giovedì 14 marzo 2019

Foto hard al cimitero: non c'è limite al peggio

E' proprio vero che, ormai, non si ha più rispetto nemmeno per i morti!
Tre incauti trentenni hanno scelto un luogo alquanto particolare per uno shooting fotografico hard: il cimitero di San Donato in Greti, frazione collinare del comune di Vinci (Firenze).
Alle tre del pomeriggio, infatti, un'avvenente ragazza vestita da suora ha cominciato a sdraiarsi sulle lapidi, inscenando atti sessuali e pose osé, mentre i due amici scattavano le fotografie.

Ad accorgersi della misfatto un semplice visitatore giunto sul posto per concedersi un momento di raccoglimento sulla tomba dei suoi cari, che non ha esitato ad allertare il 112.

Giunti sul posto, i carabinieri hanno colto il trio in flagranza di reato, e li hanno denunciati per atti osceni e vilipendio di tombe.
I tre erano già noti alle forze dell'ordine per reati minori e, stavolta, stavano realizzando un servizio fotografico con l'obiettivo di immetterlo nel mercato pornografico.

C'era davvero bisogno di profanare un luogo sacro? Non avrebbero potuto realizzare lo shooting direttamente in camera da letto?
Chissà se avranno ancora voglia di scherzare dopo che la giustizia avrà fatto il suo corso.

25 commenti:

  1. Non c'è rispetto neanche per i defunti!
    Serena notte.

    RispondiElimina
  2. No vabbè, che schifo... Su una cosa simile passa pure la voglia di scherzare. Sul serio stiamo scendendo in basso. Lasciamo almeno chi non è più su questa terra riposare in pace, tra le lacrime e l'affetto dei propri cari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io probabilmente ci avrei discusso animatamente prima di chiamare i carabinieri.
      Qui davvero passa la voglia di..... respirare!

      Elimina
  3. Mi ricordo una vicenda, avvenuta nella mia Provincia, con protagonista un fotografo che ha organizzato uno shooting davanti a una chiesetta, con due finte suorine che si baciavano e un finto prete che le benediva...
    Certi luoghi (cimitere, Chiese) vanno rispettati e preservati.
    Perché questi non sono andati allo stadio a farlo :D?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino che allo stadio la suora avrebbe avuto un bel po' di.... fedeli alle calcagna. 😅

      Elimina
  4. Che schifo, ma il rispetto per certa gente proprio non esiste, buona serata baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il rispetto e persino il buongusto.
      Buona serata a te. 😘

      Elimina
  5. Mamma mia, dove stiamo andando!!! Cara Claudia, è vergognoso tutto questo.
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io al cimitero non sopporto i visitatori che parlano a voce alta. Figuriamoci questi imbecilli..
      Buona serata.

      Elimina
  6. Un altro segno del degrado del nostro mondo. Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici bene.. "un altro"..
      Ormai se ne sente una al giorno. Purtroppo.

      Elimina
  7. Io , questi 3 deficienti , le seppellirei vivi , solo con la testa che
    fuoriesce così i parenti potrebbero nutrirli , No , morti no....
    Ma un po di giorni o settimane finchè non abbiano capito che un
    cimitero è un luogo sacro x vivi e morti.
    Buonanotte , sperando di non sognare cimiteri e suore osè . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le suore osè solo a Carnevale, dai..
      E comunque la tua punizione non credo servirebbe, perché continuerebbero a fare i cretini.
      Scommettiamo?

      Elimina
  8. significa non solo non rispetto per i morti ma neanche per sè stessi,
    visto che tocca pure a loro stare là prima o poi..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati se gliene importa qualcosa..
      Mi sembra evidente che non abbiano coscienza.

      Elimina
  9. Non so perché, ma la scenetta mi fa molto ridere :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente ha dell'ironico. Resta, però, di pessimo gusto.

      Elimina