giovedì 11 ottobre 2018

Chirurgo opera peluche per tranquillizzare piccolo paziente

L'umanità prima di ogni altra cosa.
Della laurea, dell'essere o meno genitore, della professionalità.
Quando un bambino, in sala operatoria, ti chiede di operare prima il suo orsetto di peluche, se anche tu fossi il chirurgo più rinomato al mondo, non puoi dirgli di no.
E' quello che è accaduto al neurochirurgo Daniel McNeely, dell'IWK Health Centre di Halifax, in Canada.

Il medico ha deciso di pubblicare questa fotografia su Twitter, associata al messaggio "Patient asks if I can also fix teddy bear just before being put off to sleep... how could I say no?" (Il paziente mi chiede se posso anche aggiustare l'orsacchiotto prima di addormentarlo... come potrei dire di no?).

L'insolita richiesta gli giunge da un bambino di otto anni che sta per essere operato al cervello.
Così, il piccolo Jackson McKie e il suo Little Baby sono stati operati insieme e sono, ora, in fase di recupero.
L'orsetto presentava un grave strappo sotto l'ascella, per cui sono serviti diversi punti di sutura.

La storia, diffusa dalla Cbc, ha presto fatto il giro degli Stati Uniti, e non solo.
Eppure, il chirurgo pensava soltanto di regalare un sorriso a qualcuno. Invece, ha lanciato un immenso messaggio di umanità, che mi ha toccata nel profondo.

Onore a lui, e a tutti coloro che mettono il cuore nella loro professione, anteponendo il bene degli altri (a maggior ragione dei bambini) ai propri interessi, o persino al protocollo.
Grazie dottore!

26 commenti:

  1. Risposte
    1. Davvero. Mi sono quasi commossa quando l'ho letta.
      Questi sono i medici degni di essere definiti tali.

      Elimina
  2. Esistono Uomini migliori. Grazie per la notizia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Migliori di lui, intendi?
      Non ho ben capito.
      Per me quest'uomo è già ad un livello altissimo.
      E merita una standing ovation. 😗

      Elimina
    2. Intendevo come lui. Io li chiamo Uomini migliori per distinguerli dagli omuncoli che vagano.

      Elimina
    3. Ah ecco. Scusami..
      L'avevo interpretato come un comparativo.. 😅😘

      Elimina
  3. In bocca al lupo al piccolo Jackson.

    Bravissimo il chirurgo, cosa si può dire di più? Che questo post dovrebbe rimanere in evidenza per una settimana almeno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E invece scommettiamo che non supererà le cento visualizzazioni?
      Perché, purtroppo, il bene non fa audience.
      Meglio le liti e gli insulti.. 😓

      Elimina
  4. Bella storia c'è ne fossero tante così

    RispondiElimina
  5. Queste sono le cose che ridanno fiducia nell'umanità!
    Spero l'operazione del bimbo sia andata altrettanto bene :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì sì.
      È andata bene e si sta riprendendo.
      Guariranno insieme.. ❤

      Elimina
  6. Una storia bellissima, quando il lavoro si fa umano.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confessa, persino il tuo cuore di bullo ed hater si è intenerito.. 😉❤

      Elimina
  7. Un piccolo gesto che scalda il cuore. Il sorriso è fondamentale. Ne sanno qualcosa i tantissimi medici che, in tutto il mondo, sono impegnati nella clownterapia. L’umanità e la sensibilità fanno ancora miracoli e notizie come questa, dovremmo leggerne ogni giorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono notizie che danno speranza, a maggior ragione per la spontaneità del caso.
      Di sicuro Jackson si sarà sentito più al sicuro, sapendo di condividere la sala operatoria col suo amichetto.

      Elimina
  8. Una storia che dona speranza.
    Sereno giorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E ce ne vuole.
      Proprio tanta..
      Buona giornata a te.

      Elimina
  9. Nessuno però ha detto che l'orsacchiotto poi è morto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahha
      No, no.
      L'intervento è stato superato con successo. 😜

      Elimina
  10. Bellissima storia, magari ci fossero più persone come lui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Voglio credere che esistano.. ma che non sappiano usare Twitter.. 😉

      Elimina
  11. Ai bambini dopotutto non si può dir di no :)

    RispondiElimina
  12. Un gesto di romantica umanità, semplice ma profondo.

    RispondiElimina