lunedì 20 maggio 2019

Quella volta che ho assistito ad una corrida

Giorni fa leggevo una vicenda che ha fatto inorridire il web e non solo.
Morante de la Puebla, 39enne torero all’arena della Real Maestranza di Siviglia, ha asciugato le lacrime di sangue al toro ridotto ormai in fin di vita, e l'ha poi finito.
Il video e le foto del gesto sono subito diventate virali, ma mi rifiuto di pubblicarle, poiché per me sono solo un inno alla violenza.
Eppure, tanti anni fa, a "La Monumental" di Barcellona c'ero anch'io, e pagai il biglietto per assistere a quello che sarebbe stato uno degli spettacoli più macabri che avrei mai visto nella vita.

Era il 2007. Io e il mio fidanzato dell'epoca, come ogni estate, ci concedevamo una settimana di vacanza all'estero.
La meta di quell'anno fu, appunto, una delle più belle città spagnole.
Il caso volle che, proprio in quei giorni, a Barcellona non si parlasse d'altro che della corrida.
Sarà stata l'incoscienza dei nostri vent'anni, o il fatto che non sapessimo esattamente a cos'andavamo incontro, ma acquistammo i biglietti e dopo un bel tragitto in metro, ci ritrovammo all'ingresso di questa arena degli orrori.

Apparentemente era tutto "normale".
Bella musica, suono di trombe, voce maschile coinvolgente al microfono. Non vorrei dire un'eresia, perché sapete che sono smemorata, ma mi pare che ci fossero addirittura i popcorn come al cinema.
Sono passati dodici anni, mi perdonerete se sbaglio...

Comunque, la gente applaudiva e gioiva ogni volta che il torero infilzava il toro con le sue banderillas. Noi, invece, distoglievamo lo sguardo, proprio come si fa durante i film horror.
Alla fine della fiera morirono tre tori, ciascuno per mano di un matador vestito a festa, sotto gli occhi divertiti di un pubblico in delirio.
Eppure, c'è una parte di quella mattanza che ricordo anch'io con positività.
Ad un certo punto, infatti, il toro incornò un torero, ed io facevo il tifo per lui.
Peccato che, però, questo si rialzò prima di subito, aiutato dai colleghi.
Chissà se il pubblico avrebbe applaudito davvero, qualora il matador fosse rimasto ferito. In fondo, perché provare pena per un uomo che, per mestiere, umilia e uccide tori su pubblica piazza, e non per questi ultimi?

Non so se mai la Spagna intera dirà addio alla corrida, ma trovo certe scene fortemente anacronistiche, oltre che lesive della dignità degli animali e del buon gusto.
La foto che ho scelto per questo post è un mio scatto dell'epoca, che conservo come monito, per non cadere mai più in un errore tanto grossolano.
Con la mia fotocamera da soli 5 megapixel, feci anche un video del mio momento preferito, che sono riuscita a riguardare grazie all'aiuto di Riccardo che l'ha decodificato, trasformandolo in file mp4, in modo che possa essere visibile da qualsiasi pc.
Per tutti questi anni l'avevo custodito in una cartella del mio computer, pur non potendolo guardare, forse perché sapevo che, prima o poi, mi sarebbe tornato utile.
Per ricordarmi che, come canta Mengoni, "Credo negli esseri umani che hanno coraggio di essere umani".

49 commenti:

  1. La corrida andrebbe bandita per sempre è uno spettacolo macabro ed indecente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto.
      Ma purtroppo pare che questo non accadrà mai. "Tradizione storico-culturale" la chiamano.
      Per me é pura barbarie.

      Elimina
  2. La Corrida è solo quella di Corrado...
    Appoggio questa battaglia degli animalisti: le corride devono essere abolite!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente dal titolo può sembrare che io abbia partecipato ad una puntata del programma, ma magari fosse stato così.. Almeno mi sarei divertita invece di rovinarmi la giornata.

      Elimina
  3. A mio parere è la cosa più disgustosa che l'uomo possa fare.. pagare per andare a gioire per le torture lente e massacranti inflitte a una povera bestia.
    Gli uomini sono sempre state creature sadiche e disgustose, fingono di evolversi ma non è così, fanno schifo sempre (non tutti ovviamente, ma moltissimi di loro)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione.
      Ma mi credi che all'epoca ero convinta che la corrida fosse solo uno spettacolo costruito ad arte (tipo il wrestling) e nessun toro moriva davvero?
      Altrimenti non ci sarei mai entrata, ben sapendo quanto sono sensibile.
      Non avevo letto nulla in merito, né visto video.
      Ero incosciente, lo so.
      Ma almeno imparai la lezione.

