sabato 18 luglio 2020

Jukebox: 'Il peso del coraggio' di Fiorella Mannoia

Buon sabato amici.
Rieccomi qui con una puntata del jukebox di Chi scrive non muore mai.
Questa settimana tocca alla mia amica Irene del blog "Dadirri". A lei devo un ringraziamento speciale, poiché per la prima volta nella storia di questa rubrica, ha dedicato a me la canzone che ha scelto, ovvero "Il peso del coraggio" di Fiorella Mannoia.
Per spiegarvene il motivo, preferisco citare testualmente il suo pensiero.
"Oggi ti lascio una mia richiesta, Claudia. "Il peso del coraggio" della Mannoia. Ed ho una dedica speciale. Dedico questa canzone a Te. Che sei una ragazza speciale, trasparente e diretta, con i suoi dolori nel cassetto ma che non perde mai l'occasione per un sorriso. Perché magari, in prima battuta, la tua schiettezza può anche lasciare disorientati, ma a conoscerti meglio non si può fare a meno di volerti bene. ❤️".

Inutile dirvi che le parole di Irene mi hanno molto emozionata e, al tempo stesso, lusingata.
Solo dopo aver ascoltato questa meravigliosa canzone, però, ho potuto dargli un significato ancora più intenso.

"Il peso del coraggio" è un singolo scritto da Marialuisa De Prisco ed Amara (Erika Mineo), interpretato da Fiorella Mannoia e pubblicato il primo febbraio 2019.
Una canzone che analizza quei valori ormai fin troppo superati, a causa dell'egoismo e della superficialità dilaganti. L'abitudine di non prendersi più nemmeno la responsabilità delle proprie azioni...
"Si fa finta di niente
Lo facciamo da sempre
Ci si dimentica
Che ognuno ha la sua parte in questa grande scena
Ognuno i suoi diritti
Ognuno la sua schiena
Per sopportare il peso di ogni scelta
Il peso di ogni passo
Il peso del coraggio".

La parte che più mi rappresenta, però, riguarda la presa di coscienza, con non poca rassegnazione, del fatto che persino le relazioni più solide (d'amore e d'amicizia) tendano inevitabilmente a finire, e dunque ciascuno di noi possa fare affidamento esclusivamente su se stesso.
Attenzione a non confondere, però, questa mia affermazione con l'egocentrismo da cui tanti sono affetti. Al contrario, la capacità di non appoggiarsi a nessuno, pur provando sentimenti forti e sinceri verso chi ci circonda, ci aiuta a non perdere mai l'equilibrio, nel caso in cui questi rapporti dovessero finire.

"E ho capito che non sempre il tempo cura le ferite
Che sono sempre meno le persone amiche
Che non esiste resa senza pentimento
Che quello che mi aspetto è solo quello che pretendo
Ed ho imparato ad accettare che gli affetti tradiscono
Che gli amori anche i più grandi poi finiscono".

La canzone si chiude, poi, con un monito, misto a messaggio di speranza, in cui viene spiegato che ciascuno di noi ha sempre la possibilità di cambiare la propria vita, migliorandola, anziché crogiolarsi in un presente scarno di soddisfazioni.

"Siamo il silenzio che resta dopo le parole
Siamo la voce che può arrivare dove vuole
Siamo il confine della nostra libertà
Siamo noi l’umanità
Siamo in diritto di cambiare tutto
E di ricominciare, ricominciare".

E Dio solo sa quante volte ho ricominciato tutto da capo in questa vita, e quante ancora lo farò, pur non perdendo mai la voglia di amare e di condividere il mio cammino con quei pochi le meritano davvero.

Insomma, ringrazio ancora Irene per la sua dedica e per avermi permesso di leggere questa poesia, che avevo apprezzato ascoltandola in radio, ma sul cui testo non mi ero mai soffermata prima d'ora.
La verità è che le stesse parole calzano a pennello anche su di lei, perché abbiamo un sacco di cose in comune, e forse è proprio per questo che ci vogliamo bene.

