venerdì 15 marzo 2019

Amare un minore è pedofilia. Non scherziamo!

Proprio poche ore fa vi parlavo degli stupri che molte donne subiscono, senza neppure ottenere una degna giustizia.
Adesso, però, mi sembra giusto dare spazio anche all'altra faccia della medaglia sebbene, credetemi, sono molto in difficoltà.
E' dura, infatti, toccare determinate tematiche senza scadere nelle offese personali e nel livore. Ma, come sempre, ci proverò.

Immagino che tutti voi conosciate la storia della donna di Prato rimasta incinta dello studente tredicenne a cui dava ripetizioni private di lingua inglese.
Sui giornali si è detto tutto e il contrario di tutto, ma ho preferito ignorare la notizia. Oggi, però, vorrei spiegarvi come la penso, alla luce di recenti sviluppi che mi hanno lasciata inorridita.

Innanzitutto, non si tratta di una docente (come si era detto inizialmente), bensì di una comune 33enne che si offre di aiutare il figlio della sua amica con la lingua inglese, in occasione degli imminenti esami di terza media.
La mamma del ragazzo, quindi (anzi, del BAMBINO. Chiamiamolo col giusto nome, perché è di un bambino che si tratta), accetta volentieri l'offerta di una persona di cui si fida, e decide di commissionarle un ciclo di lezioni private.
Quello che proprio non poteva immaginare, però, è che tra suo figlio e la sua (ex) amica sarebbe sbocciato l'amore, o l'ossessione, l'attrazione fisica, la patologia, o qualsiasi cosa possa indurre una moglie e madre trentenne ad avere uno o più rapporti sessuali con un minore.
Il resto è cronaca.
La donna rimane incinta e partorisce fingendo che il bambino sia di suo marito, ma in seguito viene smascherata e l'esame del DNA attribuisce la paternità all'altro protagonista di questa triste vicenda.

Proviamo a pensare a cosa sarebbe accaduto a parti inverse, se il "maestro" avesse avuto 35 anni e la studentessa 13. Si sarebbe urlato alla pedofilia, alla gogna mediatica e fisica, allo sdegno generale.
Poco o nulla, invece, si sta commentando adesso.

Ebbene, da donna provo un senso di nausea così forte all'idea di avere una qualsiasi relazione fisica con un ragazzo che potrebbe essere (anagraficamente parlando) mio figlio, a maggior ragione se minore, e mi viene la pelle d'oca.
Spero che la giustizia faccia (BENE) il suo corso, e che non passi il messaggio che una donna adulta possa intrattenere relazioni di qualsiasi natura con un bambino, perché non è così.

Basti pensare che pochi giorni fa Emanuela Titocchia dichiarava, nel corso della trasmissione "Mattino 5", di essersi "innamorata" di un 14enne col quale avrebbe un rapporto speciale che li porterebbe anche a dormire insieme, senza però nessun contatto sessuale.
Per fortuna, la conduttrice Federica Panicucci e il resto degli ospiti in sala hanno criticato aspramente questa relazione, spiegando all'attrice di rivolgersi ad un analista, in quanto quel genere di attaccamento fisico e/o mentale ad un minore non è assolutamente normale.

Sono certa (purtroppo) che sentiremo ancora parlare di queste due vicende nei salotti televisivi, sperando, però, che si cominci ad avere davvero rispetto per i minori di entrambi i sessi, e per i messaggi che si lasciano veicolare attraverso determinate dichiarazioni!

32 commenti:

  1. Cara Claudia, ti sei spiegato veramente bene, io sono allibito di questa storia, ne sentiamo di tutti i colori, e purtroppo sappiamo che ne arriveranno altre.
    Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di sentirne sempre meno, invece.
      Ma non mi sento molto ottimista..
      Buon fine settimana a te. 😘

      Elimina
  2. Il titolo è ingiusto.
    Non è che se una persona è minorenne allora non si può amare perché è pedofilia. Se un ventenne ama una sedicenne?
    Dai 14 anni non è più pedofilia, dai 16 giuridicamente è tutto a posto senza dover passare per il consenso genitoriale.
    Il caso di cui parli è limite, ovviamente.
    Vedremo cosa succederà, ma non parlerei di pedofilia, al massimo di efebofilia.
    Io sono per l'abbattimento del divario delle età, ovviamente secondo il buon gusto e il buon senso (non solo giuridico).

