mercoledì 22 luglio 2020

Coppia gay allontanata dallo stabilimento balneare per un bacio

Esiste una differenza tra le effusioni in luogo pubblico da parte di una coppia eterosessuale, oppure di due giovani amanti dello stesso sesso?
La risposta è no, o almeno così dovrebbe essere.
Eppure, ancora oggi, c'è chi in spiaggia si scandalizza per un bacio tra due omosessuali e chiede ai gestori del lido di allontanare la coppia.
E' accaduto sabato scorso a Fregene.
A denunciare la vicenda è stato Fabrizio Marrazzo (portavoce Gay Center e responsabile Gay Help Line).
I due ventenni protagonisti della vicenda, infatti, hanno contattato il numero verde dedicato per chiedere un supporto.

I fatti.
Stando a quanto raccontato dalla coppia, Stefano e Marco (nomi di fantasia, ndr), si sarebbero scattati un selfie mentre si baciavano, quando sarebbero stati invitati a moderarsi da un passante, che li avrebbe minacciati di richiedere l'intervento del gestore del lido della Marina Militare.
Secondo alcuni testimoni, invece, i due sarebbero andati ben oltre il classico bacio alla francese, sfiorando il reato di atti osceni in luogo pubblico.

Ovviamente, in assenza di prove, ciascuno può raccontare quello che vuole, per perorare l'una o l'altra causa, allontanandosi dalla verità o meno.
A prendere le parti della coppia, invece, è stato il sindaco di Fiumicino Esterino Montino, il quale ha colto l'occasione per evidenziare la necessità di una legge che, in Italia, combatta l'omotransfobia e simili.

Il dubbio che mi pongo è, però, a prescindere dal fatto che questi ragazzi si siano dati solo un bacio o molti di più, sarebbero stati invitati a moderarsi qualora si fossero chiamati Stefano e Annamaria?
Solo a me capita continuamente di incontrare, in spiaggia e per strada, coppie che si lasciano andare a lunghe effusioni senza il minimo senso del pudore?
Mio figlio non mi ha mai fatto domande in merito, ma qualora lo facesse, a prescindere dal sesso degli attori, risponderei che si tratta di due persone che si amano.

Francamente, vedere due ragazzi dello stesso sesso, o un maschio e una femmina che si "slinguazzano" (e non solo) in pubblico, mi ha sempre infastidita, (così come non sopporto le donne che prendono il sole in topless), ma non mi sognerei mai di sgridarli.
Se la loro vista mi disturba, semplicemente mi volto dall'altro lato e smetto di osservare.

Il senso del pudore è per me fortissimo ed imprescindibile, tanto che più di uno, in passato, mi ha definita bigotta.
Eppure, ripeto, non faccio distinzioni di generi, età e quant'altro.
E' davvero così difficile tenere le effusioni per la sfera privata, anziché amarsi senza freni alla luce del sole?

39 commenti:

  1. Cara Claudia, un argomento molto ma molto delicato, difficile da commentare, io che sono uno diciamo di vecchio stampo, a me non piace.
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso 

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io sono "di vecchio stampo", pur essendo giovanissima, ma non sopporto i pregiudizi.

      Elimina
  2. Non credo proprio che i due abbiano sfiorato atti osceni... L'amore è qualcosa di universale, che prescinde dal genere, ogni sua manifestazione è legittima purché non urti il pubblico pudore...
    Si tende a vedere impura, sporca, malata, perversa l'attrazione omosessuale, quando in natura esistono svariate specie che pare la prediligano a quella etero, forse per una forma di ancestrale contraccezione, prevenendo la nascita di troppi esemplari che non avrebbero sufficiente cibo da spartirsi, forse perché l'unione eterosessuale è più dolorosa...
    Possibile che queste specie animali sbaglino tutte a piacersi tra individui dello stesso sesso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapevo che l'omosessualità esistesse anche negli animali, ma non potrei spiegarne la ragione.
      Nel caso che mi citi, però, mi pare si tratti più di bisessualità, in quanto gli animali non disdegnano gli esemplari dello stesso sesso per evitare di procreare, mentre invece si riproducono con le femmine.

      Elimina
    2. Esatto, ho scritto che prediligono, nel senso che si accoppiano in modo etero prr procreare ma abitualmente si uniscono con individui del loro stesso sesso. 👍
      Un esempio forse lontano dalla vicenda qui narrata, ma che credo gli tolga quel senso di anomalia visto da molti.

