giovedì 29 agosto 2019

Siete puntuali o ritardatari?

Confesso, ho il vizio della puntualità. Anzi... Dell'anticipo.
In alcuni casi può risultare snervante quasi quanto quello del ritardo.
Chi mi conosce bene sa che dieci o quindici minuti prima di un appuntamento riceverà un mio messaggio con su scritto "Io sono qui, fai con comodo".
Voi, invece, che rapporto avete con l'orario?

Ho sempre dato la colpa ai miei genitori per questa mia abitudine di anticipare agli appuntamenti o, addirittura, al lavoro.
Sia mia madre che mio padre, infatti, si sono sempre comportati allo stesso modo.
Eppure, mio fratello è un ritardatario cronico.
Se deve essere in un posto alle 8 del mattino, mette la sveglia alle 7.40, fa colazione con comodo, si doccia, si prepara e alle 8.15 scende da casa. Insomma, traffico permettendo arriverà a destinazione alle 8.30. Per lui mezz'ora di ritardo è la normalità.
Quindi, evidentemente, la genetica non c'entra.

Il caso ha voluto, poi, che ho sposato un uomo perennemente in anticipo, proprio come me.
Dunque, nonostante un bimbo piccolo, siamo sempre i primi ad arrivare ovunque.
E aspettiamo...
Perché, fondamentalmente, se hai il vizio dell'anticipo ti tocca attendere anche un'ora che il ritardatario di turno ti raggiunga.
Non sarebbe più facile partire direttamente mezz'ora dopo?
No. Nel cervello degli anticipatari manca proprio una valvola che permetta di allungare i tempi, così come credo in quello dei ritardatari di accorciarli.

Spesso, i soliti fantomatici studi dell'università della Cambogia sanciscono che una delle due categorie vivrà più a lungo, poiché l'altra è troppo soggetta a stress e ansia.
Indovinate quale?
E' un po' quello che avviene tra ordinati e disordinati. Secondo queste attendibilissime ricerche i secondi sarebbero più intelligenti e felici dei primi.
Io, però, che sono una puntualissima e molto ordinata trentenne, continuo a pensare che queste teorie vengano diffuse appositamente dai ritardatari casinisti per poter essere lasciati in pace nel loro caos mentale e fisico.
Ora scappo perché sono le 8 e non ho ancora combinato nulla. Ho un appuntamento alle 11, non vorrei fare tardi........ 😅😉

Scherzi a parte, non sono ansiosa... lo giuro!
Sono semplicemente una sostenitrice del multitasking e mi piace organizzare i tempi, per fare duemila cose in mezza giornata, in modo da avere tempo anche per godermi la pace del divano o ascoltare musica leggendo un buon libro.

44 commenti:

  1. Buondì Claudia!

    Come te sono una persona che vive nell'ordine e nell'anticipo. (Anche una penna fuori posto per me è sinonimo di disordine, sono una specie di "Bree Van de Kamp" delle desperate housewife senza vestitino bianco ma con la barba -o in questi giorni basette- e una birra vicino :-P )

    Al di la delle battute e andando per ordine... penso di avere la sindrome del Bianconiglio: Per me è sempre tardi. Qualsiasi cosa faccio è troppo tardi, (anche) per questo ogni giorno mi sveglio alle cinque del mattino...oggi alle 7.30 ma ho fatto fatica ad addormentarmi e dovevo recuperare delle ore di sonno quindi puoi solo immaginare come mi sento. Tutto questo perché "più cose riesco a fare nelle prime ore della giornata -salvo turni lavorativi- più tempo libero avrò a disposizione".

    Come te, anche nel passato, ho aspettato tanto...troppo! Una mia ex ritardataria 11 anni fa mi aveva fatto aspettare 3 ore in un parcheggio (no comment, almeno mi ero portato da leggere). Il mio migliore amico, ritardatario come tuo fratello, la prende con comodità. Forse per questo andiamo così d'accordo: gli opposti si attraggono :-D

    Da chi ho preso non lo so, di certo non da mio padre che è disordinato e ritardatario. Mia madre nemmeno: Quando ha notato come tengo tutti i conti delle entrate e uscite economiche in maniera dettagliata (al centesimo!) è rimasta stupita per l'attenzione e cura maniacale nei dettagli.

