sabato 6 ottobre 2018

259 i morti per selfie dal 2011

Torna alla ribalta la questione dei morti a causa dei selfie.
Secondo un recente studio pubblicato dal Journal of Family Medicine and Primary Care dell'All India Institute of Medical Sciences, dal 2011 al 2017 sarebbero ben 259 i morti a causa dei selfie.
L'età media delle vittime è di circa 23 anni.
Prevalgono i maschi.

L'India fa registrare quasi la metà dei decessi, seguita dalla Russia, dagli Stati Uniti e dal Pakistan.
Secondo la ricerca, inoltre, la maggior parte delle vittime è deceduta per annegamento.
Al secondo posto, invece, si registra la morte per contatto con mezzo di trasporto (prevalentemente il treno).
Seguono le cadute, gli incendi e persino l'essere divorati da animali.

32 commenti:

  1. Che mania quella dei selfie !!Si sfida il pericolo pur di apparire . Io non mi faccio mai selfie, vengono delle foto inguardabili !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ci provo spesso, ma sono proprio negata.
      Però in casa, sul divano. Magari con Lorenzo.
      Altro che sui tetti..

      Elimina
  2. Il commento di Mirtillo potrebbe essere il mio! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu comunque non corri rischi..
      Perché in altezza fa freddo e c'è umidità..
      Quindi te li faresti seduto sul divano, come me.. 😜

      Elimina
    2. Ahahah risposta geniale!

      Elimina
    3. So fare di meglio..
      Ma con Riccardo è tutto un ponci ponci po po po.. 😉

      Elimina
  3. Si ho letto secondo me i giovani non hanno molti valori su cui confrontarsi, non tutti intendiamoci, ma purtroppo è cosi. Buon weekend.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, cara.
      Non tutti..
      Ma la pochezza di valori dilaga. Purtroppo.
      Buon fine settimana a te

      Elimina
  4. Ricordo una divorata da una tigre bianca... :o

    Moz-

    RispondiElimina
  5. 259 sono davvero tanti!
    è un dato allarmante secondo me..

    RispondiElimina
  6. A me mi viene, nonostante tutto, solo da ridere purtroppo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me più che ridere verrebbe da piangere..
      Per la vergogna..

      Elimina
  7. E' già tanto che mi guardo allo specchio, figuriamoci farmi selfie e per giunta estremi.
    Le poche volte che ho ceduto e ne ho pubblicato qualcuno mi sono sempre sentito in colpa...per gli altri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah
      Esagerato!!
      Dai, non posso crederti.
      Anch'io vengo male nelle foto 9 volte su 10, ma i sensi di colpa verso gli altri non mi sono ancora venuti..
      Adesso mi hai incuriosita e chiederò a Riccardo di procurarmi una tua foto. 😜

      Elimina
  8. Hai presente il MEME di quando per sbaglio si attiva la front cam e il soggetto si spaventa? Per me è il contrario, dico "ammazza che bello questo qui!" 😝

    RispondiElimina
  9. È il prezzo della stupidità, sarò crudele ma la penso così.
    Vedo troppa gente in giro farsi il selfie perfino col bidone dell'immondizia. La gente ha il virus dell'essere sempre in rete, dell'apparire, di sentirsi qualcuno.
    Ma da morto non sei più niente.
    È la stupida guerra dei follower che miete e mieterà ancora vittime.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo hai proprio ragione.
      Una mia amica dice che si chiama selezione naturale.
      È triste, ma è vero.. 😓

      Elimina
    2. Credo che anche selezione naturale sia corretto, chi sopravvivrà si evolverà.

      Elimina
    3. Se fosse selezione naturale, sai quante fighette su Instagram ci creperebbero? Coi loro sederi nudi in bella mostra e le loro labbra spinte in avanti "a papera"?

      Elimina
    4. Ma la selezione naturale è circoscritta a quelli che si scattano le foto in condizioni di pericolo, fino a morirci.
      Le bocche a culo di gallina nei bagni non hanno ancora ucciso nessuno.
      Purtroppo. In senso metaforico s'intende.. 😉

      Elimina
  10. Addirittura?
    Io sapevo solo del ragazzino che per farsi un selfie sul bordo del tetto dell'ultimo piano di un centro commerciale è cascato giù.
    "Fatevi selfie responsabilmente".
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no, ne succedono di stranissime.
      Non solo tetti. Il fenomeno è ben più ampio.

      Elimina
  11. Mi dispiace per le vittime e i loro famigliari ma quella dei selfie fatti in condizioni estreme è solo smania di protagonismo di persone che forse solitamente sono "invisibili"
    Felice settimana, un abbraccio.
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È triste però che per attirare l'attenzione si metta a repentaglio la propria vita.
      Molto triste.
      Buona settimana a te. 😘

      Elimina
  12. Aveva ragione Pirandello a dire che "la vita, per tutte le sfacciate assurdità, piccole e grandi, di cui beatamente è piena, ha l’inestimabile privilegio di poter fare a meno di quella stupidissima verosimiglianza, a cui l’arte crede suo dovere obbedire. Le assurdità della vita non hanno bisogno di parer verosimili, perché sono vere." (Luigi Pirandello, Avvertenza sugli scrupoli della fantasia).
    Queste storie sono così assurde, ma purtroppo vere!

    Ho anche letto il post sull'uomo sbranato da un orso... Ma con che cuore e testa ti avvicini a quello che credi essere un animale in fin di vita per fare un selfie? Devi essere una persona ben stupida, meschina e sadica per sperare che immortalarti davanti a un animale in agonia possa portarti visibilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io paragonerei quest'ultimo caso a quelli che trovano un uomo morto o semi morto in strada e gli rubano il portafoglio.
      Ecco.
      Ottusi, egoisti e irresponsabili.
      Più o meno quel che è accaduto a quell'uomo, no?

      Elimina
  13. Anche io abbraccio il commento di Mirtillo! Le poche prove di selfie sono le peggiori foto della mia vita! 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo proprio crederti sulla fiducia, no?
      Eppure, dubito che il risultato sia così tragico........ 😜

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.