sabato 24 aprile 2021

Addio Milva

 
Ieri si è spenta, a Milano, la cantante Milva, all'età di 81 anni.
La notizia è stata diffusa nel corso delle ultime ore.
Per salutarla, ho scelto di dedicarle un'edizione speciale del jukebox, condividendo uno dei suoi brani più allegri e celebri.
Si tratta de "La filanda", del 1972.


Il brano è la versione italiana di un successo della celebre cantante portoghese Amália Rodrigues (É ou não é di Alberto Janes), con cui Milva vinse la prestigiosa "Gondola d'oro" alla Mostra internazionale di musica leggera di Venezia nel 1972 e che resta il suo 45 giri più venduto. Il testo italiano è di Vito Pallavicini. (Fonte Wikipedia).

Il mondo della musica è in lutto per aver perso la sua "Rossa", che aveva partecipato ben 15 volte al Festival di Sanremo, detenendo un record condiviso con artisti italiani altrettanto amati quali Toto Cutugno, Albano e Peppino di Capri.

Ciao Milva!

18 commenti:

  1. Una bravissima cantante!RIP

    RispondiElimina
  2. Ho riascoltato volentieri questa canzone che mi ricorda la mia infanzia, quando a casa di mia zia prendevamo i suoi vecchi vinili e ci mettevamo a ballare in terrazzo. Bei tempi, bella canzone, la so a memoria.
    Ciao Milva, rossa favolosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io la ricordo a memoria, pur essendo parecchio antecedente rispetto alla mia nascita.
      Buon fine settimana.

      Elimina
  3. Aveva una voce fantastica. Ricordo molte sue belle canzoni, tra le quali "la filanda". Una grande interprete. Ciao Claudia e buon sabato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "La filanda" è l'unica che conosco, e proprio per questo l'ho condivisa nel post.

      Elimina
  4. Ciao Rossa. 😢

    Alcuni mesi fa avevo scoperto una sua canzone che sembra raccontare alcune mie recenti vicende personali. Ho perso il conto di qualche volte l'ho ascoltata e, in un certo modo, mi è diventata una "voce amica".

    RispondiElimina
  5. Sono cresciuta con Milva e Mina . Le due "tigri" .
    Io ricordo molto bene : Milord e Argentina .
    Era molto famosa anche in Germania , cantava molto bene in Tedesco ,
    non so se anche lo parlava .
    Addio Rossa , ora canterai per gli Angeli .
    Buona serata Laura ***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero. Al tg ho ascoltato due sue interpretazioni in tedesco, e mi è sembrato che avesse un'ottima padronanza della lingua.
      Buona serata a te.
      Bacione one one.

      Elimina
  6. Una magnifica inetrprete. Credo che fosse un palmo sopra un sacco di cantanti più giovani.

    RispondiElimina
  7. Molto dispiaciuto per la sua morte. Donna e interprete unica non per niente ha lavorato anche con Strehler

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'artista preziosa per la musica italiana e anche per il teatro.

      Elimina
  8. Impossibile non conoscerla, canzoni non proprio intramontabili ma grande voce, grande artista, RIP.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una voce che, sono convinta, riconosceremo anche tra cento anni.

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.