    So solo che nella giornata di oggi sono indietro nella mia tabella di marcia: devo ancora fare i 20 minuti di corsa, finire di fare colazione, lavarmi e organizzare questo giovedì appena nato :-D

    Praticamente...panico totale! :-D Ci vuole un secondo caffè ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E in tutto questo hai trovato cinque minuti per leggere e commentare il mio post?
      Caspita, mi sento onorata. Ahahah
      Io son sveglia dalle sei perché Lorenzo ha deciso che giocare è più divertente di dormire..
      Quindi diciamo che ho già fatto un saaacco di cose e che per l'ora di pranzo avrò finito tutto tutto e potrò rilassarmi un po'.
      Tu, intanto, corri.. 😉

      Elimina
  2. Puntuale, o in anticipo.
    E detesto certi spettacoli annunciati a una certa ora, che poi iniziano "puntualmente" in ritardo, per aspettare che arrivi altra gente, mancando così di rispetto a chi è stato puntuale.
    Se faccio ritardo non è mai per mia volontà, chi lo fa cronicamente dopo un po' mi perde.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece sono sempre stata circondata da ritardatari, ma diciamo che non basta farmi aspettare due ore per perdermi.
      Dopo un po' "ci faccio il callo".. 😉

      Elimina
    2. Sì ma il tempo ad aspettare non ce lo restituisce nessuno. 😒

      Elimina
    3. Lo so bene.
      Prendilo come un atto d'amore o d'amicizia. 😉

      Elimina
  3. Puntuale.. se faccio ritardo accade perché il mondo mi è contro ma cerco sempre di anticipare in modo tale da prevenire anche l'apocalisse. ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah
      Qualche giorno fa ho inviato un messaggio ad una mia amica per annunciarle il mio imperdonabile ritardo di 5 minuti, e le ho scritto: "Goditelo, perché sarà l'unico ritardo della nostra vita".. 🤣🤣

      Elimina
  4. Oscillo tra la puntualità/lieve anticipo e il lieve ritardo, a seconda dell'importanza dell'appuntamento. Il bello è quando devo prendere l'aereo: fino al giorno prima mi preparo con calma, il giorno stesso continuo a fare con calma muovendomi in anticipo, ma immancabilmente mi viene la colite. Al lavoro ho l'orario flessibile quindi posso permettermi ritardi, se indugio a pulire le ciotole del gatto o a innaffiare o sistemare qualcosa. Ancora più in generale, sono talmente pigra che per non stressarmi non organizzo mai nulla :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E brava Livia.
      Qualche giorno fa leggevo un tuo commento da Hermione, e mi pare di aver scoperto che sei Pugliese anche tu. Giusto?
      Sai che sono smemorata, ma ricordo che mi dissi che avevamo qualcosa in comune.

      Elimina
    2. Uhm, non mi pare di aver mai commentato da Hermione, però sotto un tuo post sui nonni ti raccontai di mio nonno carabiniere a Lubiana durante la seconda guerra e mia nonna che intanto faceva la fame a Trani con la madre e due bambini. Mia madre andò via da Trani mi pare a 6 anni, quindi di pugliesità non ne ho molta, ma ovviamente adooooro la Puglia (anche se ne ho visto poco)!

      Elimina
    3. Allora. Per fortuna adesso sono al pc e facendo delle ricerche incrociate ho capito il mio errore.
      Ieri ho letto il post di Gilda sulle intolleranze alimentari, ed ho scoperto che hai problemi di udito.
      Ecco, era questo ci accomunava. Io sono sorda dall'orecchio sinistro.
      Però sono anche mooooooooooolto smemorata? Vedi?
      Non so perché sono arrivata a Hermione e alla Puglia. Forse perché avevo letto e commentato anche lei.
      Che disastro..

      Elimina
    4. Hihihihihi, diciamo che i collegamenti onirici strani li fai da sveglia invece che da dormiente XD

      Elimina
    5. No vabbè..
      Sono tutta un film.
      Speriamo che il mio hater non legga, se no scriverà che più che smemorata sono rincoglionita. 🤣🤣

      Elimina
  5. Agli appuntamenti della vita sono sempre arrivata tardi 😅

    RispondiElimina
  6. sempre 5 minuti in anticipo. swiss made

    RispondiElimina
  7. Dimentico ricorrenze, compleanni e appuntamenti di lavoro, lascio in giro portafoglio, telefono e chiavi di casa, ma sono sempre sono puntualissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora ti sposerei lo stesso.
      Ahahah
      Disordinato ok, ma ritardatario mai. ;)

      Elimina
  8. Cara Claudia, credo che questo vizio ce l'abbia pure io, io non posso arrivare dopo il tempo prestabilito, sono sempre io che aspetto, solo così sono contento di no sbagliare mai...
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente sei Svizzero anche tu, come Germano.
      Quindi rispetti la tradizione. ;)

      Elimina
  9. Puntuale o in anticipo. Non perdono e non sopporto i ritardi sopra una certa soglia, soprattutto ingiustificati. Sono in ritardo spesso la mattina in ufficio. Anche di dieci minuti, ma non devo timbrare. Il non marito è ritardatario cronico, mentre agli appuntamenti di famiglia a mio fratello siamo arrivati a dire l'ora sbagliata per non dover aspettarlo.Non ritengo avere figli piccoli sia una valida giustificazione per arrivare tardi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fai sentire meno sola.
      Quella dei figli piccoli è una scusa di cui tanti abusano fin troppo.
      Come la storia che le mamme non hanno il tempo di farsi la doccia....
      Io mi lavo tutti i giorni, e anche più volte al dì. ;)