Ricordatevi che attendo la vostra richiesta per il mio jukebox.
Vi basterà chiudere gli occhi e ascoltare la prima canzone che vi risuona nella testa, magari spiegandomi cosa significhi per voi.
Io farò tutto il resto.
Buona serata. 💋

24 commenti:

  1. Bellissima canzone,ciao Claudia!

    RispondiElimina
  2. Sottoscrivo e ribadisco le parole che ti ho già dedicato 😊Solo chi ti conosce veramente sa quanto tu sia autentica in ogni sfumatura.
    È inutile sottolineare che adoro la canzone 😍 Spero sia il nostro porta fortuna in questo periodo. Un bacio immenso ❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo sì.
      Anche se nel tuo caso la fortuna ti serve pochissimo, ma l'amore può fare la differenza. ❤

      Elimina
  3. Per me una delle canzoni più belle passate su questo blog.
    L'avevo sentita in radio ma soltanto gli ultimi 20 o 30 secondi, ho finalmente rimediato.
    Faccio mio dove dice che non sempre il tempo cura le ferite... Dipende dalle ferite. 😢

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quel che mi riguarda, temo che tutte le ferite siano inguaribili, tranne quelle lasciate dagli amori perduti, perché capita a tutti di innamorarsi ancora e dimenticare.

      Elimina
    2. Questione rilevante. Un amore finito effettivamente può essere sempre "rimpiazzato" da un nuovo amore. La ferita brucia quando si è nella fase di transizione.
      Ma ammetto che Gas non ha tutti i torti.
      Se io amo follemente una persona e questa mi lascia, io potrei rimanere innamorato di questa persona. Solo di lei. E rimanere solo, con una ferita che non si chiuderà mai.

      Elimina
  4. Grazie per questa splendida canzone.

    RispondiElimina
  5. Che si può dire su quelle parole e sulla canzone in generale? Bellissima e sono contenta che tu l'abbia proposta in questo post. Conosco e ammiro anche Irene come blogger e trovo molto interessante anche la sua pagina che visito spesso. Ad entrambe un saluto e un sorriso di cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vivì.
      Un bacione a te.
      Attendo la tua richiesta per questa rubrica. 😘

      Elimina
  6. Cara Claudia, vedo che una dopo l'altra li porti tutti!!!
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho capito a cosa ti riferisci, ma buona serata anche a te.

      Elimina
  7. Non ricordo di averla sentita . Il testo è bello e molto significativo .
    Brava Irene , complimenti per la scelta .
    Un bacione ad ambedue . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari non ci avevi mai fatto caso ascoltandola, mentre adesso la riconoscerai.
      Bacione one one a te.

      Elimina
  8. Ciao Claudia, ho letto le tue peripezie.... Adoro Fiorella Mannoia, ma questa canzone non la ricordo, sempre emozionanti le parole e la sua bella voce.
    Buona serata.♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo qui le "peripezie" non mancano mai... 😣
      Strano che non la ricordi. Ha avuto molto successo.
      Un bacio.

      Elimina
  9. Allora bellissimo testo, ma devo contraddire sia tu che Irene: il testo non si cuce affatto addosso a Claudia :D. E' una canzone in cui l'io non esiste, ma solo il "noi", il noi di umanità che si è persa e si dovrebbe ritrovare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho interpretata diversamente, allora.
      Sarà che come al solito sono troppo romantica? 😜

      Elimina
  10. Una dedica bellissima, te la meriti ;)

    RispondiElimina
  11. Poche cantanti non riesco a reggere quanto la Mannoia.
    Mi spiace, non riesco proprio.
    Il suo stile tradizionalissimo, sempre simile a se stesso, mi annoia terribilmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita!
      Quindi non riesci ad apprezzarne nessuna canzone, nemmeno se il testo è fantastico?
      Mi ricordi la mia avversione per Piero Pelù o Luca Carboni. 🤣🤣

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.