venerdì 16 novembre 2018

Diventa madre a 62 anni: meglio tardi che mai?

Per poter trovare questa immagine sul web ho dovuto digitare "nonna con bebè", dato che alla voce "mamma anziana", oppure "anziana diventa madre" proprio non trovavo nulla.
E perdonate la crudezza delle mie parole, ma non riuscirei a descrivere la cosa in termini diversi.
Per me, a 60 anni, una donna dovrebbe fare la nonna, non la madre.
Vi chiedo scusa per questa premessa, ma proprio non riuscivo a non pronunciarmi in materia.
La notizia, infatti, diffusa ieri sui maggiori quotidiani nazionali, mi ha lasciata interdetta.

Una donna single, di 62 anni, ha dato alla luce nell'ospedale "San Giovanni" di Roma una bambina in perfetta salute.
Per poter restare incinta, la donna si era rivolta ad una clinica albanese, e alla tecnica dell'embriodonazione.

Praticamente ha generato l'embrione in eccesso di una coppia che si era sottoposta a tecniche di fecondazione assistita in passato.
Il metodo è vietato in Italia, ma non in altri Paesi europei quali la Spagna o, appunto, l'Albania.

Oltretutto, da noi, la donna avrebbe ottenuto anche il diniego per ragioni anagrafiche, dato che la legge 40 del 2004 vieta alle donne già in menopausa di ricorrere alla procreazione assistita.
Infine, (altro dettaglio non trascurabile), seppure la protagonista della vicenda avesse avuto soli trent'anni, essendo single, sarebbe comunque stata bloccata in termini di legge.

Insomma, una gravidanza iniziata contro qualsiasi principio legale ed anche morale nel nostro Paese.
Eppure, la neomamma ha dichiarato al Messaggero che il suo unico obiettivo è riuscire a restare accanto a sua figlia fino al compimento dei 18 anni (lei ne avrà 80), perché è giusto che la ragazza poi diventi indipendente e riesca a camminare sulle sue gambe.

Ok, cercherò di non essere troppo drastica, ma a 18 anni, quando sei ancora sommerso dagli studi per il diploma, come puoi pensare anche solo lontanamente di sobbarcarti la responsabilità di una casa, un lavoro, il funerale di tua madre, quello di tuo padre almeno no, perchè non ne hai mai avuto uno???!!!

Basta. Mi fermo qui.
Quando mio padre è volato via, avevo 24 anni, e pur potendo sempre contare sulla tenacia di mia madre (che aveva solo 42 anni, e non 80), ho pensato di morire. E a volte lo credo ancora.

Fine.

45 commenti:

  1. A 60 una donna dovrebbe fare la nonna.
    Hai ragione al 1000 per 1000.
    Non si è vecchi a 60 anni ma nemmeno giovani da avere la forza necessaria a crescere un figlio proprio. Un nipote sì perchè comunque la responsabilità vera e propria è dei genitori. I nonni aiutano, intervengono in momenti di difficoltà magari ma sono più compagni di giochi che educatori anche se educatori per forza di cose lo devono in parte diventare. O vogliamo bambini capricciosi che un domani non accetteranno un no?

    Ogni frutto ha la sua stagione diceva mia nonna e io le do ragione. Capisco l'istinto materno, la voglia infinita di diventare madre però un limite dettato dal buonsenso ci deve essere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che a pensarla così sia una donna, ed anche con qualche anno in più rispetto a me.
      Altrimenti potrebbe sembrare che io sia così rigida sul tema solo perché sono giovane ed immatura.
      Ma no, non riesco proprio a transigere.
      E sono triste all'idea di come vivrà questa bambina.
      Frutto del capriccio della sua genitrice..

      Elimina
  2. Ahahah ahahah 😆😂🤣ahahah ...ma dai è uno scherzo!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo caso sarò anche poco delicato ma come scrive un blogger di mia conoscenza: “miglior ipotesi per questa immagine : la badante giovane viene spacciata per la madre , la neononna/mamma resta nonna 😀 e quando schiatta lascia una cospicua eredità alla finta nipote ma vera figlia.
      Visto che ormai la frittata è fatta ..cercherà di limitare i danni.
      Notte

      Elimina
    2. E chi sarebbe questo blogger?
      Se è uno dei pochissimi che mi stanno sulle balle, non citarlo mai più in casa mia.
      Ahahahha 😜
      Notte ❤

      Elimina
    3. Forse si , fa parte di quella ristretta rosa ..😀
      Almeno credo perché è un pezzo che non lo vedo commentare qua.
      Forse lo hai spaventato..

