domenica 22 marzo 2020

Buona domenica

Buongiorno amici e buona domenica.
Qualche giorno fa, facendo una ricerca di immagini per il blog, ho trovato questa fotografia che rispecchia perfettamente quello che stiamo vivendo in questi giorni.
Se ci pensate, siamo tutti appesi ad un filo, in una prova di forza lunga e stancante.
Perché no, restare a casa non è certo una vacanza per gli Italiani, come ha sostenuto qualche imbecille.

Anzi.
E' una vera impresa!
Perché ci sentiamo come agli arresti domiciliari, privati della nostra libertà senza aver commesso alcun reato.

Quindi, tenete duro amici e lettori.
Ho scelto di dedicarvi questa citazione dello scrittore Napoleon Hill.

"La pazienza, la perseveranza e il sudato
creano un'imbattibile combinazione
per il successo".

Perché ce la faremo.
Continuo ad esserne convinta, nonostante tutto, e ve lo ripeterò spesso.

37 commenti:

  1. testa bassa e avanti ..
    magari con un pò di ansia e paura ..ma avanti !
    ciaoo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La paura per molti è inevitabile, ormai, ma spero che li spinga ad attenersi ancora meglio alle disposizioni ministeriali, senza andarsene a passeggio, o fare la spesa due volte al giorno...

      Elimina
    2. L'ansia in questo caso può essere una risorsa preziosa perché ci tiene al sicuro, rispetto agli spavaldi che escono come se nulla fosse.

      Elimina
    3. Sono d'accordo. Anche se io non ho mai sofferto d'ansia. E' proprio una caratteristica che non mi appartiene. Ma rispetto sempre le regole.

      Elimina
  2. Buona domenica anche a te!
    Qua da me le temperature sono scese, il mio umore resta alto. Non so come avrei affrontato questa situazione anni fa, ma essendomi fatta le ossa attraverso disastri di altro genere che mi sono successi nel corso della vita, mi sento temprata il giusto ^___^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La penso esattamente come te, pur avendo meno anni sul groppone. Ma in quanto ad esperienze negative sono fin troppo esperta... ,(

      Elimina
    2. Le esperienze passate ci tornano preziose per essere responsabili verso noi stessi e gli altri.

      Elimina
  3. La pazienza è una virtù basilare che in questa contingenza, abbiamo l'opportunità di coltivare bene... Ciò che non uccide fortifica, dicono: ne usciremo più forti quando ne usciremo. Buona domenica Claudia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono certa che ne usciremo più forti, ma purtroppo dubito che questa condizione possa farci cambiare stile di vita quando torneremo alla normalità.

      Elimina
  4. A chi si lamenta dello stare a casa, ricordo (e lo farò finché ho fiato) che tra le cause del passaggio del coronavirus a noi ci sono gli allevamenti intensivi, la deforestazione, il nutrirsi di animali selvatici già portatori della loro "versione" del virus... Gli animali da allevamento trascorrono tutta la vita rinchiusi senza vedere mai il sole o un prato, i figli gli sono portati via dopo pochi giorni e sono condannati a una morte precoce per finire sulle tavole di chi si sta lamentando.
    Invito pertanto le teste di... fava che soffrono a un temporaneo stare a casa, a considerare sempre chi sta peggio, inclusi medici, infermieri e OSS che in casa ci vanno giusto il tempo per riposare qualche ora, col morale davvero a terra perché la morte li sfiora 12 ore al giorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dodici ore al giorno nella migliore delle ipotesi...

      Elimina
  5. Oddio, non sarà una vacanza ma non è manco una tragedia... insomma, non dobbiamo andare al fronte XD
    Siamo anche più fortunati di chi opera nei settori sanitari, alimentari o delle forze dell'ordine...
    Comunque, vero: ci vuole pazienza, e ne usciremo. Se tutti abbiamo pazienza, ovvio. Anche se a volte proprio non comprendo cosa ci sia da capire, per alcuni girandoloni, l'invito/obbligo a stare a casa...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è una tragedia, è vero, ma comincia ad essere pesante.
      In questo momento preferirei essere single e vivere con mia madre. In questo caso dormirei dieci ore al giorno e non avrei nessun pensiero.
      Con un bambino piccolo, invece, è dura, e non oso immaginare con più di uno.
      Sto esaurendo le risorse e la pazienza, appunto.
      Io che la quarantena la seguo alla lettera, e che non me ne vado a passeggio ogni due per tre...

      Elimina
  6. Ciao e buona domenica a te, diciamo che la situazione è abbastanza pesante, e sapere che probabilmente ci vorrà ancora parecchio tempo finché tutto passi non aiuta, ma bisogna per forza resistere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo. Più che altro perché non abbiamo alternativa.