      Elimina
    3. Francamente non credo che gli omofobi si preoccupino di quello che accada in natura.
      Non riescono a guardare al di là del proprio naso, figuriamoci se gli interessano gli animali. 😔

      Elimina
    4. tendenzialmente è un raro difetto di fabbrica occasionale ma anche una risposta naturale (una delle tante) ad una eventuale sovrapopolazione di una specie, quando invece si manifesta più marcatamente.... come nel nostro specifico caso come specie.
      E' anche il motivo per il quale sento tendenzialmente come insignificante il dettaglio che una persona sia omosessuale o meno.

      Elimina
  3. Se era un bacio non mi avrebbe dato fastidio, se era qualcosa di più forse si, come mi avrebbe dato fastidio se l'avessero fatto un ragazzo e una ragazza. Non ho mai baciato mio marito in pubblico e una cosa che non mi piace fare.
    Buona giornata Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me succede, ma a stampo, come si fa con i bambini.
      Di sicuro non mi metto a "limonare". 🤣🤣
      Buona giornata anche a te.

      Elimina
  4. In un Paese normale, ovviamente, la questione si sarebbe dovuta limitare al se ci fosse o meno un problema di atti osceni in luogo pubblico. Ma visto che viviamo in un Paese in cui un leader politico molto seguito dal popolo arriva a proporre leggi contro l'eterofobia (ci rendiamo conto?! Siamo alla follia più totale), non mi sorprenderebbe affatto, com'è già capitato, anche con reazione decisamente più violente, che i due siano stati invitati a smettere anche dopo essersi soltanto baciati a stampo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con te.
      La cronaca ci insegna che troppo spesso basta anche tenersi per mano per scatenare la violenza degli omofobi.

      Elimina
  5. Ciao Claudia, allora siamo in due ad essere "bigotte". Io sinceramente non mi ci sento, anzi penso di essere di ampie vedute, infatti non credo che il problema sia se sono due ragazzi o ragazzo e ragazza a baciarsi!
    Sono molto riservata e non esterno con facilità i miei sentimenti perciò penso che avrebbero dovuto tener conto che si trovavano in luogo pubblico.
    Poi non credo che avrei detto loro qualcosa, probabilmente mi sarei girata e andata via, ma non perchè offesa dal loro comportamento ma per non pudore.
    A presto
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volevo dire .....per pudore. Quel "non" mi è sfuggito

      Elimina
    2. Benvenuta Sara.
      Io sono molto espansiva, invece, ma pudica.
      E no, non mi sento bigotta, infatti sorrido quando mi qualificano in questo modo.
      Sempre meglio bigotta che maleducata... 😉

      Elimina
  6. Non mi da fastidio basta non si superi il limite del decente , vale per entrambi i sessi omo ed etero.
    Ciao

    RispondiElimina
  7. Ammetto che in generale sia un po' infastidito dalle effusioni, omosessuali od eterosessuali che siano. Però è una mia sensazione. E quando leggo queste bellissime parole di Gas - L'amore è qualcosa di universale, che prescinde dal genere, ogni sua manifestazione è legittima purché non urti il pubblico pudore... - capisco di essere nel torto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sei nel torto.
      Il confine è proprio urtare il pudore altrui.
      Se tu, come me, sei molto pudico, non devi sentirti a disagio a causa d'altri.

      Elimina
  8. un paese che si indigna per dei baci non ha futuro, ma già si sapeva.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente bisognerebbe indignarsi per gli schiaffi.

      Elimina
  9. Se c'era un oltre, cosa che non si evince, d'accordo anche io nella reprimenda.
    Altrimenti nessun problema, poi qui a Roma, ormai, abituati a tutto.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è che quell'oltre può affermarlo e smentirlo chiunque, ma le chiacchiere, come si dice, le porta via il vento.

      Elimina
  10. Anche per me è giusto non esagerare con le effusioni in pubblico, e lo dico proprio perchè io non riuscirei mai a farlo. Un conto è un bacio, anche appassionato - basta che non duri un quarto d'ora XD - ma per il resto ho sempre pensato che certe cose sia meglio tenerle per la propria intimità. Per me è una questione di buon gusto ed educazione, più che di morale. Certamente è triste che le coppie omosessuali non possano baciarsi liberamente in pubblico senza scatenare di queste reazioni; quanta strada che dobbiamo ancora fare in questo paese!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una strada lunghissima e, purtroppo, molto tortuosa.

