lunedì 21 ottobre 2019

Telecamere sul luogo di lavoro, sì o no?

Da qualche tempo si è diffusa l'abitudine più o meno lecita di installare telecamere di videosorveglianza sui luoghi di lavoro, allo scopo di verificare il corretto comportamento dei propri dipendenti e limitare i furti o le inadempienze.
Spesso, però, invocando la legge sulla violazione della privacy, i lavoratori insorgono contro i loro superiori e chiedono la rimozione delle cimici.

Di recente, la Corte di Strasburgo ha stabilito che un datore di lavoro può video-sorvegliare senza avvertire i suoi dipendenti, nel caso in cui sospetti che lo stiano derubando.
La vicenda riguarda la Spagna e risale al 2009.
Il proprietario di un supermercato, visti i continui ammanchi negli incassi, decise di installare delle telecamere senza informare i suoi dipendenti e licenziò i colpevoli senza diritto di replica.
Questi, però, pensarono di denunciarlo per violazione della privacy.

I vari gradi di giudizio stabilirono, dunque, che il manager aveva tutti i diritti di tutelare il suo patrimonio.
Adesso persino la Corte europea dei diritti umani ha stabilito che non vi fu alcuna violazione dei diritti dei lavoratori, in quanto le telecamere furono installate per soli dieci giorni, al fine di dimostrare i sospetti del titolare.

Insomma, questi operai avrebbero fatto meglio a non fare i furbi e ad accontentarsi del loro stipendio, invece di trafugare soldi e merce dal supermercato.
Intanto, voi siete favorevoli o contrari all'installazione di questo genere di videocamere?
Io, che quando lavoro lo faccio con immensa lealtà, non ho alcun problema in merito, sebbene abbia un piccolo scheletro nell'armadio di cui vi racconterò per strapparvi un sorriso.

Diversi anni fa lavoravo come receptionist in un albergo che non prevedeva la mensa per gli operai, né concedeva pause per rifocillarsi.
Quindi, soprattutto nel turno serale, dalle 15 alle 23, mi capitava spesso di "non vedere più dalla fame".
Così, a volte, mi recavo di nascosto nel bar attiguo alla reception e rubavo una manciata di arachidi da quelli riposti in un grande contenitore per gli aperitivi.

Qualche settimana dopo due ragazze addette alle pulizie furono licenziate perché sorprese a trafugare oggetti dalle stanze e generi alimentari dalle celle frigorifere.
Si sparse la voce che il direttore le avesse scoperte in seguito all'installazione segreta di videocamere di sorveglianza.
Ad oggi mi chiedo ancora se mi abbiano mai vista mangiare quelle noccioline e nel caso se non me lo abbiano mai detto per:
- i sensi di colpa per la negazione della mensa che mi spettava da contratto;
- la pietà nel vedere una ragazza tutta d'un pezzo che si abbassava a rubare degli arachidi;
- la vergogna di e per me.

Morirò col dubbio........... 😜

49 commenti:

  1. Sono completamente a favore delle telecamere, dato che il solo fatto di percepire uno stipendio senza produrre è un furto, sia di denato, sia di quel posto di lavoro che potrebbe essere occupato da qualcuno più volenteroso.
    Se non hai nulla da nascondere, perché ti ritieni violato nella privacy?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente.
      Ma delle noccioline non dici niente? Credi che il giudice mi assolverebbe? 😂😂😂

      Elimina
    2. Secondo me la zona del bar non era videosorvegliata, sennò quel furtarello ricorrente ti sarebbe costato almeno un richiamo. Fermo restando che dalle 15 alle 23 una pausa mensa ci vuole.

      Elimina
    3. Che poi le 23 diventavano sempre mezzanotte.
      Nel turno di mattina, facendo un'abbondante colazione a casa, riuscivo a resistere fino al primo pomeriggio, ma la sera vuoi la noia per il lavoro meno impegnativo, vuoi il buio, lo stomaco vuoto si faceva sentire.
      Comunque, scherzi a parte, credo che loro sapessero dei miei "furti", ma cosa potevano dirmi? Lavoravo sempre più di quanto mi veniva chiesto e bene (perché è nel mio DNA). Poi, una busta di noccioline costa poco più di un euro. 😅

      Elimina
  2. Cara Claudia, per me va bene le video sorveglianza, cosa diresti tu seno testimoniassero un furto,, tutti sarebbero sospettati!!! Dunque chiarezza in tutto, cara amica.
    Ciao e buona settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Tomaso.
      È sempre meglio lavorare in un ambiente sicuro in cui non posso attribuirti le colpe degli altri.
      Buon inizio di settimana a te. 😘

      Elimina
  3. Sono d'accordo se è una cosa limitata e giustificata dal dubbio di qualche furto o ammanco. Sinceramente se il rapporto di lavoro parte con questo presupposto non lavorerei serena,mi sentirei immotivatamente già messa sotto accusa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me, invece, come dicevo a Tomaso, è un punto a favore poiché, quando si lavora in squadra, è facile che ci vengano attribuite colpe non nostre. E non parlo ovviamente di furti, ma proprio di scorrettezze professionali, ritardi, ecc.
      In caso di telecamere immagini cantano, no? Ognuno paga solo le proprie responsabilità.

