lunedì 18 marzo 2019

Post amarcord: l'elenco telefonico

Buongiorno amici e buon inizio di settimana.
Quest'oggi voglio regalare un momento di ricordo ai nostalgici del passato...
Qualche giorno fa, infatti, di ritorno dal supermercato, ho trovato sulle cassette della posta gli elenchi telefonici dell'anno corrente e ne ho preso uno.
Non appena entrata in casa, però, mio marito mi ha ammonita, chiedendomi cosa l'avessi portato a fare, perché sarebbe servito solo a prendere polvere sulla libreria.
Caspita, aveva proprio ragione, ed io mica ci avevo pensato.

Ricordo che nei primi anni Novanta avevamo il telefono fisso con la Sip.
Qualcuno sa di cosa parlo? Era la madre della Telecom Italia.
Nel '98, complice un trasloco e la diffusione dei telefoni cellulari, decidemmo di sospendere il servizio e di abbandonare la cara vecchia cornetta che almeno faceva "tu tu tu".

A quei tempi, l'elenco telefonico era un privilegio che spettava soltanto a coloro che avevano la linea fissa.
Ricordo che, ogni volta che ne lasciavano alcune copie nell'androne del mio condominio, correvo a prenderne una furtivamente, sapendo di infrangere le peggiori regole etiche e comportamentali.
Però, l'elenco telefonico, era indispensabile in casa.
Quantomeno fino ad allora.
Non potevo immaginare, infatti, che con l'avvento degli smartphone avrei trovato qualsiasi numero, indirizzo, nome e cognome con un semplice click.

Eppure, il sapore dell'inchiostro che restava appiccicato sui polpastrelli, rigorosamente inumiditi con la saliva per girare le pagine riciclate, mi manca.
Ho riportato l'elenco sulle cassette della posta.
Forse avrei dovuto tenerlo.
Come cimelio di guerra... A prendere polvere in libreria...
Voi ne avete ancora uno?

49 commenti:

  1. Io ne ho uno perchè lo hanno consegnato direttamente a casa un paio di anni fa.
    Ricordo quando si andava in qualche bar a chiedere l'elenco se si era per strada, si cercava e annotava il numero, e poi si correva alla cabina telefonica a gettoni per chiamare (in verità in qualche cabina telefonica c'era un elenco a disposizione ma spesso la gente se lo portava a casa.. >_>). xD
    Un paio di volte ho dovuto farlo.
    Mi è sempre piaciuta quella carta sottile e "sfrusciante" usata per le pagine dell'elenco telefonico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh mamma..
      Le cabine telefoniche. Un altro ricordo emozionante.
      E quando inserirono la possibilità di inviare sms anonimi. Quanti scherzi al ragazzo che ci faceva battere il cuore.
      Com'era quell'hashtag famoso? #chenesannoiduemila 😍😍

      Elimina
    2. Vero... i massaggi anonimi... scherzi a non finire! xD

      Elimina
    3. Esistono ancora dai cellulari?
      Le chiamate anonime le faccio spesso per non dare il mio numero a sconosciuti, ma gli sms no. Non ne invio uno da almeno cinque anni. Ormai uso solo Whatsapp..

      Elimina
    4. Non credo ci siano, o almeno non ho mai capito se e come si possa fare. Anche io ormai uso solo i social e le chat.. ^^

      Elimina
  2. Fino a qualche anno lo pigliamavamo anche noi dalle scale del condominio e lo tenevamo ancora in casa (con le Pagine Gialle!), ora in effetti non serve proprio più a nulla.. E' ottimo però se a uno serve carta da imballo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E no, dai.
      La carta da imballo no!! Dovrebbero arrestarti per vilipendio alla bandiera.. 😜

      Elimina
  3. Cara Claudia, da noi qui è da molti anni che non lo fanno più, sono solo dei piccoli libretti del comune dove abiti, comunque il telefono fisso esiste sempre.
    Ciao e buon inizio della settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che il telefono esiste, ma viene usato molto meno rispetto a vent'anni fa, no?
      Bacione a te

      Elimina
  4. Non ricevo gli elenchi da almeno quattro anni, eppure continuano ad addebitarli in bolletta. Dovrei mettermi di buona lena e incazzarmi con qualcuno al telefono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah quindi lo pagate pure.
      Giuro che non ero a conoscenza di questo costo, anche perché dalle mie parti lo distribuiscono come i volantini dei supermercati..
      Nel mio palazzo siamo in 11 e mi pare che solo 2 abbiano il telefono fisso, eppure ne lasciano sempre sei o sette copie.