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non conoscevo l'efebofilia e ti ringrazio per averne parlato, a me e a tutti.
      Comunque, nei casi di specie si configurerebbe comunque il reato di pedofilia in quanto, il primo aveva solo 13 anni quando il "rapporto" è iniziato, mentre il secondo addirittura 11.
      L'abbattimento del divario delle età ci starebbe pure (sebbene io non sia d'accordo), ma ti prego non prima dei 18 anni.
      Un po' di buonsenso mi sembra il minimo.

      Elimina
    2. Io penso che sia giusto già com'è ora, per legge. 14 anni con consenso dei genitori, dai 16 sei capace di intendere e di volere. Fine.
      Ti ricordo che ci sono certe diciassettenni che hanno più contributi di me e di te versati, a livello di esperienza sessuale :D

      Moz-

      Elimina
    3. Claudia cerca di essere comprensiva, Moz ha dodici anni e non puoi precludergli l'attività sessuale, mi diventa frustrato poi... ;)

      Elimina
    4. Franco, non ci avevo pensato.
      Mi ostino a trattarlo come un 35enne.. 😉

      Elimina
  3. Io davvero non riesco a capire come possa una 33enne invaghirsi di un 14enne, per quanto bello possa essere.
    Vale ovviamente anche per un qualsiasi 33enne maschio che si invaghisce di una 14enne...
    A me lascia perplesso anche un 20enne con una 16enne, ma questo è mio parere personale.
    L'uscita della Titocchia non l'ho proprio capita.
    Se fosse stata affezionata a quel ragazzo, come una zia con il nipote, e se non ha commesso nessuna cosa di rilievo penale, perché dare tanto clamore raccontando quella cosa?
    Trovo deprecabile invece la cosa di dormire con lui (e i genitori?!), anche senza aver alzato un dito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho guardato la sua intervista due volte, e l'ho trovata molto contraddittoria.
      Prima dichiara che il ragazzino potrebbe essere l'uomo dei suoi sogni e che lei non riesce a non pensarlo, poi minimizza lasciando credere che la loro sia soltanto una bella amicizia. E molto altro.
      In ogni caso, credo che cruciale dovrebbe essere il ruolo della famiglia. Io non permetterei a Lorenzo di dormire nemmeno con la mia migliore amica, per quanto mi fidi di lei.
      E no, non sono troppo sospettosa. Semplicemente non pongo limiti all'istinto carnale di ciascuno di noi, e trovo che proteggere mio figlio almeno fino alla sua maggiore età sia il minimo.
      Sul ventenne fidanzato con la sedicenne, invece, mi pare non ci siano problemi, sebbene ho letto che la differenza tra i partner non dovrebbe superare i 3 anni, prima della maggiore età. Ma non conosco le eventuali eccezioni.

      Elimina
  4. Nel caso contrario , cioè maschio adulto con minorenne tredicenne, si configura il reato di stupro, in questo caso non so , ma ritengo che la sessualità tra giovane maschio e giovane femmina sia, soprattutto psicologicamente , molto diversa Qui su configura appunto la figura della donna 'navescuola ; infatti i giovani maschi , in genere, la loro primissima esperienza la fanno con una prostituta.
    Ciò non toglie che una donna che seduce un minorenne , sia da considerare una persona con devianze sessuali una viziosa da curare che io, non essendo una psicoanalista , non esito a definire PORCA.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che il tuo PORCA a caratteri cubitali è abbastanza eloquente e condivisibile.
      Resta che non mi sento di fare differenze tra maschi e femmine.
      Quindi rimango ferma sull'idea che i minori non si tocchino.
      Quanto alla prima esperienza con una prostituta è molto triste, e voglio sperare che non sia davvero così, o quantomeno non più.

      Elimina
  5. È da depravate come se un trentenne si invaghisse di una quattordicenne. Ergastolo.
    Però si è sempre parlato di "navi scuola" sono sempre esistite queste situazioni ma adesso si vengono a sapere. Adesso c'è un altro fenomeno quello delle MILF. E dov'è la novità? Ah il nome...in inglese fa più glamour.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma in realtà il termine MILF (mum I'd like to fuck) prevede che siano i ragazzi a voler far sesso con le madri dei loro compagni. Mentre, le panterone a cui ti riferisci sono le cougar.
      Me lo spiegò qualche anno fa il mio migliore amico che ha la mamma Americana.
      Ah, ci sono anche le GILF, identiche alle MILF, ma con la differenza che son nonne, dai 50 in su.
      In ogni caso, son tutte pessime.