      Elimina
  4. sono favorevole ..anche perchè se faccio il mio lavoro chi se ne frega se mi filmano ...anzi meglio ,come dici tu se lavoro in gruppo spesso c'è che lavora e chi tira indietro..lavoravo in un posto facevo rapporto qualità merce calzature accessori e tessile ..dovevamo fare rapporto ogni fattura controllata ..poi c'era ragazza che faceva statistiche ..non ti dicevano niente se parlavi (io parlo tantoooo) o guardavi dalla finestra ..tanto a fine mese sapevano se avevi lavorato o sonnecchiato ..ma c'era chi si lamentava quando veniva richiamato..ma scusa ti pagano per lavorare ,te lo lasciano fare come vuoi e quando non fai un cavolo e ti richiamo ti lamenti??
    quando lavoravo ultimi anni giravo ,sempre controllo qualità , dove c'era merce spesso costosissima super lusso ..io andavo magari cominciavo 9 /15 senza pausa, loro facevano pausa , mai avuto nessun problema dove prendevo merce la rimettevo ..se la volevo qualche borsa /scarpe/vestito ..la chiedevo e la pagavo a prezzi minimi ..a volte me la regalavano ..ma non mi son mai permessa di prender niente ..un giorno ero in un magazzino lusso ..rimango durante la pausa ,non c'era nessuno ..arriva un autista entra lo vedo girare ..ma pensavo cerva ufficio contabilità ..era uno che ogni tanto lo vedevo ....riprendo lavoro ..e vedo che c'è un pò di scompiglio tra le persone ..non ci faccio caso vado veloce perchè devo far un altro controllo in altro magazzino ..quando esco il responsabile mi dice : abbiamo controllato telecamere (neanche sapevo che c'erano) ..l'autista ha rubato portafogli a ragazza che lo aveva lasciato sul tavolo e glielo abbiamo fatto restituire ..ma abbiamo anche visto che tu lavoravi come una matta ;))..e io ho detto che non ruba niente ..dunque se non fai male anche se ti filmano ..nessun problema ..
    andavo in un magazzino a Bari x lavoro ..sul muro interno c'era scritto a caratteri cubitali :NON RUBARE ::CHIEDI!!!
    serenità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice di questa tua testimonianza.
      Anch'io, come te, ho sempre lavorato sodo ed in maniera impeccabile, quindi non ho mai avuto problemi che vi fossero o meno telecamere di videosorveglianza.
      La tua esperienza dimostra quanto queste cimici possano essere utili alle volte per risolvere problemi come il furto alla tua collega.
      In ogni caso, rubare è sempre sbagliato. Nella questione degli arachidi, infatti, ho usato le virgolette, poiché il pranzo e la cena mi erano dovuti, ma il direttore preferiva mangiare otto portate tutte per sé, privando noi dipendenti dello stretto sostentamento.

      Elimina
  5. Ciao Claudia! Io giustificherei le telecamere solo in caso conclamato di emergenza, per esempio sospetto furto o, peggio, maltrattamento di persone (bambini o anziani).
    Altrimenti, preferirei di no. Già il mondo del lavoro attuale è riuscito ad introdurre nuove forme di schiavismo, complici la crisi e la fame di stipendio. Osservare costantemente un dipendente, secondo me, creerebbe un precedente pericoloso. Non vogliamo ritrovarci in una distopia tipo quella raccontata dal film "The circle" (se non l'hai visto: un'azienda totalizzante che controlla te, i tuoi amici e la tua famiglia tramite social e ti fa pensare solo e soltanto al lavoro). Certi film di "fantascienza" sono più vicini a noi di quello che crediamo…
    Buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo di averlo visto, anche se non ne sarei certa.
      Quei film mi fanno sempre un effetto inquietante, proprio perché diventano ogni giorno più realistici...

      Elimina
  6. Io sono favorevole, a me nel 2008 all'aeroporto di Ciampino mi rubarono la macchina fotografica, grazie alle telecamere scoprirono che alcuni addetti svuotavano le valigie, mi riconsegnarono la mia macchina fotografica.
    Penso che una persona onesta non deve avere paura di una telecamera, non morde.
    Buon inizio settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita, sei stato fortunato a ritrovarla.
      E spero che i dipendenti siano stati licenziati in tronco. Che gente!
      Buona settimana a te.

