martedì 20 novembre 2018

Ladri senza morale: 'ridatemi le protesi di mio figlio'

Proprio oggi, nella giornata internazionale del bambino, apprendo da TGcom24 una notizia molto triste, che condivido con voi, con la speranza che possa servire a qualcosa.
In un post pubblicato nel gruppo Facebook "Segnalazioni Foligno", in data 16 novembre, Francesca Silvestrini ha denunciato il furto delle protesi che permettono a suo figlio di camminare.
In breve tempo, l'appello è stato condiviso 2500 volte, ma nessuno si è fatto avanti per restituire la refurtiva.

"Nel parcheggio di via Cesare Battisti dalla parte opposta a Peppoloni hanno spaccato il vetro della mia auto per non rubare niente. Purtroppo c’erano i tutori di mio figlio di due anni con cui facciamo fisioterapia. La bustina e’ di pannolenci verde scuro e fuori c’è scritto Itop officine ortopediche in Bianco. Dentro ci sono due tutori a gamba intera perché lui non può camminare autonomamente. Se qualcuno li ritrova vi prego di contattarmi. 
Hanno un grande valore non monetario in quanto sono essenziali per fare la fisioterapia e per rifarle ci vogliono più di due mesi. Allego anche l’immagine. Sono quelle che Alessio indossa nella foto.
C’era anche una bustina arancione di quelle da ginnastica con un paio di scarpe da ginnastica ed un paio di pantaloni di mio figlio che ha sei anni.".

Dunque, le protesi non hanno alcun valore economico, ma questa giovane madre spera di poterne rientrare in possesso, per evitare di dover attendere mesi prima di riceverne delle nuove.

Il popolo del web continua a condividere l'appello, sperando che il ladro si metta una mano sulla coscienza e faccia in modo che le protesi tornino al piccolo Alessio, oppure che chiunque dovesse ritrovarle abbandonate in strada le consegni alle forze dell'ordine, o direttamente alla famiglia.

Ricordiamo che la vicenda è accaduta a Foligno, in provincia di Perugia.

29 commenti:

  1. sarò inguardabile ottimista, ma il bimbo riavrà le sue protesi.
    Il ladro avrà pensato che ci fosse qualcosa di prezioso, nel momento in cui rubava, e mi auguro che lasci il bottino in strada, ben visibile, per permetterne il recupero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scrivi "inguardabile ottimista" invece do inguaribile.
      Ecco, in questo caso temo che il tuo ottimismo sia davvero inguardabile.
      Sono passati quattro giorni. Troppi per un dietrofront, secondo me.
      Ricordi la borsa che rubarono a mia madre? Tornò a casa dopo 24 ore esatte.. 😓

      Elimina
    2. Che gente senza cuore😩

      Elimina
    3. Tanto per fargli un complimento..

      Elimina
    4. ahhahahah che lapsus freudiano XD inguardabile ahahah

      Elimina
  2. Ma siamo caduti così in basso ? Pensavo che più nulla avrebbe potuto
    stupirmi....Ma rubare le protesi di un bimbo è il colmo !!!
    Good night, my dear friend . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente hanno rubato la sacca sperando di trovarci all'interno cose di valore, ma comunque avrebbero dovuto e potuto restituire la refurtiva.
      È molto triste.
      Spero in un lieto fine ma, come dicevo a Riccardo, è dura.
      Buonanotte cara.
      Un bacione

      Elimina
  3. Speriamo che, quando il ladro si accorgerà di cosa ha rubato, si faccia scrupolo di far ritrovare le protesi , in modo che possano essere riconsegnate al piccolo. Roba da pazzi!! Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo speriamo tutti.
      Ma temo sia solo un'utopia.. 😓

      Elimina
    2. Che pezzo di merda😠😠😠 e non aggiungo altro perchè diverrei troppo scurrile! Il ladro che si mette una mano alla coscienza è pura UTOPIA, non hanno coscienza, altrimenti non ruberebbero.

      Elimina
    3. Già.
      Come darti torto.
      Se ne avessero una non ruberebbero...

      Elimina
  4. Questo paese sta diventando un buco nero. Senza speranza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa gente mi fa venire voglia di urlare come Abatantuono: Viulenzaaaaaaaaaaaaaa

      Elimina
  5. Buon giorno, mi sembra di aver letto una notizia simile anche l'anno scorso e sempre in quella zona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi sarà un ladro di protesi seriale? Altro che.
      Non so dirti, comunque.
      La notizia è vera e verificata. L'anno scorso non ho sentito nulla del genere.
      Buona giornata

      Elimina
    2. Mi ricordo che erano anche in quel caso protesi per bambini, ma non mi ricordo di che tipo.
      Mi aveva colpito il fatto che non fossero particolarmente costose ma che ci volessero mesi per averle. È per questo che mi ricordo la storia.

      Elimina
    3. Purtroppo è sempre così. Quel genere di protesi, per fortuna, costa poco, ma i tempi di realizzazione sono lunghi.
      Da qui il motivo dell'appello di questa madre.

      Elimina
  6. Leggo e resto di sasso.
    Davvero, dove siamo finiti?
    Io spero in un ravvedimento di questi ladri dopo l'appello della madre. Lo spero, ma ne dubito...

    RispondiElimina
  7. Sempre di più mi viene da pensare che la gente faccia schifo.
    Spero davvero che la refurtiva venga restituita.

    RispondiElimina
  8. E di che dovremmo meravigliarci? Quando la sindaca di "non faccio mai niente" manda un esercito di vigili urbani a smantellare una zingaropoli non solo di negri ma di italiani, sfrattati dalla vita, disoccupati buttandoli in pasto al freddo sotto ponti senza nemmeno un tetto e delle pareti intorno coi loro figli piccoli e vecchi, tu mi spieghi di cosa dovremmo ancora meravigliarci?
    Di una cosa di sicuro: degli italiani buoni soltanto a cianciare di tutto ma troppo vigliacchi per fare VERAMENTE qualcosa. Niente, finché la nostra panza bene o male si riempie ogni giorno ed il nostro bel culo è al caldo. Popolo di chiacchieroni, sbrodoloni, cazzoni e vigliacchi. Questi siamo. E non valiamo un beato ca.
    Guardali i francesi, che fanno blocchi in tutte le strade per il caro carburanti. I francesi, eredi di quelli che il 14 luglio del 1799 andarono all'assalto della Bastiglia. I nostri antenati non sarebbero andati nemmeno all'attacco del grissino e del gelatino, gente del ca. che procrearono solamente altra gente del ca. credi ammé.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo col fatto che gli Italiani dormano anziché protestare, ma qui di parla di umanità.
      Nel momento in cui ti rendi conto che nella sacca ci sono delle protesi del genere, le abbandoni in un luogo pubblico e sparisci.
      E non c'è povertà che giustifichi un obbrobrio del genere.

      Elimina
    2. Umanità? Sto ancora cercandola sul vocabolario sta parola strana ma non la trovo. Avrebbe dovuto restituirle una volta capito di cosa si trattava? Non vogliamo questo, che ciò si dichiari quel che è, un ladro. Ma abbandonarle di notte davanto alla saracinesca di una Farmacia, poteva di sicuro.
      Invece no: sicuramente le ha buttate via, magari in un cassonetto.

      Elimina
  9. Ladri senza morale ma anche senza ritegno, senza rispetto e senza nessuna sensibilità..

    RispondiElimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.