martedì 9 ottobre 2018

Perché Google+ chiude. Privacy o flop di utenti?

Stamattina, grazie al blog di Vincenzo, ho appreso che, fra pochi mesi, Google chiuderà il social g+, rendendolo fruibile solo alle aziende.
A quanto pare, la decisione è sorta in seguito ad un bug del software che avrebbe messo a rischio i dati sensibili di oltre 500mila utenti.
Eppure, i pettegolezzi del web sostengono altro.
Considerando, infatti, che già negli scorsi anni si era diffusa più volte la notizia della chiusura della piattaforma, per carenza di iscritti, pare che il colosso di Mountain View abbia deciso di cogliere la palla al balzo per poter mettere un punto alla vicenda, senza dover ammettere di aver fallito.
Fallito nell'idea di poter contrastare l'egemonia di social quali Facebook e Twitter.

Ma cosa non ha funzionato, esattamente, di G+?
Troppi profili falsi?
Troppe foto e video porno?
Troppo spam, di tutti i generi?

Devo dire che io lo utilizzo, da qualche mese, per promuovere gli articoli del blog, e non mi ci sono trovata male, sebbene abbia notato diverse anomalie. Ho persino conosciuto un'amica, grazie ad una community.
Voi, invece?
Che esperienza avete avuto in merito?
Sarà una chiusura degna di nota, o finirà presto nel dimenticatoio?

A me, però, un po' dispiace.

36 commenti:

  1. Per me possono chiuderlo, senza rimpianti :) Comunque da qui ad agosto 2019 passerà un bel po' di tempo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo proprio che ci sarà un dietrofront.
      Voglio pensare che sia solo una strategia per incrementare il numero degli utenti.

      Elimina
    2. Per me può chiudere Guool perché usati non sono protetti si bosessno. i dati la publicita e mettono cose spiciti e da schifo

      Elimina
    3. Non so quanto i nostri dati siano protetti su qualsiasi altro social network..

      Elimina
  2. Io userei l'occasione per rilanciare la piattaforma Blogger. Comunque anche Facebook, ha perso molti utenti.
    Ti auguro una buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma blogger mi sembra più di nicchia. Chi non ha un blog può solo leggere, senza condividere o pubblicare contenuti.
      Comunque vedremo.
      Baci. E grazie per la "soffiata". 😉

      Elimina
  3. Guarda, io l'ho usato sempre e solo per il blog, vivendolo poco e niente se non all'inizio. Giusto qualche chat.
    Ma già notai che fu depotenziato il binomio blog/g+, prima funzionava diversamente...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, invece, creai il blog partendo da g+. Finalmente oggi son riuscita a diventare un utente solo Blogger. Non mi ero mai posta il problema prima, ma meglio non arrivare impreparati alla fantomatica chiusura..

      Elimina
  4. Letto e riletto, mi sembrerebbe strano
    però tutto può capitare, certamente mi dispiacerebbe perché è da anni che sono in G+ ho conosciuto e conosco tutt'ora gente fantastica, oltre che averci visti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedremo.
      Intanto, grazie per essere qui, per la prima volta. Per me è sempre una nuova gioia accogliere un nuovo amico. 😗

      Elimina
  5. Riscrivo quello che ho detto al Cavaliere.
    Mi basta continuare a utilizzare l’account per velocizzare la pubblicazione dei commenti.
    Del resto sinceramente non me ne frega.
    E ha detto Vincenzo ( se non ho capito male) che quell’aspetto non cambierà con o senza Google +
    Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti darò due risposte. Una paracula ma vera, l'altra neutra.
      A te indovinare quale sia quella paracula..
      1. Vincenzo ha SEMPRE ragione.
      2. I commenti che tu ci lasci sono loggati dal tuo account google. Potresti anche non essere iscritto a g+. Non cambierebbe nulla. L'importante è che tu abbia sempre un account gmail attivo. 😗

      Elimina
  6. Mha te lo dico in amicizia..su un altro blog di cui non dico il nome son andati avanti due giorni a chiedermi perché non lasciavo aperto Google plus..
    A me che non so neanche cosa sia...!
    Più di ricambiare la cortesia seguendo chi mi segue ( perché ho visitato il loro blog) non so che altro fare !
    Alla fine mi ha detto il blogger che sono un anomalia perché non ho un blog ma commento!
    Bho ..io ho ringraziato .
    Perché mi piace essere un anomalia :)
    La risposta paracula è la prima.
    😀

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sinceramente non so cosa vuol dire "lasciare aperto Google plus".
      In ogni caso, su questo blog di cui non mi dici il nome, fannp troppe domande.
      Quindi lasciali perdere.. 😂😂😂😜
      P.S. Hai indovinato. Ma come avrai fatto?? Sei troppo perspicace..

