a Babbo Natale tutte le volte che sono felice e trovo la forza d'animo per sperare ancora.
Ecco.
Il nonnino vestito di rosso, è proprio questo.
Speranza.
Di un domani migliore, di una vita piena di sogni e di sorrisi, di abbracci, di serenità.

Allora, che ne dite?
Vogliamo concederla una seconda possibilità, più consapevole, a questo omino dei regali, nei nostri cuori? ❤️

40 commenti:

  1. Esatto, Babbo Natale altro non è che un simbolo.
    Per questo è brutto "ucciderlo" o dire non esiste.
    Babbo Natale è il genitore che fa un regalo al proprio figlio.
    Babbo Natale è chi fa un gesto caritatevole verso il prossimo.
    Hai scritto un bel post, nulla da dire: una riflessione molto bella che spero sia condivisa dai tuoi tanti lettori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie.
      Babbo Natale allora sei anche tu che riesci sempre a regalarmi una parola buona. 😘

      Elimina
  2. Certo che esiste Babbo Natale !!! Ha la sua casa nel Nord della
    Finlandia dove i Folletti lavorano tutto l'anno x esaudire i desideri
    dei piccini con i giocattoli e i grandi ,dare loro le speranze che
    vengono richieste . Poi , come dice Riccardo , ogni uno di noi può
    essere Babbo Natale , è sufficiente donare ....
    Buona serata . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora vuoi davvero che mi metta a studiare la storia e lo stile di vita della Finlandia.. 😉
      Un bacione.
      Buona serata a te.
      Porto Lorenzo a conoscere il "vero" Babbo Natale.. in piazza. 😘

      Elimina
  3. Babbo Natale esiste, è in tutte le persone che escono di casa e spendono il loro tempo o il loro denaro per noi, per vedere un po' di felicità nei nostri occhi.
    E' amore, fondamentalmente. Quindi esiste per forza.

    RispondiElimina
  4. centinaia di milioni di bambini con il naso all'insù e la gioia e la curiosità che esce da ogni poro non possono sbagliare. babbo natale esiste e si manifesta in modo incontrovertibile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dobbiamo proprio smettere di fare i guastafeste noi adulti.. 😉

      Elimina
  5. Cara Claudia, che esista oppure non esista importante crederci, solo così la tradizioni non moriranno mai!!!
    Ciao e buona settimana delle feste natalizie, con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Tomaso.
      Un abbraccio e buone feste a te. ❤

      Elimina
  6. Beata te che non lo ricordi. Io invece me la ricordo bene la sera che mi hanno detto che babbo Natale non esiste. Ho pianto tantissimo.. È stato un trauma e vivo con il terrore di quando succederà ai miei bimbi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi te lo disse e, soprattutto, perché??!! 😭😭

      Elimina
    2. mio padre pensando che mio fratello più grande l'avesse già detto a me e l'altro fratello. E invece non ci aveva detto nulla

      Elimina
    3. Mi hai fatto ricordare che io lo svelai ad un mio amico (due anni più grande) che, alle elementari, ci credeva ancora.
      Ero proprio una streghetta.. 😉

      Elimina
  7. Lascio il libero arbitrio di credere come e cosa si vuole....

    RispondiElimina
  8. Forse bisogna interrogarsi sul perché ad un certo punto l'idea (simbolica o effettiva) di Babbo Natale scompare. Perché chi non ha perduto la capacità di sognare a occhi aperti non ha problemi con Babbo Natale. E' presente ogni volta che si è consapevoli del dono, della dignità della presenza dell'altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente, è triste pensare che, ad un certo punto, ciascuno di noi avverta l'esigenza di sentirsi grande, lasciando andare i sogni di bambino.
      Dovremmo tutti crescere conservando e tutelando il fanciullo che è in noi.

      Elimina
  9. Esite, eccome! Basta crederci. E crederci vuol dire conservare un pizzico di sana e gioiosa fancilullezza dentro di noi :)

    Abbraccio... in modalità notturna ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccola la mia amica dolcissima. Non avevo ancora letto il tuo commento, ed ho scritto praticamente la stessa cosa subito sopra.
      Buona vigilia a te e ai monelli. 😘

      Elimina
    2. Siamo sulla stessa lunghezza d'onda allora 😉😘
      Buona Vigilia a voi tutti e un bacetto in più a Lorenzo che starà aspettando Babbo Natale come i miei monelli 😍🎅🎁

      Elimina
    3. Quest'anno in piazza c'è la casetta con Babbo Natale, e ogni sera Lorenzo mi "costringe" d andarci per ripetere all'omone che sta facendo il bravo e che vuole il dinosauro..
      Quindi è diventato un vero pellegrinaggio. ❤

      Elimina
  10. Io c'ho i folletti a casa... pensi che non possa credere a Babbo Natale?!? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che belli i folletti.
      Sarà la moda del momento, ma su Facebook ne vedo continuamente.
      Mi mancano i tuoi, però. 😉

      Elimina
  11. Che sia Babbo Natale o Gesù bambino questa speranza dobbiamo donarlo e donarcela tutti e credere nei sogni e nella bontà dell'uomo anche se il.mondo sembra negare tutti questo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon Natale Claudia a te ed alla tua famiglia dal profondo del mio cuore

      Elimina
    2. Grazie Daniele.
      Buon Natale anche a te e a chi ami, credendo nei sogni. Sempre. 😘

      Elimina
  12. e concediamogli la seconda e perché no anche la terza possibilità.
    Buon Natale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A lui e a tutti quelli che la meritano.. 😉
      Buon Natale a te. 😘

      Elimina
  13. Spero che i nostri bambini, man mano che nascono e crescono, continuino a credere in Babbo Natale; vorrebbe dire che tutto scorre liscio, per molto di loro, che hanno una famiglia che li ama e li protegge.
    Io non ci credo più da un pezzo, da quando ho scoperto che vi sono milioni di bambini che non l'hanno mai sentito nominare.
    Scusa la nota triste ma innegabile..
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo commento è bellissimo, altro che scusa.
      Voglio sperare che tutti i bambini del mondo abbiano almeno un motivo per essere felici, non solo a Natale.
      Un abbraccio e grazie.

      Elimina
  14. Certo che ci chiama speranza!
    E credo proprio che esista perchè non sempre questa speranza diventa realtà :)

    Il tuo giovanotto ti ha chiesto per caso se esiste Babbo Natale? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, cara.
      È presto. Ha solo 3 anni.
      Quest'anno ha finalmente capito il senso di Babbo Natale. Fino allo scorso aveva il terrore dell'omone rosso. 😂😂

      Elimina
  15. Ho saputo la verità da piccolo, tuttavia io ancora credo in Lui, credo nella bontà dell'animo umano e di quello che può dare, speranza e felicità ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da piccolo..
      Quindi due anni fa?
      Non eri Peter Pan tu? 😉

      Elimina
  16. Io sono cresciuta in un contesto teutonico da noi c'era Kristkindle ovvero Gesù Bambino che portava i doni. Babbo Natale no lui per noi era Nikolaus ovvero San Nicolò. Ovviamente con altro nome come li chiamava nonna ungherese che non ricordo. Io ci ho creduto fino ai 6 anni poi mi hanno aperto gli occhi a scuola. Buona giornata ciaoo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di solito le scuole elementari sono la tomba del Babbo Natale di turno.
      Che peccato..

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.