      Elimina
    4. Se ti riferisci a quello che assomiglia al mio mese di nascita (agosto), allora non l'ho spaventato. L'ho letteralmente messo alla porta invitandolo a non tornare mai più, visto che mi tormentava le lettrici.
      E infatti, dopo di lui, l'aria qui è tornata serena ed allegra. 😉
      Effettivamente è l'unico uomo che fa parte della rosa. Poi ci sono due donne. Stop. 😈

      Elimina
  3. In questo caso è troppo tardi. Il desiderio di maternità ci sta, ma in questo caso mi pare egoismo. Quoto Pat.

    Moz-

    RispondiElimina
  4. E' una gravidanza contro ogni principio legale, esattamente.
    Spaventa anche a me l'idea di una 18enne praticamente abbandonata a se stessa. A 18 anni si può essere sufficientemente maturi, ma non per affrontare la vita da sola.
    Poi la madre arriverà a festeggiare i 18 anni della figlia? io glielo auguro ovviamente, però...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io penso piuttosto che questa povera ragazza, sin da piccola, dovrà fare la badante di sua madre, anziché la figlia coccolata e viziata (nel senso molto bonario del termine)..

      Elimina
  5. Esser mamma non ha eta.
    Un abbraccio forte Claudia
    grazie della graditissima visita
    a presto.
    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passo ogni giorno ad ammirare le tue foto e a leggere le tue poche righe, anche se commento raramente.
      Buon fine settimana.
      Baci

      Elimina
  6. Sono d'accordo anche io con ciò che hai detto. L'ho pensato pure io.
    D'accordo che l'amore non ha età ma fino ad un certo punto. Finché non incontra la realtà. Io ritengo che una donna che a 60 anni partorisce un figlio pure da sola sia unicamente egoista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, purtroppo, ragiono da figlia, e non da madre.
      E penso che morirei all'idea di avere oggi una madre 80enne (e ne ho 31, figurati a 18)......

      Elimina
  7. Mia madre a ottanta anni ha avuto l'Alzheimer. Ho trascorso quasi nove anni a correrle dietro come se fosse stata una bimba di poco di più di un anno. L'unica cosa che era ancora capace di fare era camminare tutto il giorno e combinare marachelle. Non riconosceva nessuno, non era in grado di lavarsi, vestirsi, nemmeno mangiare da sola...Sono stati anni terribili, in cui non riuscivo a trovare nulla in lei che mi ricordasse mia madre, ma sapevo che era lei e l'ho accudita giorno e notte, rinunciando alle vacanze, alle uscite, alle cene...Ero però già sposata, avevo un figlio di 20 anni, un marito che mi dava una mano e, in fondo, sentivo di avere già avuto molto dalla vita e soprattutto da lei, che mi aveva aiutata finché era stata bene, si era presa cura di mio figlio quando io ero al lavoro o volevo prendermi una sera da sola con mio marito. Se lei mi avesse avuta a 62 anni, invece che a 30, io avrei avuto esattamente 18 anni quando era iniziata la malattia e non so proprio come me la sarei cavata, da sola, con una madre da accudire giorno e notte, proprio negli anni che avrebbero dovuto essere i più belli della vita.
    Quella donna è stata veramente molto egoista. Si è assicurata una badante per la vecchiaia, ma non ha pensato minimamente al bene della sua bambina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua testimonianza vale più di qualsiasi altra parola.
      Forse la signora in questione ha fatto un patto col diavolo e sarà in salute per i prossimi vent'anni, ma sarà comunque una nonnina con quantomeno problemi di deambulazione.
      Tanto per essere ottimisti.....
      No. I figli vanno fatti finché si è in tempo, altrimenti è bene rinunciare al proprio desiderio di genitorialità, per tutelare chi verrebbe alla luce.

      Elimina
  8. A prescindere dal fatto che io sono favorevole alle donne che desiderano
    un figlio ad ogni costo , mi chiedo , ma la signora in questione , non
    poteva pensarci prima ? Magari quando non era ancora in menopausa ?Concordo che è stata una scelta egoistica...Quando la Mamma-Nonna
    andrà a prenderla a scuola , si vergognerà ? Le altre bimbe , la
    prenderanno in giro ? Soffrirà in svariate situazioni ?
    Io ho avuto la mia seconda figlia a 34 anni ed ero la più vecchia
    partoriente . Figurati....Tanti auguri a questa bimba che cresca
    forte e sana nel corpo e nell'anima e possa affrontare il suo futuro.
    Sempre interessanti i tuoi Post Claudia . Baci e abbracci . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Laura.
      E sempre valide le tue risposte.
      Io credo che questa donna sia egoista al punto da non pensare minimamente quel che sarà di sua figlia, ma di aver acquistato un giocattolo alla fiera della lussuria.
      Spero che, in qualche modo, la bambina possa essere felice.
      Un abbraccio a te.