      Elimina
  7. Io , la pazienza , incomincio a perderla . Non esco da Lunedì scorso .
    Mi ero fatta un po' di scorta di viveri . Mia figlia mi compera altro
    che necessito ma mi pesa non uscire . Vado in terrazzo a prendere un po'
    d'aria . Mi manca . Il problema che mi pongo : Quando torneremo alla
    normalità ? Un articolo letto : Non sarà mai più come prima .
    Buona Domenica . Tu giocherai con Lorenzo (fortunata) io non posso giocare con mio marito .
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lorenzo è la mia forza, ma anche la mia maggior fonte di preoccupazione.
      Fa tante domande alle quali non posso dare risposte, mi chiede perché.
      Perché a quattro anni non può vedere i suoi compagni, le sue maestre, il mare che è proprio a pochi metri da noi.
      "Io odio il coronavirus", risponde.
      E' dura cara Laura.
      La quarantena non è solo tv, internet e cucina se si hanno dei bambini da rendere felici.
      Ma poi, all'ennesimo quesito, lo abbraccio forte, gli dico che gli voglio bene e prendiamo a farci le coccole, così per qualche minuto non mi chiederà null'altro.
      Dobbiamo farcela anche e soprattutto per loro.
      Per Lorenzo, per Nora, e per tutti i bambini del mondo.

      Elimina
    2. Dobbiamo prepararci a una nuova normalità dopo questa emergenza.

      Elimina
    3. Le persone coscienziose lo faranno. Le altre continueranno a far schifo come hanno sempre fatto...

      Elimina
  8. Ti capisco . Anche mia figlia ha cercato di spiegare la situazione a Nora .
    Non so' se ha capito . Confinata in casa , gioca ma anche si annoia .
    Mia figlia la coccola e le fa' il solletico così ride divertita .
    Dovevano venire per Pasqua ma non verranno . Io mi perdo la crescita di
    mia nipote e tutte le cose nuove che impara . Chissà quando ci potremo
    rivedere e ci soffro .
    Ciao . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che vi vedrete molto presto.
      Prenotate una bella vacanza tutti insieme a giugno nella mia Puglia, così vi faccio da Cicerone, mentre i bambini giocano insieme e se la spassano... <3

      Elimina
    2. HaHaHa!!! Non so' se ti ho detto che mia figlia è stata un paio di
      volte in Puglia ospite di una collega quando lavorava a Parma .
      Le era piaciuta tantissimo , anche l'ospitalità delle persone .
      Quello che tu proponi , se fosse fattibile , troppo bello ... >3

      Elimina
    3. Certo che me l'hai detto.
      Per questo te l'ho proposto. 😉😗

      Elimina
  9. In questo periodo ci vuole tanta pazienza, ma passerà.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono certa che sapremo come trovarla.
      Buona domenica.

      Elimina
  10. Questo per noi è ip tredicesimo giorno a casa...c'è ip sole siamo stati un.po in terrazzo una videochiamata...in fondo ci hanno chiesto di stare a casa...ma manca la libertà...spero che queste ulteriori restrizioni l'arrivo del freddo e del brutto tempo aiutino a restare a casa! Io dopo...chissà come sarà!'...Buona domenica cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi il terrazzo non ce l'abbiamo e dobbiamo accontentarci del balcone ma, onestamente, preferiamo restare in casa, altrimenti la voglia di scendere a passeggiare è ancora più forte.
      Anche mio figlio non esce da tredici giorni. Io son scesa 3 o 4 volte per fare la spesa o andare in farmacia, ma comunque non è facile.
      Buona domenica a voi.
      Un bacione.

      Elimina
  11. Sì, buona domenica!
    Nella stessa barca tutti: si sta un po’ stretti, certo, ma se nessuno fa gesti inconsulti e remiamo tutti dallo stesso lato arriveremo sani e salvi in porto.
    Forzaaaa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è che molti remano al contrario... 😢

      Elimina
  12. Bisogna resistere ancora una settimana...poi si vedrà. Buona serata, Angelo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari fosse solo una settimana, caro Angelo.
      Magari... 😓

      Elimina
  13. Ce la faremo, si. Anche io voglio pensarlo, voglio imbrattarmi la mente e il corpo di questo pensiero.
    Nel frattempo è dura, durissima.
    Un abbraccio e buona domenica sera.

    RispondiElimina
  14. Posso immaginare che con un bambino piccolo preoccupazioni e stress siano alle stelle. A me per fortuna non pesa dover restare in casa (specifico dover restare in casa, perché tutta la situazione intorno invece pesa eccome). Buon quel che resta della domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come al solito non ho ricevuto notifica del tuo commento e se Ale non avesse commentato questo post, me lo sarei perso. Uffi.
      Comunque sì, per i single che vivono con i genitori è indubbiamente più semplice, ma ce la caviamo.
      Buon inizio di settimana a te.

      Elimina
  15. Tre settimane sono già passate, fuori la primavera.... e sicuramente non finirà presto. Buona giornata Claudia un bacino a Lorenzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E no. Non finirà presto, ma terremo duro.
      Un bacione a te.

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.