lunedì 30 marzo 2020

Coronavirus: il servizio di aiuto di psicologi e psicoanalisti

Qualche giorno fa, consultando come sempre il sito del Ministero della salute, ho trovato la notizia di un servizio che potrebbe tornare utile a molti di noi, e che ho deciso di consigliarvi.
Questa quarantena, infatti, sta portando tanti alla pazzia, e non solo in senso metaforico.
Dunque, un aiuto psicologico gratuito, potrebbe davvero fare la differenza.
Vi ricopio, quindi, quello che trovate sul sito che vi ho linkato, sperando di farvi cosa gradita.

"Per aiutare la popolazione a reagire
il Consiglio nazionale dell’ordine degli psicologi (Cnop) ha promosso l’iniziativa #psicologionline: i cittadini tramite un apposito motore di ricerca (accessibile dal sito Cnop) possono trovare lo psicologo o psicoterapeuta più vicino e prenotare un teleconsulto gratuito (via telefono o piattaforma di videochiamata). In caso di necessità verranno programmati interventi a distanza più strutturati. Oltre 4mila professionisti dislocati in tutta Italia hanno già aderito al progetto.

Anche la Società psicanalitica italiana (Spi) ha messo a disposizione un servizio di ascolto e consulenza di psicologia psicanalitica (da 1 a 4 teleconsulti gratuiti) per problematiche connesse all’emergenza coronavirus. I Centri psicoanalitici associati alla Spi, presenti su tutto il territorio nazionale (Roma, Milano, Bologna, Genova, Torino, Firenze, Pavia, Padova, Napoli, Palermo) forniranno per il progetto i nominativi dei professionisti disponibili per l’ascolto tramite telefono o piattaforma di videochiamata.

Chiamando infine il numero verde 800.065510 della Croce Rossa si può ricevere assistenza psicologica e telecompagnia contro stress e incertezza.".

Insomma, nel momento del bisogno migliaia di professionisti sono qui per darci una mano gratuitamente.
Non esitate a contattare i recapiti che vi ho linkato e non provate vergogna nel sentire il bisogno di un aiuto.
Non siete soli. Uniti ce la faremo.

23 commenti:

  1. Ottime iniziative, queste.
    Nonc'è altro da dire... :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti.
      Spero che questo post possa tornare utile a chi non segue il sito del Ministero e non conosce le svariate opportunità che abbiamo in queste settimane per vivere "meglio".

      Elimina
  2. Cara Claudia, questa notizia farà felice tanti, per me non credo di avere bisogno, è così.
    Ciao e buona settimana cin un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neanch'io ne ho bisogno per fortuna, ma spero che tutti coloro che stanno soffrendo più del normale possano usare il servizio.

      Elimina
  3. L'ascolto è sempre sottovalutato.
    A volte due orecchie guariscono più delle medicine.
    Iniziativa splendida

    RispondiElimina
  4. Un'ottima iniziativa in effetti, anche se mi fa ricordare che ieri mi hanno girato su whatsapp un file audio, che è una parodia in effetti, una battuta diciamo così, dove una voce registrata recita: "COMUNICATO DEL SINDACATO NAZIONALE DEGLI PSICHIATRI: CARI CONCITTADINI, POICHE' SIAMO INONDATI DA CHIAMATE, VI INFORMIAMO CHE DURANTE IL PERIODO DELLA QUARANTENA E' ASSOLUTAMENTE NORMALE PARLARE COI MURI, CON GLI IMPIANTI E CON ALTRE COSE. VOGLIATE CONTATTARCI SOLTANTO SE VI RISPONDONO. GRAZIE!" Inutile aggiungere che ne ho riso tanto e l'ho girato ai colleghi ed amici. Io conto sulla discrezione dei miei arredi domestici, che abitualmente questo vizio di rispondere non ce l'hanno... :-D :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah
      Bellissimo. Peccato non averlo ricevuto.
      L'avrei allegato al post. 🤣🤣🤣

      Elimina
    2. Fa il paio con quella dei due psichiatri: "Come va da te in clinica?" - "Benissimo, ho il tutto esaurito!"

      Elimina
  5. Grazie per l'informazione , per il momento non ne ho bisogno ma , chissà ,
    in futuro potrebbe tornarmi utile .
    Forte il Comunicato di Sfinge , mi sono fatta una risata , altro che psichiatri....Ecco , basterebbe leggerne un po'per alleggerire la giornata.
    Non ne hai in serbo qualcuna ?
    Abbraccione . Laura


    RispondiElimina
  6. Barzelletta intendo , o simile .L.A

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E no. Purtroppo son sempre stata negata con le barzellette.
      Quindi non saprei cosa raccontarti. 😅

      Elimina
  7. Ottime iniziative. Ci sono persone molto fragili, che magari erano già in psicoterapia, che non possono essere lasciate sole, quindi ottime le consulenze via Skype e simili... A queste si aggiunge chi è preso dallo sconforto, dalla paura del contagio, o che forse ha già perso un familiare per via del virus: un giusto supporto psicologico professionale può fare tanto.
    Nel nostro piccolo può essere utile anche praticare la meditazione, ringraziando la vita per esserci svegliati sani e in grado di essere di aiuto a qualcuno, vivendo il momento presente senza angosciarci inutilmente di quanto potrebbe accadere. Perché disperarsi non risolve, anzi abbassa le difese immunitarie e favorisce l'ammalarsi, quindi tanto vale imparare la lezione e regalare conforto. Ci fa stare meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho mai provato la meditazione, ma è una branca affascinante.
      Non credo faccia per me, però.
      In ogni caso, essere positivi è l'unica vera opportunità di salvezza che abbiamo.

      Elimina
  8. Vado fuori tema (anche se rimango in tema telefono...e covid-19): per me il grande problema di questo coronavirus è stata la gestione dei malati a domicilio.
    Il 100% delle morti di persone senza patologie pregresse o con una patologia lieve è dovuta ad una non efficiente assistenza del sistema sanitario. Troppi ricoveri tardivi.
    Nel caso degli anziani ovviamente il peggioramento repentino delle condizioni fisiche è più nella norma e quindi è difficile da individuare per tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se consideri che ti fanno il tampone solo SE hai sintomi gravissimi o, peggio, ti chiedono di attendere che tu stia malissimo, avrai la tua risposta...

      Elimina
  9. E' giusto che la questione psicologica non venga tralasciata. E' dura per tutti ma per qualcuno di più. Pensiamo a chi già sta in cura con disturbi psicologici più o meno gravi: l'isolamento forzato e la mancanza di lavoro può fare danni assai seri.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sono fermamente convinta.
      Quindi è bene tutelare quelli che già sono in cura, così come chiunque altro ne sentisse il bisogno.

      Elimina
  10. Conosco alcuni che credo dovrebbero provare questo servizio...può essere utile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Informali della sua esistenza.
      Magari ti ringrazieranno.

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.