      Elimina
  4. Ora allargò il discorso in un contesto politico... Ma mi scappa proprio questo moto di patriottismo. Rompono tanto le balle a noi italiani e ci trattano come un popolo troglodita... E non viene commentato niente di tutto ciò! E non chiamiamole tradizioni perché anche dalle tradizioni che si mantengono nel corso dei secoli si capiscono tante cose!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche la pena di morte è "una tradizione" per alcuni Paesi, eppure le lotte per eliminarla non mancano mai.
      Non vedo perché dovremmo tutti tacere di fronte a questo scempio.

      Elimina
  5. Che spettacolo folcloristico che vorrei che non fosse mai bandito come tanti vorrebbero ma anzi ritornasse agli antichi fasti con i corteggi. Ricordo le corse fatte rincorso dai tori lasciati liberi per le strade. Grazie del ricordare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo io preferirei che lo abolissero.
      Più che uno spettacolo mi sembra una tragedia.

      Elimina
  6. Guarda, la Corrida non andrei a vederla manco morta (e anche mia madre dev'essere stata fregata, quando è andata in vancanza in Spagna)ma potrebbero trasformarle in torade, alla portoghese, in cui il toro non viene ferito nè ucciso, e per tutto il resto dell'anno le bestie pascolano felici . Insomma, una versione più umana (e si salverebbe l'aspetto tradizione, se proprio ci tengono).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente così come la descrivi era proprio quel che immaginavo con i miei occhi di ragazza.
      E ricordiamo che in quei tempi i social network non esistevano, ed internet era ancora un privilegio raro.
      Quindi i giovani non era così smaliziati o tuttologi come possono essere adesso..

      Elimina
  7. Parecchi anni fa ,anch'io ho visto una corrida a Barcellona .
    All'inizio tra musica , suoni , grida gioiose , era una festa
    coloratissima che mi entusiasmava . Poi , vedevo questo povero toro
    braccato dal toreador e il mio entusiasmo è venuto meno .
    Povera bestia , soffrire così per divertire la gente ?
    Mai più corrida per me e sì , dovrebbero abolirla ma non lo faranno
    mai . Tutto gira intorno al dio denaro .
    Qui piove a dirotto . Spero da te ci sia il sole .
    Buona giornata . Bacione one one . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai avuto la mia stessa impressione, allora.
      L'aria di festa dell'inizio è davvero fuorviante.
      Mai più anche per me. Decisamente!
      Qui sembra possa piovere, ma al momento è sereno.
      Bacione one one a te e Nora.

      Elimina
  8. Ciao! Mi unisco al coro di quelli a cui la corrida non piace… e personalmente abolirei anche la corsa dei tori a Pamplona. Una follia pericolosissima sia per gli umani che per gli animali!

    RispondiElimina
  9. Uno spettacolo antico, simbolico.
    Non saprei nemmeno cosa dire a riguardo.
    Io godo quando il toro fa (molto) male al torero. Almeno la morte dell'animale ha un senso... ;)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei consapevole del fatto che il nostro amico hater userà questo commento contro di te?
      Aspetta, però. Devo stare attenta a non utilizzare espressioni gergali nella risposta, altrimenti mi accuserà non solo di dar spazio alle tue manifestazioni di violenza, ma anche - come al solito - di violentare la lingua italiana....

      Elimina
    2. Ahaha, tanto l'hater estrapola le cose che vuole... facciamolo divertire.
      Comunque, chissà se al posto del toro, a morire, fossero altri animali... cavalli, tipo. Cosa direbbe la gente?
      Cicciolina sicuro sarebbe triste.

      Moz-

      Elimina
    3. Ma come?? Lei non preferiva i serpenti?
      I cavalli, invece, mi risulta vadano molto di moda tra le clone.
      O sbaglio?

      Elimina
    4. Toro e umano dovrebbero confrontarsi ad armi pari, cioè con le sole risorse messe loro a disposizione dalla natura: in quel caso accetterei la definizione di "spettacolo"... Invece così è una sadica esecuzione e basta. Il toro inoltre non è esattamente "lucido" quando entra nell'arena...

      Elimina
  10. E' uno strazio, non capisco come una paese civile possa ancora perpetrare questo scempio.
    Meno ancora capisco le persone che vanno in delirio quando osservano la morte così da vicino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto hai ragione.
      Io, in quei momenti, avrei solo voluto piangere, mentre tutti intorno a me esultavano divertiti.
      Scempio è la parola esatta.

      Elimina
  11. Una delle espressioni della perversione umana. Come quello che fanno a Pamplona il giorno di San Firmino...
    Ma lo schifo non c'è soltanto in Spagna: in Cina il festival della carne di cane, in Australia l'abbattimento programmato dei canguri perché scavalcano i recinti, in Italia la mattanza dei tonni, in varie parti del mondo i combattimenti tra cani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutte pagine molto tristi.
      Alcune, ti confesso, non le conosco, e ho quasi timore a documentarmi..

      Elimina
    2. Argomenti trattati nel mio blog, quanto meno lo yulin festival cinese e l'abbattimento dei canguri.

