giovedì 18 aprile 2019

Ashley Judd: ho abortito per non generare il figlio di uno stupro

Qualche mese fa vi dicevo la mia in merito all'aborto, spiegandovi che sono assolutamente favorevole alla libertà di scelta che ciascuna donna dovrebbe avere.
Eppure, ancora oggi, assistiamo a campagne per l'abolizione del diritto all'aborto.
A farsi portavoce negli ultimi giorni della difesa di questo diritto, durante il "Women in the World Summit" è stata Ashley Judd.
L'attrice ha infatti dichiarato di essere rimasta vittima di stupro per ben tre volte in passato.
In seguito ad una di queste, però, Ashley rimase incinta e decise di abortire per non dare alla luce il frutto di un atto di violenza tanto ignobile quanto feroce.

La donna, che è una tra le prime ad aver accusato il regista Harvey Weinstein di molestie, sostenendo il movimento #Metoo, ha precisato che per fortuna ha potuto abortire legalmente, al momento della triste decisione, altrimenti probabilmente non starebbe qui a parlarne.

Nessuna legge o scuola di pensiero dovrebbe, quindi, mai impedire alla donna (o agli esseri umani in generale) di decidere arbitrariamente cosa fare del proprio corpo e della propria vita.
Siete d'accordo?

23 commenti:

  1. Cara Claudia, sai e difficile in questo caso dare un giudizio, peccati ne facciamo tutti, e giudicare non è facile, dunque diciamo, chi è senza peccato scagli la prima pietra!!!
    Ciao e buona serata con una buona Pasqua con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho capito a quale genere di peccato ti riferisci.
      Buonanotte. 😗

      Elimina
    2. Oggi se riflettiamo ogni cosa che si fa ce sempre delle regole, io parlo delle regole di religione, so che è difficile capire a cosa mi riferisco.
      Ciao e buon venerdì santo e con una buona Pasqua con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
    3. Adesso ho capito benissimo.
      Buon venerdì santo a te. 💋

      Elimina
  2. Io,cattolica praticante , personalmente non avrei mai abortito ,
    ma solo nel caso di un feto con gravi malformazioni .
    Detto questo , ogni donna ha diritto a una libera scelta come nel
    caso di
    Ashley Judd . Come fai amare un bimbo frutto di uno stupro ?
    In casi come questo sono d'accordo .
    Và un po' meglio . Abbraccione one one . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che in questo caso l'aborto sia l'unica scelta possibile. Pensa cosa potrebbe rispondere una madre ogni volta che il figlio le chiederebbe dov'è suo padre.
      Sarebbe una spada nel cuore.

      Sono felice che stai meglio e spero che la Pasqua ti porti una nuova serenità.
      Un abbraccione

      Elimina
  3. Ogni donna ha diritto di decidere, buona Pasqua baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di decidere e di mettere in atto la sua scelta senza ostruzionismo da parte dei medici e anche di chi la circonda.
      Buona Pasqua a te.

      Elimina
  4. Dovresti correggere la frase "abolizione del diritto allo stupro" che suona proprio male. Io favorevole alla libertà di scelta. Contraria a questo giochetto degli obiettori di coscienza, di rimpallare le pazienti fino alla scadenza del termine ultimo per interrompere la gravidanza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che altro sarebbe giusto per legge mettere almeno un dottore non obbiettore per ospedale

      Elimina
    2. Lasciamo perdere gli obiettori di coscienza, sui quali ho già espresso la mia opinione.
      Vuoi lavorare nella sanità pubblica? Allora mettiti le tue obiezioni dove non batte il sole!
      Ecco.. Spero di aver reso l'idea..

      Elimina
  5. Sono scelte private e soggettive nelle quali possiamo entrare solo marginalmente. Scelte che oltretutto incidono per una vita intera. Ognuno deve aver diritto alla propria decisione, comunque dolorosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appunto.
      Non credo che esistano donne felici di abortire, quindi serve rispetto per una scelta così difficile.

      Elimina
  6. Io credo che la donna volesse abortire a prescindere dallo stupro, anche se capisco che possa essere una situazione psicologicamente difficile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fatto che lei abbia scelto di non avere figli neanche col suo ex marito può portare a questa conclusione, ma voglio credere che semplicemente non era l'uomo giusto.
      Poi, comunque, le donne non devono mica per forza procreare.
      Ne conosco tante che hanno preferito non farlo, o che pur desiderandolo moltissimo non ne hanno avuto la possibilità.

      Elimina
  7. Per me deve decidere in coscienza la donna...tutto qua :)

    RispondiElimina
  8. Sono per la libertà di scelta, non se ne dovrebbe neanche parlare, dovrebbe essere così e basta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrebbe. Ma il condizionale purtroppo è un obbligo.

      Elimina
  9. Claudia, credo ti sia sfuggito un refuso: "Eppure, ancora oggi, assistiamo a campagne per l'abolizione del diritto allo stupro" Lo stupro è un reato grave, non certo un diritto. Il diritto è quello che ha ciascuna donna di decidere per se stessa. Il diritto è quello di appartenere unicamente a se stessi e di non permettere che altri decidano per noi. Una donna ha il diritto di scegliere sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma mia, hai ragione. Era "diritto all'aborto".
      E me l'aveva anche segnalato Nia, ma ero così di fretta ieri che proprio non avevo capito.
      Grazie.

      Elimina
  10. E' sempre un tema spinoso, però in questo caso è giusto e comprensibile abortire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti.
      Almeno in questi casi estremi dovrebbero tacere TUTTI.

      Elimina