mercoledì 24 ottobre 2018

Io, il vento, la panchina e il mare

La scuola di Lorenzo dista circa 800 metri da casa mia.
Quando il tempo è clemente, mi piace andarlo a prendere a piedi ed attendere l'orario di apertura del cancello sulla mia panchina preferita.
L'ho fatto anche oggi.

Il vento freddo mi spettinava i capelli, ma il sole permetteva alle mie gambe di scaldarsi, strette nel mio pantalone nero preferito.

Ho atteso per mezz'ora di poter riabbracciare mio figlio.
Lui che dà un senso anche alle giornate più cupe. Quelle in cui di sorridere proprio non ti va.
Poi, lo porti al mare.
E lì trovi le risposte.
La sua felicità è contagiosa.
E ridi.

28 commenti:

  1. Vero, i figli trasmettono tante gioie.
    Felice serata.

    RispondiElimina
  2. se togli i capelli e il mare, il resto lo capisco alla perfezione. noi svizzeri calvi siamo a digiuno di tutto il resto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi chiedo come si possa vivere senza capelli. Ops.. Senza mare.
      Ma sicuramente tu vivrai egregiamente bene.
      Si può dire "egregiamente bene"?
      Beh oh. La mia macchina ti teme sempre. 😉😜

      Elimina
    2. senza mare si vive mare, senza capelli si vive capelli (chiaro, no?)

      Elimina
    3. Era più arguto "senza mare si vive senza si vive. E senza capelli pure".
      Vabbè dai, questa è difficile..
      Vecchi ricordi di settimana enigmistica. "Mare senza re" = "Ma". 😂😂

      Elimina
  3. Vedi? Meglio il selfie serioso che quello con il sorriso modificato:D. E poi i capelli da Sirio che si spostano con il vento.
    Come si può resistere al parlottare e al sorriso di Lorenzo?
    No, non si può :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E al suo "ciao bacche. Ciao ciao".
      Probabilmente è convinto che le barche lo sentano. E chi può dirgli il contrario..

      Comunque la foto si salva perché ho gli occhiali da sole.
      Altrimenti il connubio occhi a goccia e labbra all'ingiù mi fa sembrare sull'orlo di un pianto.
      Io, invece, sono soltanto seria.
      Ecco. Vedi perché sorrido sempre? 😉

      Elimina
  4. E la loro gioia è la nostra gioia ...

    RispondiElimina
  5. Sei più bella nella foto piccola , con il sorriso .
    Le gioie del tuo Lorenzo , io le stò assaporando con la mia nipotina.
    Lei , quando vede il mare , vuole bagnare i piedini nell'acqua e
    dato che è freddina , fa' il ballo del qua qua , dentro e fuori .
    Un bimbo ti rallegra la vita . Good night to you and Lorenzo .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara.
      Anch'io mi preferisco col sorriso. E quando si ha vicino un bambino è impossibile non averlo.
      Buonanotte a te e un bacio a Nora. 😙

      Elimina
  6. posso dirti che in questa foto sei veramente gnocca?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah
      Ma grazieeeee. Io, invece, ho sempre il complesso delle labbra sottili e all'ingiù che mi fanno sembrare triste, quando in realtà non lo sono. ❤

      Elimina
  7. Che bello... ecco, è questo il senso di avere un figlio :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E c'è molto di più.
      Quindi.. datti una mossa! 😂😂😜

      Elimina
  8. Sei fortunata. Io ci penso ogni tanto al mio "non avere" figli, magari lo sconterò da vecchietto, e ai tutti che mi dicono che sarei stato un bravo papà, quando mi vedono alle prese con i figli degli altri, sorrido... consapevole che non è affatto la stessa cosa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, hai ragione, non è la stessa cosa.
      Ma l'amore che diamo ai figli degli altri non è mai sprecato. Anzi, ci arricchisce..
      Quanto al vecchietto, hai ancora una ventina d'anni per pensarci, no? 😉

      Elimina
  9. Sì ma potevi anche accennare un sorriso, sembri troppo seria....comunque davvero bellissimo Lorenzo nell'essere solo un bambino ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah
      Hai ragione. Ma ieri avevo troppi pensieri per ridere. Poi, ti sembrerà strano, ma a volte sono seria persino io.. 😜

      Elimina
  10. Sono belle sensazioni. Il vento, la panchina al sole, l'attesa con i propri pensieri, l'abbraccio di Lorenzo, la visuale sul mare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mentre scrivevo queste poche righe, infatti, pensavo a te.
      Mi son detta "questo è proprio un post alla Sara". 😘

      Elimina
  11. I figli sono...sono tutto. Sono un qualcosa di "magico" e bellissimo, difficile da descrivere.
    E' bello avere qualcuno che ci fa tornare il sorriso.
    ...e con tanto di mare che fa da sfondo è proprio la ciliegina sulla torta. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ad onor del vero, posso dirti che sono mare dipendente sin da bambina. Crescendo, però, detesto la tintarella e il caos, quindi ci vado solo per lunghe passeggiate, e per riflettere.
      Lorenzo, comunque, mi farebbe tornare il sorriso anche nel deserto. 😉

      Elimina
  12. E' bellissimo vivere in una città sul mare ed io nata e vissuta non potrei rinunciare. Ci sono passeggiate lungo il Goldo di Trieste che distano dal centro città circa 20 minuti con il mezzo pubblico oppure 10 minuti a piedi se stai abbastanza nel centro per vedere e passeggiare lungo mare davanti alla famosa Piazza Unità D'Italia ed avere a portata di mano la possibilità di balneazione partendo da casa (mia ad esempi) fino allo stabilimento 20 minuti se traffico 30 ma poi ti godi il mare. E, lo stabilimento comunale è aperto tutto l'anno e le nonne ci portano i bambini per giocare con i sassetti, respirare aria buona ed essere lontano dal traffico...non ha prezzo. Come ti capisco te e il bambino... Buona serata e we.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, per fortuna, ci abito a 50 metri, quindi in un balzo sono al mare e posso percorrere a piedi tutto il lungomare fino ad arrivare al castello, poco distante da casa.
      Un vero paesaggio da sogno.

      Elimina
  13. Concordo, ma la foto è spontanea, sincera.
    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Anche se non mi piace sembrare triste, quindi meglio mostrare i 32 denti in stile pubblicità Algasiv.. 😉

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.