      Elimina
    2. Costa 3 € mi pare.
      A parte il fatto che nessuno glielo ha chiesto, ma pagare per qualcosa che neppure si riceve mi fa imbestialire.
      Se fossi la solita belvaccia gliene canterei quattro, ma in questi giorni cerco di starmene calma il più possibile. Un bacione.

      Elimina
    3. Siii Dama fanno così! confermo.
      Devi telefonare e assolutamente disporre che non ti mandino gli elenchi telefonici.
      Per 2-3 mesi continuano a farlo...
      Ecco, io li ho ricevuti fino a quelle 2-3 telefonate per farmi togliere dall'elenco dei riceventi.
      Sono davvero cambiati i tempi, oggi meglio risparmiare carta e consultare tutto via web.

      Elimina
    4. Per due o tre mesi?
      Ma l'elenco non arriva una volta all'anno?
      Mi sono persa...

      Elimina
    5. Ah hai ragione..mi confondevo con la domiciliazione della bottega.
      Confermo allora: basta una telefonata!

      Elimina
  5. L'elenco telefonico ai nostri giorni è utilissimo... (in realtà ne servirebbero due) è perfetto per far arrivare il videu del pc ad una altezza tale da non farmi star ore con il capo chinato :)
    Però sono anni che non lo ricevo (per qualche strano motive arriva in ufficio, anzi ne arrivano molti visto che ci sono diverse line telefoniche) e puntalmente 'due' spariscono :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahha
      A saperlo, allora, lo spedivo a te invece di riconsegnarlo.. 😉

      Elimina
  6. Io ero appassionatissimo dell'Elenco, delle Pagine Gialle e Bianche.
    Mi piacevano le pagine "non elenco", per dire.
    Quando andavo in giro, amavo vedere gli altri elenchi... ad esempio quelli giganti delle città.
    Amo, ovviamente, l'elenco con copertina grigio-scurissimo.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio era gigantissimo.
      Ti sarebbe piaciuto. ;)
      (E fortuna che non sono un uomo, se no non avrei saputo come esprimermi...) :P

      Elimina
    2. Eh, ma quel "ti sarebbe piaciuto"...

      Moz-

      Elimina
  7. Ciao! Ricordo ancora quando da bambina cercavo i numeri di casa delle amichette sull'elenco telefonico… Sembra un altro mondo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è quando il telefono era intestato alle mamme..
      Chissà quali erano i loro cognomi... ;)

      Elimina
  8. Oggi si cerca tutto in rete, ma sicuramente gli elenchi di carta hanno un altro fascino.
    Sereno pomeriggio.

    RispondiElimina
  9. certo che l'abbiamo!!
    e io lo uso ancora!!

    un bacio

    RispondiElimina
  10. A me l'hanno distribuito fino all'anno scorso ma ammetto che non l'ho mai usato ed è rimasto chiuso nel suo cellophane.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente è ormai del tutto inutile per chi possiede uno smartphone.

      Elimina
  11. A me piaceva il Postal market. Ma non ricordo perché. ;)

    RispondiElimina
  12. Serviva soprattutto per cercare indirizzo e numero di telefono di quel ragazzo che incontravamo in giro o nei corridoi della scuola e di cui sapevamo solo nome e cognome!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siiiiiiii.
      Si chiamerà Paolo suo padre? O forse è questo Filippo?
      Ma vive in via Garibaldi o in corso Perrini? 😍😍😍😍

      Elimina
  13. Amarcord che noi , per telefonare alle zie a Venezia , prenotavamo al
    centralino del vicino bar . Poi ci chiamavano che per la tale ora
    c'era il collegamento . Poi il collegamento venne diretto e ci
    sembrava fantascienza . Il mio babbo diceva ( scherzando) che l'uomo sarebbe arrivato , un giorno sulla luna . Mancò troppo presto e non
    seppe mai che l'uomo sulla luna era arrivato per davvero .
    Gli Elenchi arrivavano una volta l'anno , addebitati . Poi abbiamo
    cambiato Compagnia telefonica e...stop .
    Oggi ho salutato figlia e Nipotina . Domani mattina presto ritornano
    a casa loro . E' incredibile come Nora in 10 giorni abbia imparato
    così tante parole Italiane . Ha sentito la parola cappotto , per lei
    nuova , e ripeteva la parola in continuazione x un po', le piaceva ,
    solo che era la pronuncia che ci faceva morir dal ridere .
    Buonanotte . Un bacione . Laura