      Elimina
  6. sono disgustata come te.
    come sta psicologicamente il bambino??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo so. Per fortuna sono emersi pochissimi dati, visto il coinvolgimento di tre minori: il primo figlio della donna, il "compagno padre" e il figlioletto di quest'ultimo.
      Le virgolette sono per la pelle d'oca che definirlo padre mi provoca anche se, purtroppo, è la realtà dei fatti.

      Elimina
  7. Non mi sento di commentare su queste deviazioni sessuali .
    Qui ci vorrebbe uno psicologo , sessuologo , psichiatra ecc....
    Good Night . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sempre sei inappuntabile.
      Buona serata a te. 😘

      Elimina
  8. Che dire se non essere d'accordo?! Leggevo la efebofilia di cui parlava Moz e in alcuni casi ci posso credere, specie se si parla di un adolescente particolarmente sviluppato a 15/16/17 anni, ma di un bambino di 11 non si può parlare di altro che di pedofilia. È vero che sembra ci sia un doppio standard fra uomo e donna, ma l'occhio sociale non può avere lo stesso peso di una sede legale dove si devono prendere i giusti provvedimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma chissà se questi provvedimenti saranno davvero presi. Dopo le sentenze vergognose di cui abbiamo parlato in questi giorni, mi aspetto di tutto. Purtroppo.

      Elimina
  9. Io sono allibita, ma infatti...la pedofilia non c'è quando è solo coinvolto un uomo, ma pure una donna e no, i pedofili non sono dei vecchi repressi, ma molto spessi uomini e donne dai 25 ai 50 anni! Schifo, e non vado oltre perché a me questa cosa mi fa andare in bestia soprattutto per i miei valori e il mio lavoro (io lavoro con neo-mamme e neonati e ovviamente neopapà!! Ma anche questa Emanuela Titocchia che vada in psichiatria subito a farsi aiutare per la sua perversione, perché da studentessa di psicologia posso dire che amare un minore da maggiorenni inoltrati è pedofilia a tutti gli effetti ed è una perversione sessuale presente nel manuale di psichiatria!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente spero che qualcuno la convinca ad andarci, ma mi sembra così limitata e superficiale da considerare la cosa normale.
      Dovevi vedere la serenità con cui ne parlava, manco stesse raccontando il suo amore per il cagnolino appena adottato..

      Elimina
  10. Io pensavo a quel povero marito della "professoressa"... la perdonerà o la mollerà al suo destino?! ..che poi, magari, avrà anche le sue belle responsabilità se la moglie coltiva certe storture...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stando alle poche indiscrezioni trapelate, sembrerebbe che lui non si sia stupito della vicenda, ma si preoccupi soltanto del fatto che non gli tolgano il figlio..

      Elimina
  11. Disgusto ecco, per tutto, per questo e per tanto che nel mondo non va.

    RispondiElimina
  12. Per me il fatto che l'adulto sia un uomo o una donna non fa differenza. I bambini non si toccano, come hai giustamente fatto notare anche nel titolo di questo post.
    Sono vicende tristissime. A 11 anni non si è ragazzi, si è proprio bambini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io a 11 anni giocavo con le Barbie, e non perché fossi un'ingenua.
      Credo che questo bambino dovrebbe giocare con le macchine telecomandate..

      Elimina
  13. Io meglio che non mi esprimo...siamo al limite del surreale e dello schifo. Uomo o donna non cambia, a 11/13 anni si è bambini, punto. Un adulto che si avvicina ad un bambino attraverso istinti sessuali è un pedofilo, non mi interessa qualec sia il limite di età....spesso anche a 15 o 16 se si vive un momento di debolezza psicologica, puoi nn essere in grado di arginare e riconoscere il male o il malvagio. Adulti si è dai 18 anni e comunque devi sempre essere consenziente.dove arriveremo non lo so....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi sembra che vadano con i bambini per moda.
      E va bene il toyboy, ma che abbia almeno una ventina d'anni.
      Questi sono bambini e come tali dovrebbero restare immacolati. 😓

      Elimina
  14. Stavolta sono d'accordo con te, si tratta di violenza sessuale bella e buona, con tanto di aggravante perché il bambino non aveva ancora 14 anni (l'età del consenso).
    Tra l'altro l'età della donna era di gran lunga superiore a quella del giovane, quindi siamo proprio in un caso di scuola, non ci sono scuse per l'autrice.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che i magistrati la penseranno come te e che le daranno una punizione esemplare.

      Elimina