      Elimina
  7. Ho letto la notizia da mia sorella.
    Sembra che sia la notizia del giorno, ma che vuol dire?
    Ho cercato di capire di più tempo fa scrivendoci anche un post, ma sono rimasta nell'ignoranza. A me non sembra una gran perdita. Beh, lo uso anche poco. Anzi, direi per niente.
    Per cui...me ne frego ahahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo il tuo post, in cui chiedevi a cosa servisse g+. Non intervenni perché, sinceramente, non l'ho mai capito a fondo.
      So solo che molti dei miei lettori vengono proprio da lì e che mi mancheranno.
      Ma mi rassegnerò. 😉

      Elimina
  8. G+ non ha mai avuto successo, è sempre stato definito un deserto, nonostante ci fossimo iscritti praticamente tutti (chiunque ha un account Gmail, youtube o un dispositivo Android ci è iscritto). Ho provato a usarlo ma l'ho sempre trovato anti-intuitivo e disorganizzato, con una pessima grafica. Trovavo difficile anche interagire con gli altri perché la maggior parte dei post era autogenerato da attività Google e non scritto spontaneamente dagli utenti, che spesso mai entravano nel social network.
    Ci condividevo anche io i miei post, ma ho sempre avuto dubbi sul fatto che raggiungessero effetivamente qualcuno in quel ginepraio di attività Google.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece mi prendo venti minuti al giorno di fastidio, per condividere i miei post nei gruppi giusti, e posso assicurarti che trovo riscontro, sebbene la piattaforma non sia di mio gusto.

      Elimina
  9. Ho sentito la notizia in tv ma sinceramente, non so neanche a cosa serva, ci mando i post in giro, ma non so davvero se veicoli più dei blogroll di ognuno dei follower che mi segue...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ce l'ho il blogroll.
      Quindi uno in meno. Mannaggia. 😜

      Elimina
  10. Io sono registrato su blogger e credo di avere quando tutto è conferito in google un account google ma non mai stato su google plus. Credo che le ragioni siano un po' tutte quante: pochi utenti, molti fake o profili vuoti e poi il bug ha dato il colpo di grazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto.
      Quindi non risentirai di nessun cambiamento, sebbene non lo farò neanch'io. L'utilizzo di g+ è davvero molto relativo..

      Elimina
  11. Un profilo ce l'ho ma qualora dovessero chiudere la piattaforma, certamente non ne sentirò la mancanza.
    Di sicuro l'ho sempre usato poco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece ho aperto prima g+ e poi il blog.
      Ma adesso me la cavo anche in autonomia.. 😉

      Elimina
  12. Diciamo che per me è sempre stato un social brutto, poco intuitivo, che stimola poco l'interazione, pesante da far andare e poco usato attivamente, quindi se chiude non credo ci si perda qualcosa, alla fine anche per i blog ci sono talmente tanti modi di seguirsi che non serve Google Plus.

    RispondiElimina
  13. Nessun rimpianto, anche se poi utile era per i post, anche se non so se un'utilità ce l'aveva davvero per "aumentare" le visite ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho sempre trovato riscontro nelle visite.
      Poi, boh..

      Elimina
  14. Non ne sapevo proprio nulla e manco si degnano di avvisare i loro (pochi) utenti (fedeli)... mah!
    Sappiamo tutti che era nato per battere quello schifo di FB ma che non ci è riuscito, nonostante ciò molti gli sono rimasti fedeli, come noi. Bella gratitudine!
    Secondo me non ha funzionato perché ormai gli utenti social sono delle pecore e come tali, seguono il gregge. Gregge ormai fedele a FB.
    Chiudete? Meglio! Un social in meno a cui stare dietro ma da parte mia Non tornerò sui miei passi, FB e Instagram continueranno ad essere ignorati da me (per il primo sto studiano una pagina da far controllare a mio cugino, senza che io ne interagisca).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da tuo cugino o da me.. 😉😜

      Elimina
    2. Oh, se hai tempo, ti faccio amministratrice insieme a lui!
      L'unica regola è non censurare nulla e se qualcuno ci va giù pesante, mi chiamate e vengo ad insultarlo di persona!

      Elimina
    3. Ahahah
      No, no. Era una battuta.
      Il tempo è pochissimo, e poi figurati cosa potrei dire in una pagina che parla dei tuoi post.
      Farei la figura dell'inetta pure lì.
      Le parolacce, invece, non posso proprio dirle. Lo vedi quanti insulti ricevo per colpa tua?
      Io sono una signora snob con la puzza sotto al naso.
      Non si nota?? 😜

      Elimina
  15. Io ho un po' l'ansia da social e per questo il blog è rimasto quasi anonimo..quasi nessuno delle persone che conosco sa che esiste. Ho solo l'account su google+ ma in effetti non l'ho mai usato molto. Alcuni mi seguono solo da lì e quindi temo perderò molti dei miei pochi lettori :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ti leggo direttamente dal mio elenco lettura di Blogger.
      Quindi non mi perderai.
      Parola di scout! 😘

      Elimina
  16. Non è che ci chiudono anche la piattaforma blogger?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no.
      Tu, però, prima della scadenza, vedi di passare ad un profilo Blogger anzichè Google+.
      È facile. Dal pannello clicca su Impostazioni, poi Impostazioni Utente, e infine spunta Blogger anziché g+.
      Ti conviene farlo subito.

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.