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che dolce. E come lo diceva? 😍😍
      Comunque tuo padre ci vedeva lungo, altro che per scherzo.
      Evidentemente era molto intelligente. Proprio come te. 😘

      Elimina
    2. Non sono intelligente e nemmeno colta ma , ho una profonda
      intelligenza emotiva e penso che anche questa possa valere.
      E come posso spiegarti come Nora diceva cappotto ?
      Non lo so dire neppure io......
      Good night . Laura

      Elimina
    3. Pensavo dicesse tipo "Tappotto".. 😍😍

      Elimina
    4. E no...troppo facile...

      Elimina
    5. Allora mi arrendo. 😉
      Buonanotte 😘

      Elimina
  14. Io ce l'ho ancora un paio di elenchi, che venivano consegnati con il fondamentale stradario della città (capisco che a Fasano basta un foglio..), prendono polvere, anzi no, perché sono in un mobile, ma credo che non faranno parte del prossimo trasloco... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehi tu, simpaticone..
      Ma quale un foglio??? Fasano supera i 40mila abitanti, eh?
      Mica è proprio un villaggio.. 😜

      Elimina
  15. Li ricordo bene, mi piaceva molto sfogliarli, pesavano un quintale ma vabbè, a quei tempi erano un must, ma tutto cambia e tutto si rinnova, e dobbiamo abituarci ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi sono abituata da un pezzo, in verità, però in quel momento l'ho preso senza pensare, e mi è venuto in mente un dolce ricordo.

      Elimina
  16. CEEERTOOOOO!!! *_* Io ho elenco telefonico e pure pagine bianche, anche se poi alla fine non li uso mai :P
    Te lo dicevo domenica, IO AMO IL TEL FISSO!! E mi ricordo della SIP :D... Mi ricordo pure che a casa mia il telefono è arrivato che avevo già 14 anni. Però il tel fisso durante la mia infanzia lo aveva una vicina di casa che si chiamava Momminuzza, una privilegiata, e per quasi tutti gli anni '80 il quartiere si appoggiava a lei per ricevere le telefonate. Ad esempio, telefonava Tizio che cerava Caio, Momminuzza usciva in strada e gridava: Caaaaaaaaaiooooooooooooooooooooooo, Tiziooooo al tel!!... Se il Caio da raggiungere era troppo lontano dalla sua abitazione, allora Momminuzza ci mandava di corsa uno dei figli che arrivava stile Forrest Gump dall'interessato che a sua volta ripercorreva il tragitto stile gara olimpionica per non far spendere tanto a Tizio che lo attendeva dall'altra parte della cornetta... Che bei ricordi, su questa cosa mi ispirai persino per scrivere un racconto *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che bella scenetta ho immaginato.
      Grande Momminuzza centralinista, allora.
      Spero che in paese le abbiano fatto una statua... :*

      Elimina
  17. Elenco Telefonico era una volta completo con la via numero civico ed era veramente utilie. Era anche specificato se il numero era simplex o duplex ovver il secondo era assieme ad un altro utente non della famiglia ma cosi si pagaa di meno.
    Certe cose antiche ma utili magari modernizzate non andrebbero male nemmeno oggi. Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino che l'indirizzo ci sia ancora, ma non lo sfoglio da una vita, quindi non saprei dirti.
      Buona giornata a te.

      Elimina
  18. Ho sempre nutrito scarso interesse per l'elenco, però ero quello che lo spacchettava, quando lo lasciavano sullo scalino di casa. Sono stato quello che si è fatto rimborsare anche i soldi quando continuavano ad addebitarci il costo nonostante a casa non arrivasse nulla: 3.90€. Ho appena controllato e me li hanno addebitati proprio questo mese! Domani mi sentono!

    RispondiElimina

Per colpa di chi ne ha abusato, minando l'atmosfera familiare che si respira su questo blog, sono vietati i commenti anonimi, così come quelli polemici e offensivi.
Se non prendi la vita con filosofia e ami mettere zizzania, sei nel posto sbagliato.