      Elimina
    3. Spero che mi ricorderò di cercarli appena avrò un minuto.
      Se mi lasci i link, mi fai un gran favore.

      Elimina
  12. Ecco questa è una di quelle usanze che conosco poco e che sarei curioso di studiare. Visto che è così tanto sentita dagli spagnoli, bisognerebbe capire da dove arrivano i tori, come vengono trattati, che fine fanno quando vengono uccisi, quanto e se soffrono ecc ecc, forse è un retaggio di un rito particolare che veniva fatto anticamente!
    Sarebbe anche utile parlare con chi assiste, saprebbe dare altre informazioni :D
    Comunque resta il ribrezzo per quando il toro viene ucciso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assiste in che senso?
      Io son stata spettatrice.
      Cos'altro potrei aggiungere?

      Elimina
  13. L’unica corrida che ho visto è quella mostrata nel video di Take a Bow di Madonna.
    Ma la le inquadrature indugiavano più sul torero che sull’animale 😀
    Al di là della tradizione e della sensualità che viene attribuita a questa usanza io sono nettamente contrario alla corrida e a tutte le crudeltà verso gli animali.
    Ma penso pure ai combattimenti illegali dei cani o dei galli.
    Su certi paesi asiatici credo ci siano ancora combattimenti tra cobra e mangusta e relative scommesse.

    Su certi film Mondo ambientati su terre esotiche nei primi anni 80 si giravano pure le violenze vere sugli animali...oserei dire pratica ripugnante e per fortuna ( spero) ormai abbandonata.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensavo che l'unica corrida che avessi visto fosse quella su Raiuno..
      Almeno lì c'è da ridere e non da piangere.

      Elimina
  14. Io sono contraria a qualsiasi violenza sugli animali.
    Da quando sono adulta mai più andata agli zoo (in realtà già da bambina non li amavo) e mai stata in vita mia al circo (a parte forse una volta alle elementari, non volevo e mi hanno costretta ahah): odio profondamente vedere gli animali in gabbia, non è quello il loro posto. Non mi piacciono neanche gli spettacoli con delfini, orche, ecc per lo stesso motivo. Mi affascinano solo gli acquari, anche se temo che idealmente anche i pesci soffrano in un ambiente piccolo, soprattutto squali e simili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io allo zoo ci vado volentieri.
      Hai mai sentito nominare lo Zoosafari di Fasano?
      Gli animali sono "liberi". Nessuna gabbia. E sembrano davvero felici. O almeno voglio credere che lo siano.

      Elimina
    2. Si, ci sono state mamma e una delle mie sorelle :D ah, pure un'altra delle mie sorelle col cognato se non sbaglio :D
      Però no, ti dico la verità, non mi piace nemmeno quello, anche se è sicuramente più accettabile di una gabbia.
      Comunque per commentare la parte del tuo video, il mio YouTube è pieno di ricerche tipo "leone che attacca addestratore". Lo so, sono una brutta persona ma che cacchio, se le cercano eh XD

      Elimina
    3. Non sei una brutta persona.
      E il mio video ti piace, quindi..
      Mi fa piacere. 😘

      Elimina
  15. Ha asciugato le lacrime del toro morente? Che cuore generoso! Quasi quasi ammorbidisco il mio giudizio su questo popolo di barbari...

    RispondiElimina
  16. Post da leggere rigorosamente ascoltando Aca Toro dei Punkreas.

    RispondiElimina
  17. Anacronistico è il termine perfetto per una roba simile. Spero la smettano definitivamente! Dal vivo non lo vedrei mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora capisco il tuo commento sul tuo blog. Come al solito non ricevo le tue notifiche e mi perdo i tuoi interventi.
      Ma sì. Anacronistico qui ci sta.
      Con gli Youtuber mica tanto.... 😜

      Elimina
  18. Che poi io non capisco il senso, o almeno non più, sono lontani i tempi in cui questa pratica era assoggettabile ad un qualcosa di "sacro", ora è solo spettacolo, spettacolo che dovrebbe finire. Per una volta d'accordo con gli animalisti.

    RispondiElimina
  19. Ah! La tauromachia...
    Sdrammatizzo questa pratica che è ora che basta, dai.
    Considera che odio pure tutto quello spreco di buone arance del Carnevale di Ivrea...pensa allora cosa posso pensare di corride, tori di Pamplona e affini!! 😑😑😑
    Pure quando trasmettono in TV il Palio di Siena sto col fiato sospeso sperando che in quei tre giri nessun cavallo si azzoppi...anche perché se succede si sa che fine fanno poverini!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non conosco il carnevale di Ivrea, ma vado subito a documentarmi.

      Elimina
    2. Trovi sicuro qualche filmato in giro... Lo fanno vedere spesso al TG...ci sono sti invasati sui carri che si tirano le arance "a fasse male" proprio! Ma tonnellate!

      Elimina