      Elimina
  10. Se il tempo è relativo arrivo relativamente prima non voglio essere secondo a nessuno.
    Un abbraccio
    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi sei relativamente simile a me. ;)
      Buona giornata

      Elimina
  11. Mentalmente sono puntuale, operativamente sono spesso in ritardo.
    Io mi muovo anche per tempo ma le variabili che si possono insinuare sono sempre troppe: il pannolino pieno, perché la si deve fare quando si è già sulla porta di casa; qualcuno che non trova le scarpe o il giubbotto o la sacca; le chiavi di casa che non sono mai dove dovrebbero essere; quelle della macchina che le seguono a ruota....le possibilità sono infinte.
    Giuro: io ce la metto tutta, ma ho 5 uomini che mi remano contro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dicevamo con Nia che i figli piccoli non sono un buon pretesto per arrivare in ritardo.
      Ecco, nel tuo caso mi sento di assolverti, perché ne hai 4. Maschi.
      (Tanto per restare in tema col tuo post sulle frasi fatte..) 😉

      Elimina
  12. Sono per la puntualità.
    Anzi sono pure per l’anticipo.
    Ma purtroppo non sono un tipo ordinato .
    Anzi come ho letto sopra per un po’ ho cercato di annotare entrate e uscite per controllare le spese...ma dopo un po’ mi son rotto le palle!
    Per fortuna mia moglie su queste cose è più attenta di me.
    Non che si prenda nota dell’economia familiare ma sa sicuramente più di me ad esempio quanto è arrivato di luce il mese scorso...
    Se ritardo non è sicuramente per colpa mia.
    Di solito.
    Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh dai, puntuale ma non ordinato. Mi sembra un giusto compromesso.. 😉
      Pensavo peggio. Ahahahah 😜

      Elimina
  13. Ciao, anch'io sono sempre puntualissima. Spesso arrivo anche in anticipo; in ritardo mai perchè non mi piace far aspettare gli altri. Allo stesso modo, vorrei che anche gli altri fossero puntuali, perchè anche a me non piace aspettare. Dico anche che gli appuntamenti mi mkettono ansia e che sono piuttosto precisa, per questo arrivo sempre puntuale. Però sono convinta che chi arriva in ritardo è disordinato ma vive benissimo così ! SALUTI.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente vive molto meglio di noi, perché se ne frega di tutto e tutti, no? ;)
      Buon pomeriggio. A presto.

      Elimina
  14. Mio padre è come te, solo che lui è un tipo ansioso :D non lo dà a vedere ma noi lo conosciamo bene, ormai.
    Io arrivo puntuale, né in anticipo né in ritardo.
    Bacioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi quando ci daremo appuntamento aspetterò solo i miei dieci minuti.. d'anticipo.. 😉

      Elimina
  15. Sono in anticipo/puntuale, ma mai in ritardo. La cosa brutta che mi succede è l'ansia di dover uscire, vado su è giù per la casa, non so mai cosa mettermi, controllo se ho dietro medicine, cellulare, occhiali, da bere,.... il panico praticamente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conosco le tue ansie e immaginavo che queste triplicassero quando devi uscire.
      Pensa a farti desiderare un po'.. 😉

      Elimina
  16. Sì ti conosco, è successo, anche se la strada non ti ha permesso di arrivare tanto prima :D
    Per quanto riguarda me, non sono quasi per niente puntuale e mi da fastidio se qualcuno dice un orario e fa ritardo, scombussola un po' tutto, e l'ansia no non c'entra ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che con te ho calcolato i tempi meglio che ho potuto e ho fatto "solo" dieci minuti di anticipo. 😅

      Elimina
  17. Per me dipende: se ho un appuntamento importante o comunque con qualcuno che conosco poco sono puntuale, altrimenti esiste una cosa chiamata "la mezzora Pier" per cui ogni orario che dico deve essere posticipato di mezzora

    RispondiElimina
  18. Arrivo sempre in anticipo :D.
    Eh sì, su questo siamo praticamente identici...O meglio, per me è quasi una fobia!
    Non so da dove derivi questa cosa..
    Sogno spesso ad esempio di dover prendere l'autobus, come ai tempi della scuola, e di essere in ritardo, un ritardo così grande che non posso prenderlo in tempo.
    Quando ho una serata in pizzeria, voglio arrivare comunque per primo :D e anche questo non me lo so spiegare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi se vivessimo più vicini ci daremmo appuntamento alle 17 per un caffè e ci incontreremmo precisamente alle 16.30.. 😅

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.