      Elimina
  7. Io sarei d'accordo con le telecamere nel caso in cui io sia da SOLO in tutto lo stabile dove lavoro, e purtroppo a causa dei turni mi è capitato.. penso sempre che se mi sentissi male (tocchiamo ferro) mi recupererebbero non so dopo quante ore! Ovviamente telecamere con qualcuno dall'altra parte che le stia controllando :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita che ansia.
      E' un po' come la mia fobia di vivere in campagna. Dico sempre che non potrei mai farlo, poiché se morissi mi ritroverebbero dopo tre giorni. :))

      Elimina
  8. Ti avranno anche visto, ma non era certo un reato... aha!
    Anche io ho le telecamere sul luogo di lavoro, da quest'anno.
    A parte che sono segnalate sin dall'esterno (e poi atrio e quindi sala interna), non sai che aiuto mi daranno ora che dovrò gestire ben due piani! :D
    Sì, in questi casi non c'è un prevenire meglio che curare: se ritrovo danni o manca qualcosa, si guarda il filmato e il danno viene ripagato XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, dovendo occuparti di due piani credo che le telecamere siano indispensabili. In fondo, non puoi mica sdoppiarti.
      Ma di sicuro non hai il mio problema. Tu mangi e bevi indisturbato... :P

      Elimina
    2. Io faccio come mi pare, ahaha XD

      Moz-

      Elimina
  9. Favorevole alle telecamere . Mamma diceva "Male non fare , paura non avere"
    Ma tu , lavoravi per un negriero ? Se sul contratto c'era scritto che
    avevi diritto a una pausa perchè non te la prendevi ? Altro che noccioline.
    Mio fratello che parlava discretamente 3 Lingue , per alcuni anni ha fatto
    il portiere di notte di un grande albergo , poteva andare al bar e in
    cucina e prendersi ciò che voleva con il consenso dei proprietari.
    E sì , avrei voluto vederti , di soppiatto e con l'ansia mangiare
    noccioline . Un bel panino farcito ci voleva per il tuo stomaco....
    Buona giornata . Besos . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che i portieri notturni vengono sempre più tutelati dei receptionist diurni?
      Non ne ho mai capito la ragione.
      Difatti, nello stesso albergo, il custode della notte aveva addirittura diritto alla pausa whisky. Lo aiutava a restare sveglio. Mah...
      Noi, invece, andavamo persino in bagno col timer, poiché essendo sempre sole in servizio lasciavamo la postazione scoperta. E indovina quando squillava il telefono o arrivavano ospiti?
      Quando ci eravamo appena sedute sul water. Ahahahahaha

      Elimina
    2. La mia è una tripla risata !!! Quando suona il telefono o alla
      porta io sono...sul water o sotto la doccia .

      Elimina
    3. Ahaha
      Vabbè dai, se ti vogliono chiameranno più tardi o torneranno a trovarti.
      Io, invece, dovevo giustificare la mancata risposta al telefono, visto che mi pagavano anche per quello. ;)

      Elimina
  10. Favorevole a condizione che queste telecamere non siano utilizzate per schiavizzare il lavoratore, ossia che non vengano installate con lo scopo di punire il lavoratore che magari si ferma cinque minuti per bere, andare in bagno, o prendere una piccola pausa in un turno lungo di ore. Insomma, è importante che non siano installate per scopi poco nobili...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che in un contesto sano queste piccole pause dovrebbe essere fisiologiche per i lavoratori, e quindi concesse.
      Diverso è se la pausa sigaretta viene fatta ogni mezz'ora, ad esempio.
      Beh, in quel caso ben venga il richiamo disciplinare.

      Elimina
  11. In linea di massima non devono esser temute dal lavoratore che opera con lealtà. Tuttavia sono d'accordo sulle riserve espresse nel precedente commento. Ricordo che l'uso è ammesso in Italia previo un doveroso accordo con le organizzazioni sindacali. Voltaire (https://lumevoltaire.wordpress.coml

    RispondiElimina
  12. Mangiare due noccioline non mi sembra così grave :D
    Comunque noi le telecamere le abbiamo per ovvie ragioni. Alla fine è una tutela anche per noi quindi non ho nulla da obiettare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tu ti concedi una pausa pranzo oppure no? Ahahah :*

      Elimina
    2. Al massimo una pausa merenda :D Che poi non è proprio una pausa, semplicemente addento qualcosa tra un cliente e l'altro.
      Io ho la fortuna di pranzare a casa.

      Elimina
  13. assolutamente contrario. non c'entra il motivo per cui le si usano (sicurezza, prevenzione, controllo). questione di libertà minate: prima per strada, poi al lavoro, alla fine ce le ritroveremo anche in automobile e in casa. abbiamo fatto senza per millenni, possiamo continuare a fare senza, dal momento che non hanno un reale valore aggiunto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita. Non avrei scommesso un solo euro sulla tua ferma opposizione al tema.
      C'è da dire, però, che effettivamente questo genere di dispositivo mina la libertà di ciascuno di noi, ma resto dell'idea che almeno sul luogo di lavoro si debbano seguire delle regole rigide che prescindano dal benessere psicologico dei dipendenti.