      Elimina
  9. Perché non a 78?!? Ci penserà qualcun altro a crescerla poi..che ce frega...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente.
      Tanto vale godersi il gusto di vederla nascere, urlare "Oleeeeee, sono madre!!!", e perire.

      Elimina
    2. Questa tua risposta mi ha strappato una risata !!!.....

      Elimina
  10. Situazione controversa, per quanto mi riguarda è sufficiente che la donna sia in grado di crescere sua figlia. In caso contrario, l'unica valida alternativa è procedere con un'adozione.
    Non ha senso fare un figlio per capriccio XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io spero che i servizi sociali facciano il loro lavoro..

      Elimina
  11. E' una situazione molto particolare. Ogni donna ha diritto ad essere madre, ma effettivamente ci sono più "contro" che "pro".
    La signora non solo ha seguito una lunga serie di pratiche illegali nel nostro paese, ma ha voluto avere una figlia in età troppo avanzata, un'età che non ti permette di potere seguire la propria progenie per lungo tempo. Insomma, la signora si augura di vivere fino al compimento dei 18 anni, ma non ha senso visto che nessun 18enne può essere totalmente indipendente e capace di vivere senza un genitore. Quando la bambina avrà 18 anni, la signora ne avrà 80 e arrivare a quell'età non è roba semplice. Bah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appunto.
      La parte che mi ha fatta più arrabbiare di tutta questa vicenda è proprio la sua convinzione che la ragazza, a 18 anni, dovrà essere pronta a viaggiare sulle sue sole gambe.
      Manco fosse una passeggiata..

      Elimina
  12. Moltissimi bambini sono stati allevati e sono stati amati dai nonni ma quando questi sono mancati c’erano i genitori al loro fianco. Auguro a quella donna single di vivere in perfetta salute anche oltre i cento anni ma resta il pericolo che i bambini di persone non più giovani restino orfani quando non sono ancora autonomi.
    buon weekend, un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi chissà a che età siamo davvero pronti per vivere senza nessuna figura di riferimento..
      Buon fine settimana a te.
      Baci

      Elimina
    2. Magari dopo l'adolescenza :-)

      Elimina
    3. Io direi molto dopo l'adolescenza.. 😘

      Elimina
  13. Sono scelte che non comprendo, per cui mi è difficile fornire un vero parere. Un bambino appena nato non dovrebbe avere una madre di 62 anni, semplicemente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti.
      E magari dovrebbe avere anche un padre.
      Ma questa é un'altra storia..

      Elimina
  14. Secondo me al di fuori di qualsiasi altro aspetto quello che conta per me è che considero una forzatura nella natura che propri decide che la donna finisca ad un certo punto ma mantiene la possibilità ancora di procreare per popolare il mondo... ora siamo già tanti all'uomo con donne giovani. Inoltre per me in questo caso è un egoismo perchè pensa alla sola soddisfazione di avere... ma non pensa al futuro del pargolo che come dici tu a 18 anni ha ancora bisogno della mamma e non essere poi consapevole che può anche rimanere solo prima dei 18 o anche dopo ci ha pensato lei.... mi fermo anch'io forse ho già detto troppo. Buona fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, cara.
      Non avresti potuto essere più esaustiva.
      Un abbraccio

      Elimina
  15. Che egoista!! Ma poi chi glielo assicura che campa altri 20 anni e in salute!! Povera bimba...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evidentemente la signora dev'essere molto ottimista.....

      Elimina
  16. Già 50 mi pare troppo avanti fare figlio figuriamoci 60 assurdo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me queste donne perdono il contatto con la realtà, sentendosi immortali..

      Elimina
  17. Io mi ritengo una mamma già abbastanza "grande", avendo avuto i monelli a 34 e 37 anni. Non ero vecchia, ma certo non ero più di primo pelo, come di suol dire.
    I miei genitori avevano 44 e 42 anni quando sono nata io e quindi erano più grandi ancora e io ho visto già delle differenze con i miei coetanei che avevano genitori più giovani. Sono stata una figlia felice e amata, ma ho avuto genitori anziani quando ero relativamente giovane e non è stato così facile.
    C'è un tempo per tutto, ecco. Bisognerebbe capirlo perché le conseguenze si ripercuotono poi sul figlio-figlia che si mette al mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa che più amo di te è la delicatezza con cui esponi il tuo pensiero, argomentandolo con fatti di vita vissuta che lo rendono inappuntabile.
      Ecco. Sono completamente d'accordo con te.
      Non potrei aggiungere un'unica sillaba.

      Elimina
    2. Ti ringrazio, sei cara a dirlo.😘

      Elimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.