      Elimina
  11. C'è tanta omofobia, per cui un bacio tra un uomo e una donna non dà fastidio quasi a nessuno, un bacio tra due uomini dà fastidio ad un sacco di gente. Un bacio tra due donne di solito incuriosisce.
    Parlo con molte persone ogni giorno, alcune di queste persone sono anch'esse fortemente omofobe. A volte devo trattenermi per non urlare. Non sopporto questo modo di ragionare, mi dà proprio sui nervi.
    Buona giornata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che prima o poi qualcuna di loro venga a chiederti di allontanare dal tuo negozio due omosessuali che si stanno accarezzando o tenendo per mano.
      In quel caso sì che sarai autorizzata a dirgliene quattro.

      Elimina
    2. Nel mio negozio entrano molte coppie gay. Saranno sempre i benvenuti, come tutti gli altri.
      Se a qualcuno non sta bene può andare altrove.

      Elimina
  12. E' davvero così difficile tenere le effusioni per la sfera privata, anziché amarsi senza freni alla luce del sole?

    Ecco, è la mia stessa domanda. A me sinceramente danno fastidio le effusioni in pubblico (e mi riferisco a quelle tanto intense e soprattutto talmente durature, da farti sospettare che stiano eseguendo un esame delle tonsille). Io sono discreto per natura e non mi piace dare spettacolo o fare in pubblico ciò che io ritengo un momento molto personale e profondo fra me ed un'altra persona, ma a parte questo la ritengo una questione di decenza e buona educazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi sei bigotto come me e Sara. Ahah
      Scherzo, ovviamente.
      La discrezione è molto importante in questo genere di cose. Non vedo perché si debba essere così disinibiti, in presenza di bambini o meno.

      Elimina
    2. Si infatti, come dicevo sono cose intime fra due persone: non dovrebbero riguardare nessun altro, quindi perchè farlo davanti a tutti? A quel punto diventano affari di tutti no? XD

      Elimina
    3. Credo sia una forma di narcisismo misto ad esibizionismo.

      Elimina
  13. Io penso che in privato ogni uno può fare ciò che vuole ,in pubblico no .
    Trovo che sia una mancanza di rispetto per le persone presenti .
    Bigotta ? No , si tratta di educazione .
    Laura***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Educazione che troppo spesso scarseggia, a prescindere dal sesso e dell'età...

      Elimina
  14. Questo argomento è molto complicato.
    Diciamo che in linea generale le effusioni in pubblico, di qualsiasi genere siano, non mi piacciono molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credevo, sai, e invece in tanti la pensiamo così.
      Il senso del pudore non è poi così raro, allora.

      Elimina
  15. Non avere pudore significa, a mio avviso, togliere valore ai propri sentimenti, alle relazioni affettive e anche al proprio corpo. Se io non ho più una sfera privata (il mio corpo o la mia affettività) che mostro solamente a chi è importante affettivamente per me, il mio essere intimo, visibile a tutti, perde valore. Una volta d'estate mi passò vicino per strada una ragazza sguaiatamente quasi nuda, coi vestiti che non coprivano quasi nulla del suo corpo. Perchè mi fai vedere le tue parti intime, mi chiesi, perchè non le tieni per te come si conservano nascoste in uno scrigno le cose preziose? Visibili a tutti, non sono preziose, sono date in pasto a cani e porci...
    Quanto agli omosessuali io ho parecchi pazienti che lo sono e sono testimone della grandissima sofferenza che comporta per loro vivere in modo naturale. Non possono esporsi per il rischio di essere malgiudicati, è terribile. Pensiamo se il mondo fosse a maggioranza omosessuale e noi eterosessuali fossimo additati al pubblico ludibrio. Come sarebbe la nostra vita? Chi ha tendenze omosessuali ama come tutti, cambia solo il sesso della persona amata. Poi ci sono le esagerazioni, gli omosessuali vistosi e irrispettosi, ma quelli ci sono anche negli eterosessuali. La maggior parte degli omosessuali non è così. Sta nascosta, si vergogna e comunque è una persona normale a tutti gli effetti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avevo mai pensato alla possibilità di vivere in un mondo prevalentemente omosessuale, e di essere additata e giudicata per la sola colpa di essere etero.
      Quanto alle donne poco vestite, invece, purtroppo se ne vedono ogni giorno e sì, sicuramente non hanno un'ottima considerazione di se stesse e del proprio corpo.

      Elimina
  16. Sempre infastidito anche me, ma la reazione la stessa tua, però penso che in pubblico si potrebbe farne a meno..

    RispondiElimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.