martedì 19 marzo 2019

I ladri si pentono: Chicco è tornato a casa

Tutto è bene quel che finisce bene.
Nella giornata dedicata alla festa del papà, ho deciso di raccontarvi una storia a lieto fine che ho letto la scorsa settimana, e che riguarda un altro tipo di amore paterno, ovvero quello per gli animali.
Nelle campagne di Bitonto, un 74enne aveva lasciato la sua vecchia Panda con le chiavi inserite nel quadro, per svolgere dei piccoli lavori nel suo uliveto.
Nel bagagliaio aperto dell'auto, dormiva Chicco, il suo fedele amico a quattro zampe.
D'improvviso, però, ignoti rubavano l'utilitaria, senza probabilmente rendersi conto della presenza del volpino.
Immediata la disperazione dell'anziano che cercava subito conforto in sua figlia Marta.

Questa, dopo aver trovato una vecchia foto del cane, lancia un appello sui social, per riuscire a ritrovare anche solo l'animale, di cui suo padre non riesce a fare a meno.
Pochi giorni dopo, i ladri abbandonano l'auto poco distante dal luogo del furto, con un messaggio scritto a caratteri cubitali sul cofano: "Scusami per quello che ti ho fatto. Non avevo visto il cane e te l'ho fatto recuperare: macchina e cane. Te lo lascio dentro perché non si faceva mettere il guinzaglio”.
Nel bagagliaio, anche dell'acqua e dei croccantini, ma di Chicco neppure l'ombra.
Evidentemente sarà fuggito per lo spavento.

Passano ancora un paio di giorni, però, e il volpino viene ritrovato nella zona industriale di Ruvo di Puglia (a circa dieci km dal luogo del furto), e viene finalmente riconsegnato al suo "papà".

Insomma, una bella storia.
Tante volte mi è capitato di scrivere di ladri senza morale che rubano indisturbati persino protesi ed attrezzatura speciale per bambini disabili, senza mai ravvedersi.
In questo caso, invece, per fortuna ha vinto la sensibilità.

28 commenti:

  1. Meno male che Chicco ha ritrovato la sua casa ! Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il giusto epilogo per una storia apparentemente tristissima.
      Buona serata.

      Elimina
  2. Una storia davvero a lieto fine, di umanità.
    Tutta, anche perché penso al ladro disperato che ha dovuto rubare una Panda vecchio modello... Insomma, c'è da riflettere su tutto.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione. La Panda vecchio modello credo non abbia proprio mercato.
      E forse è per l'umiltà del ladro che il lieto fine é stato possibile.

      Elimina
    2. Esatto, manco in Albania la vogliono.
      Chissà che storia tragica c'è dietro.

      Moz-

      Elimina
  3. Non chiedermi perché ma quando ho visto Chicco mi è venuto in mente il cane (barboncino) della signorina Silvani, il sogno erotico di Fantozzi, al ristorante giapponese.
    https://youtu.be/WjQ0Hk0GnQM

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah
      Comunque sappi che ho trascorso metà pomeriggio a cercare su Google un ristorante che avesse a che fare con Nola, Filippo, Giordano Bruno o Sotuknang, per risalire al tuo blog, ma non ho trovato nulla.
      SEI UNA BRUTTA PERSONA.
      ORRIBILE.

      Elimina
    2. Ahahahahah.
      Grande Claudia.

      Elimina
    3. GRANDE IL CAZZO!
      Ed io non sono mai volgare.
      Ti troverò e sarai un uomo finito.
      Ti conviene consegnarti spontaneamente alla mia autorità. 😂😂😂😂😜😈

      Elimina
  4. Ma che storia bella!!
    la tenerezza di questo cagnolino!!
    bravo il ladro!!

    RispondiElimina
  5. Cara Claudia è molto bello leggere questi post, si capisce che il mondo è ancora buono, e con pazienza tanti si convertono dal mele al bene!!!
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Tomaso.
      Il bene esiste e deve essere più forte di tutto.
      Buona serata

      Elimina
  6. Un ladro con un po' di dignità :).
    Felice per il lieto fine!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che strane le parole ladro e dignità associate......

      Elimina
  7. Probabilmente era un ladro diventato tale per disperazione e con un lato buono. Tutto è bene quel che finisce bene, sono molto contenta per il cagnolino e il suo padrone. Non so proprio come starei se perdessi il mio Terry!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio non pensarci. Sono certa che tu te ne prenda cura con molto amore. 😘

      Elimina
  8. Qualcosa di bello! Fra tante notizie brutte (ma anche persone brutte che si incontrano ogni giorno), ecco quel piccolo fiore che rende la giornata migliore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti.
      Mi piace coglierlo quel fiore, appena lo intravedo. Proprio per regalarlo a tutti voi. :*

      Elimina
  9. Mi piace l'idea di questo ladruncolo che scrive il biglietto, si pente, torna a riportare la refurtiva :)
    E poi diciamocelo, i veri ladri, quelli senza scrupoli, non rubano una Panda.
    Come dici tu: tutto è bene quel che finisce bene :) un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà il messaggio era scritto con un pennarello sul cofano dell'automobile.
      Quindi un ladruncolo sensibile e artista.
      Oltretutto mi ha stupita l'ortografia corretta, perché mi aspettavo che si trattasse di una persona modesta al punto da non essere istruita.
      Ma vedi, molte volte i preconcetti sono del tutto errati.

      Elimina
  10. Un Lupin de noantri!!*_* Che figooooo!!! Possiamo contattarlo affinchè venga a derubare la mia panda con mia suocera dentro? ^_^ Glielo lascio io il biglietto: Riportami solo la macchina, grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh no amore mio..
      Sul biglietto scrivici "la Panda te la lascio come risarcimento morale".. 😂😂😂😂

      Elimina
    2. 🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣e mi pare pure giusto...

      Elimina
  11. E chi le ruba più le vecchie Panda? Mah...
    Comunque bella storia ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evidentemente un ladro povero e disperato. Non che valga come attenuante..

      Elimina
  12. Che storia curiosa e toccante, mi lascia molte domande e curiosità su cosa sia avvenuto dietro le quinte. Come detto qualche commento qua sopra, per aver rubato una vecchia Panda probabilmente l'autore del furto doveva essere un ladruncolo abbastanza disperato, e se è arrivato a preoccuparsi di restituire il cane "rapito" ha avuto sicuramente buon cuore.
    Se mai leggerà questo commento, gli consegno virtualmente un sorriso e una stretta di mano.

    RispondiElimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.