      Elimina
  14. Io sono contraria anche se non ho mai fatto niente per cui potrei essere ripresa da un capo. E fra l'altro la mia ex capa mi ha raccontato che nonostante le telecamere, di cui tutti erano a conoscenza, in uno dei posti che ha gestito c'era chi rubava dagli incassi lo stesso...pensando che nessuno si prendesse la briga di visionare ore e ore di video. E invece... Alla fine forse poi limitano solo la libertà degli onesti e i disonesti continuano a fare i loro porci comodi sperando di non essere beccati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita.
      Non avevo mai considerato questa eventualità.
      Spero però che chi visionava quei filmati l'abbia fatta pagare ai furbetti, altro che!

      Elimina
  15. Favorevole con riserva - per beccare una ladra di noccioline! :D

    Seriamente: posso accettare che vengano messe telecamere in caso di forti sospetti e per un tempo limitato (oppure anche per sempre, come negli aeroporti, dove gli sgraffigna sono una piaga lungi dall'essere debellata), ma non in via definitiva dove non ce n'è bisogno: per quanto una persona onesta non abbia niente da nascondere, quegli arnesi genererebbero comunque ansia e patemi d'animo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ladra di noccioline è bellissimo.
      Dovrebbero scritturarmi per un film. 😂😂😉

      Elimina
  16. In linea di massima sono d'accordo,però dovrebbero essere segnalate ed in bella vista. Non sono arrivato subito a questa "accettazione" però ho lavorato per più di quindici anni in una fabbrica dove non esisteva per niente la meritocrazia: c'erano tantissimi operai che lavoravano senza sosta ma a cui non veniva riconosciuto alcun merito così come ce n'erano altri che invece si imboscavano in continuazione ma ai quali non veniva detto niente perché raccomandati o protetti da qualche "capetto". Non ti dico poi i vari responsabili, molti di questi non erano in grado di compiere nemmeno il loro lavoro però erano abituati a dare agli operai le colpe dei loro sbagli. Se magari ci fossero state le telecamere forse e dico forse qualche verità in più sarebbe venuta fuori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh dai, mettendole in bella vista, se uno deve rubare non lo fa a favor di camera, no?
      Quanto al tuo caso specifico, non credo che l'installazione delle telecamere avrebbe risolto nulla.
      Mi vien da pensare che chi di dovere conoscesse bene le dinamiche della fabbrica, ma per coprire i figli di... chiudeva un occhio.

      Elimina
  17. Dai, c'è differenza fra il rubare dalle celle frigorifere e prendere una manciata di arachidi... oltretutto il video sarebbe potuto essere a tuo favore visto che mostrava che non avevi pause e quindi eri ampiamente giustificata.

    Io sono favorevole perché se il datore di lavoro e il dipendente agiscono in modo corretto non hanno nulla da temere e in certi casi diventa una tutela per entrambi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti ho sempre pensato che loro riempissero il contenitore degli arachidi apposta per me. Perché in fondo non avevano la faccia di ammettere che ci trattavano "come schiavi".

      Elimina
  18. Non sono favorevole per tanti motivi, comunque tramite accordi sindacali in Italia si possono installare.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà se hai avuto esperienze negative in merito.
      Buona serata.

      Elimina
  19. Sono d'accordo per le telecamere. Per controllare il lavoro di certi Enti Pubblici poi, sono d'accordissima. Se tu fai bene il tuo lavoro non devi temerle, anche perchè dopo un po' che ci sono, non ci fai nemmeno più caso.
    Ogni lavoratore però non deve essere considerato uno schiavo.
    Ciao Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La dignità e il rispetto devono essere alla base di tutto, anche nei contesti lavorativi.
      Buongiorno.

      Elimina
  20. Favorevole, perché sul posto di lavoro bisogna lavorare...e a qualcuno non gli va, e così non avrebbero scuse..quindi sì.

    RispondiElimina
  21. Ciao Claudia!
    Diciamo che in linea di massima non mi darebbero fastidio, anche se mi sentirei in una realtà tipo 1984 di Orwell...
    Poi va a finire che toccherà metterle anche al cesso per controllare quante volte un dipendente va al bagno per fare i suoi bisogni e se invece che fare i bisogni sta allo smartphone o a magnarsi un panino per non farsi vedere! 😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O magari per controllare la consistenza delle feci e verificare lo stato di salute dei dipendenti... 😂😂

      Elimina
    2. Siii ahaha! Capo premuroso.... E poi je controllo pure ll'acqua e ll'ojo, t'apposto signò? 😄

      Elimina